UCRAINA. Zelenskiy vuole i peacekeeper ONU nel Donbass, Mosca fa orecchie da mercante

125

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy intende discutere l’istituzione di una missione di peacekeeping nel Donbass in un vertice previsto con i leader di Russia, Germania e Francia. Zelenskiy ha detto in una conferenza stampa che le forze di pace si baseranno sul confine con la Russia, attualmente controllato dai ribelli filo-russi.

Una svolta nei colloqui di Minsk all’inizio di questo mese ha aperto la strada a quello che sarebbe stato il primo vertice internazionale in tre anni sulla fine dei combattimenti nell’Ucraina orientale.

Il presidente ucraino ha poi accusato la Russia di voler ritardare il vertice volto a risolvere il conflitto tra Kiev e i separatisti filo-russi nell’est dell’Ucraina, ma Mosca ha detto che Kiev deve prima ritirare le sue truppe. Ucraina, Francia e Germania avevano previsto di tenere la riunione del gruppo noto come “Normandy Four”, volto a risolvere il conflitto durato cinque anni, già a settembre, ma la Russia ha rifiutato la proposta.

«Siamo pronti a incontrarci in qualsiasi data», ha detto. In una svolta, i negoziatori ucraini, russi e separatisti hanno concordato il mese scorso che Kiev avrebbe concesso al territorio controllato dai separatisti uno status speciale e tenuto elezioni locali, suscitando proteste in patria da parte dei critici che hanno accusato Zelenskiy di aver ceduto a Mosca, riporta Reuters. 

Secondo l’accordo, anche i combattenti separatisti e le truppe ucraine si sarebbero ritirate dalla linea di contatto. Ma il ritiro, originariamente previsto per il 7 ottobre, non è ancora avvenuto perché l’Ucraina ha accusato i separatisti di bombardare le sue posizioni e ha detto che si sarebbe ritirata solo dopo una settimana di pieno rispetto del cessate il fuoco.

Zelenskiy ha detto di volere che la Russia garantisca il ritiro dei ribelli, mentre Mosca, a sua volta, ha detto che il ritiro delle truppe ucraine era un prerequisito per un nuovo vertice Normandy Four.

«L’Ucraina non ha ancora iniziato l’attuazione pratica degli accordi sul ritiro delle truppe a Zolotoye e Petrovskoye», ha detto Yuri Ushakov consigliere della presidenza russa per gli affari internazionali, riferendosi ai luoghi in cui le forze governative ucraine e i separatisti dovevano ritirarsi dalla linea di contatto. «Speriamo che il processo decolli e poi discuteremo i tempi di un vertice Normandy Four». 

Zelenskiy, tuttavia, ha detto che se i colloqui andranno in stallo, Kiev avrebbe cercato altri modi per risolvere il conflitto: «Smetteremo di perseguire quella strada e cercheremo altre opzioni», Zelenskiy non ha chiarito se questo significasse cercare di aggirare la Russia o meno.

Graziella Giangiulio