Nasce il Califfato di Boko Haram

66

NIGERIA – Buni Yadi. 22/08/14. Boko Haram ha sequestrato una terza città nel nord-est della Nigeria e ha continuato saccheggi ed esecuzioni sommarie. Fonte Jeune Afric.

Secondo gli analisti, la strategia del gruppo jihadista è ora quello di cogliere interi territori per formare uno stato islamico. Boko Haram sta guadagnando terreno in Nigeria. Il gruppo armato ha sequestrato ieri, una nuova città nel nord-est della Nigeria, Buni Yadi. Secondo i residenti locali che sono fuggiti della città nei giorni scorsi, i combattimenti intorno Buni Yadi, che si trova nello stato di Yobe, sono in corso da fine luglio. Gli uomini armati islamisti hanno preso l’edificio comunale su cui ora vola la loro bandiera. Il portavoce del governatore di Yobe, uno dei tre stati del nord del paese, ha confermato la caduta della città. «Non ci sono soldati in Buni Yadi e i residenti hanno detto che i militanti Boko Haram vanno e vengono a loro piacimento» ha detto, 

«Molti residenti sono fuggiti Buni Yadi, capitale dello stato, Damaturu», 60 km più a nord. L’esercito non aveva formalmente confermato la notizia ieri. I ribelli avevano già attaccato più volte la città quest’anno, uccidendo quaranta studenti nel dormitorio di una scuola di notte nel mese di febbraio. Nel mese di aprile, hanno rapito 200 studenti delle scuole superiori a Chibok (Borno State, nord-est), che ha scioccato il mondo. Secondo i residenti di Buni Yadi, i militanti di Boko Haram hanno istituito posti di blocco e effettuato esecuzioni sommarie. Secondo l’Onu, Boko Haram ha assunto nelle ultime settimane il controllo delle città di Damboa e Gwoza, nel vicino stato di Borno. L’esercito nigeriano ha detto di aver preso Damboa ma l’informazione non è stata confermata in modo indipendente. Il portavoce nazionale della polizia, Emmanuel Ojukwu, ha detto che l’accademia di polizia nei pressi Gwoza è stata attaccata Giovedì dai ribelli, non ha potuto confermare l’esito dei combattimenti. «Ancora non sappiamo se hanno preso il controllo della scuola» ha detto.  Boko Haram, secondo gli analisti, ha cambiato strategia da Boko Haram a tattiche di guerriglia, con incursioni contro l’esercito e gli edifici pubblici, gli insorti stanno ora cercando di prendere in consegna interi territori per stabilire uno stato islamico. «Per conquistare il territorio e rimanere vi è un cambiamento significativo nel modus operandi di Boko Haram», ha detto Ryan Cummings, analista senior, per la società di sicurezza africana Rosso 24, con sede in Sud Africa. Questa tendenza è emersa chiaramente da aprile, con le lotte in diversi settori tra i ribelli e l’esercito ha cercato di riconquistare il territorio perduto. I soldati sono anche ammutinto questa settimana a Maiduguri, capitale dello stato di Borno, chiedendo di essere dotati di armi migliori per riprendere la città Gwoza agli islamisti. Secondo Ryan Cummings, recenti attacchi di Boko Haram dimostrano che il gruppo sta «lentamente ma inesorabilmente, avendo successo, il suo obiettivo primario è la creazione di un califfato governato dalla sharia (legge islamica) a nord-est della Nigeria» . 

Le regioni del Borno, Yobe e Adamawa sono posti sotto lo stato di emergenza dal maggio 2013 e per quelle aree è difficile avere  informazioni attendibili sul conflitto, a causa della precarietà estrema e scarsa comunicazione. Pochi operatori umanitari sul terreno e l’esercito danno poche informazioni. Secondo Jacob Zenn, un ricercatore presso l’American Fondazione Jamestown, gli insorti hanno sistematicamente distrutto strade e ponti nel nord-est , il che rende difficile inviare rinforzi militari.