UCRAINA. Aiuti militari USA contro la Russia nel Mar Nero

122

L‘amministrazione Trump sta rilasciando quasi 400 milioni di dollari di assistenza militare per l’Ucraina, aprendo il rubinetto degli aiuti dopo settimane di dibattito sul fatto che gli Stati Uniti potrebbero trattenere il denaro come parte di un ampio riesame della politica americana per far fronte all’aggressione russa in Ucraina. Gli aiuti vengono forniti in due tranche. La prima è di 141 milioni di dollari promessi dal Dipartimento di Stato, e poi 250 milioni di dollari dal Pentagono, tutti legati a una varietà di sistemi d’arma e capacità non letali come le comunicazioni, le strutture di formazione e gli strumenti di sorveglianza per aiutare l’Ucraina a proteggere le sue coste dalla flotta russa del Mar Nero.

Dopo che il mese scorso è stato riferito che la Casa Bianca ha ordinato una rivalutazione dei finanziamenti statunitensi per l’esercito ucraino, sia i Repubblicani che i Democratici al Campidoglio hanno fatto pressione sull’amministrazione per mantenere il sostegno che è confluito dall’illegale invasione russa del 2014, riporta Asia Times.

Il Pentagono aveva rivolto alla Casa Bianca delle domande sui 250 milioni di dollari. Nell’annunciare il pacchetto di 250 milioni di dollari a giugno, il Pentagono ha detto che il denaro sarebbe andato a favore di oggetti come fucili da cecchino per le forze operative speciali dell’Ucraina, lanciagranate, sistemi radar di contro-artiglieria, centri di addestramento, attrezzature da guerra elettronica di contatore, e oggetti come i sonar per rilevare il traffico navale e sottomarino russo per rafforzare la presenza della Marina ucraina nel Mar Nero.

All’inizio di quest’anno, la Marina degli Stati Uniti ha inviato squadre per aggiornare diverse basi navali ucraine per dare alle navi da guerra americane e della NATO la possibilità di attraccare a poche miglia dal Crimea controllato dalla Russia. 

Nel frattempo, il Dipartimento di Stato ha autorizzato il Marocco ad acquistare quasi 8.500 munizioni di vario tipo, con un prezzo di poco inferiore al miliardo di dollari, riporta Defense News. I due pacchetti – un pacchetto di armi utilizzate sull’F-16 per 209 milioni di dollari e una tranche di missili Tow per 776 milioni di dollari.

Le armi «miglioreranno la sicurezza di un importante alleato non-NATO che continua ad essere una forza importante per la stabilità politica e il progresso economico in Nord Africa», ha scritto il Dsca nel suo annuncio. «Una forte difesa nazionale e una forza militare dedicata aiuteranno il Marocco a sostenersi nei suoi sforzi per mantenere la stabilità».

Anna Lotti