VENEZUELA. La guerriglia del petrolio di Caracas

139

Il Venezuela non smetterà di spedire petrolio greggio al suo alleato Cuba, nonostante le sanzioni degli Stati Uniti, ha detto il ministro degli esteri venezuelano, Jorge Arreaza. «Rispetteremo sempre le promesse venezuelane e, naturalmente, gli impegni verso i popoli fratelli come Cuba e verso il popolo venezuelano», ha detto Arreaza, ripreso da Efe, in conferenza stampa alla domanda sulle sanzioni statunitensi relative alle spedizioni di petrolio greggio venezuelano a Cuba.

Il vertice diplomatico venezuelano ha detto di non poter rivelare la strategia per cui il greggio continuerà ad arrivare a Cuba, ma ha osservato che «Siamo esperti nelle operazioni di guerriglia (…) Quando il potere convenzionale del capitalismo ti attacca, devi sapere come rispondere con mezzi non convenzionali, sempre nel rispetto del diritto internazionale», ha detto Arreaza.

La dichiarazione del Ministro di Caracas segue l’imposizione di ulteriori sanzioni da parte di Washington su Caracas. Questa volta le sanzioni hanno preso di mira 34 petroliere di proprietà o gestite dalla Pdvsa insieme ad un’altra nave e due società coinvolte nelle spedizioni di petrolio venezuelano a Cuba. Washington chiama l’accordo petrolifero tra il Venezuela e Cuba “petrolio per l’oppressione”, riporta Oil Price.

Cuba dipende fortemente dalle spedizioni di petrolio venezuelano, ed è per questo che Washington sta cercando così di colpire entrambi i paesi. Il mese scorso il leader dell’opposizione venezuelana, Juan Guaido, ha ordinato la sospensione di queste consegne, ma la Pdvsa resta fedele al governo Maduro, e quindi l’ordine dei Guaido ha lasciato il tempo che trova.

La crisi venezuelana ha già costretto Cuba ad adeguare le sue fonti energetiche, e il paese ha aumentato le sue importazioni dalla Russia e anche l’anno scorso ha firmato un contratto per ulteriori consegne di prodotti petroliferi dall’Algeria, un altro partner a lungo termine. Petrolio e prodotti petroliferi venezuelani hanno continuato a svolgere un ruolo importante nell’approvvigionamento energetico di Cuba; i due hanno un accordo di baratto; Cuba invia in Venezuela medici e altro personale altamente qualificato in cambio dei barili.

Graziella Giangiulio