RUSSIA. Più turisti indiani con i visti elettronici

27

L’introduzione dei visti elettronici in Russia porterà ad un notevole aumento del numero di turisti dall’India, un paese ora tra le principali fonti russe di turismo in entrata, ha detto l’Unione russa dell’industria dei viaggi.

Secondo il Servizio Federale di Sicurezza Russo della Guardia di Frontiera, riporta Interfax, i turisti indiani hanno fatto 31.700 viaggi in Russia nella prima metà del 2019, che è quasi il 50% in più rispetto al 2018. L’India è ora una delle dieci principali fonti russe di turismo inbound per la prima volta.

«Il flusso turistico dall’India sta crescendo rapidamente, e i visti elettronici daranno un nuovo impulso e amplieranno la portata geografica delle destinazioni di arrivo. Gli indiani ora scelgono i classici, come San Pietroburgo e Mosca; e, naturalmente, Sochi, che conoscono già  molto meglio dei turisti europei», ha detto il portavoce dell’Unione Russa dell’Industria dei Viaggi, Irina Tyurina, riportando i dati degli operatori turistici.

I visti elettronici saranno disponibili a partire dal 1 ottobre 2019 per i turisti stranieri che entrano nel paese attraverso San Pietroburgo e il 1 gennaio 2021 per i turisti che entrano nel paese attraverso Mosca, ha detto.

«Malgrado la dinamica impressionante, il flusso di giro dall’India alla Russia è estremamente piccolo nei suoi numeri assoluti. In totale 1,25 miliardi di persone vivono in India e 26 milioni di loro hanno trascorso le vacanze all’estero nel 2017. In confronto, i viaggiatori provenienti dalla Cina, un paese con una popolazione simile, 1,4 miliardi, hanno fatto 131 milioni di viaggi all’estero», ha detto Tyurina.

Di turismo in Russia si è parlato all’ultimo Spief di San Pietroburgo. Alcuni funzionari statali hanno sostenuto che le infrastrutture turistiche sono rimaste sottosviluppate a causa di scarsi investimenti centrali. A causa di una serie di vincoli, disse Sergey Galkin, vice Ministro dello Sviluppo Economico, «c’è una disastrosa mancanza di investimenti in infrastrutture», riporta EurasiaNews.

Aumentare l’efficienza degli investimenti e migliorare il livello di collaborazione interaziendale e interregionale sono necessari per creare alcuni modelli nel settore, secondo il vice Ministro: «Per quanto riguarda un modello, dovrebbe includere una componente interagenzia perché il turismo non è in realtà una singola industria, ma un insieme di elementi provenienti da varie industrie. E qui, la collaborazione tra agenzie è un elemento chiave del successo», ha detto Galkin.

La generale mancanza di conoscenze e informazioni sulle destinazioni turistiche russe continua ad essere una grande sfida. Quello che sembra essere importante ora è l’identificazione delle priorità nel settore turistico.

Anna Lotti