VENEZUELA. AAA: minatori di Petro cercasi

997

Il Venezuela lancia il reclutamento a livello nazionale per “battere” Petro. Solo pochi giorni dopo aver annunciato alla Tv nazionale il decreto formale che lancia la criptovaluta nazionale, il Petro, il presidente venezuelano Nicolas Maduro sta asssumendo minatori in tutto il paese per raccogliere la moneta digitale. Per rafforzare il reclutamento a livello nazionale, il Registro Unico delle Miniere Digitali, Urdm, rimarrà aperto fino al 21 gennaio per accettare le domande dei minatori e fornire l’accesso alla nuova moneta digitale, riporta il venezuelano El Impulso. La registrazione all’Urdm è un obbligo per le persone fisiche e giuridiche per avere accesso al programma Petro. L’iscrizione al Rumd garantirà anche a coloro che vi sono registrati, di essere in grado di acquisire qualsiasi altro tipo di criptocurrency in Venezuela, «purché siano debitamente autorizzati», riporta CryptoVest.

Maduro sostiene che 860.811 giovani si sono iscritti al “lavoro” nel progetto “minerario” statale a partire dall’annuncio. Circa 300.000 dei quali hanno già iniziato a lavorarci nell’ambito dell’iniziativa governativa Chamba Juvenil. È stato sviluppato un software minerario per interconnettere l’hardware dei computer da utilizzare nel progetto, ha aggiunto Maduro. «Li chiameremo uno speciale team di valute cripto (…) Imposteranno cripto-miniere in tutti gli stati e i comuni del paese», avrebbe detto Maduro ripreso da El Universal.

Il governo socialista venezuelano sta usando la criptovaluta per combattere l’iperinflazione che sta paralizzando il paese, facendo lievitare i prezzi dei beni di prima necessità. La maggior parte della popolazione del paese stava già “battendo” il Bitcoin per sopravvivere, poiché l’energia elettrica è molto più economica e conveniente in Venezuela, rispetto alla maggior parte dei beni di base.

Annunciato a dicembre da Maduro in persona, e coperta dalle riserve petrolifere dell’Orinoco, il Petro viene lanciato dall’amministrazione perché venga utilizzato come pagamento per i fornitori internazionali del paese, evitando le difficoltà di importazione.

Il Petro Venezuela, sostenuto da 5,3 miliardi di barili di petrolio, oro e diamanti, viene accettato come pagamento nelle transazioni finanziarie internazionali dopo che una spedizione di carne di maiale dal Portogallo era stata ritardata per giorni, perché le banche hanno impedito i pagamenti a causa di sanzioni imposte dal governo degli Stati Uniti; la carne di maiale era originariamente destinata alla distribuzione ai venezuelani per Natale. Maduro aveva definito il ritardo come un “sabotaggio”.

Graziella Giangiulio