ADB: 7,4 milioni di filippini a rischio di povertà

54

FILIPPINE – Manila. 23/08/14. Più di 7,4 milioni di filippini rischiano di diventare indigenti, a causa della insicurezza alimentare, disastri naturali, ed economici. Fonte Banca asiatica di sviluppo (ADB).

Nella sua relazione dal titolo “Indicatori chiave per l’Asia e il Pacifico 2014” ADB ha detto che più filippini potrebbero diventare poveri dopo il tifone Haiyan che ha raso al suolo il paese lo scorso novembre. Il rapporto ha proposto una “soglia di povertà specifica per l’Asia”, dovuta all’insicurezza alimentare e la vulnerabilità economica. L’istituto di credito con sede a Manila ha rilevato che la soglia giornaliera di 1,25 dollari al giorno attualmente in uso non è sufficiente per cogliere l’estensione della povertà nella regione. La soglia di povertà estrema era in gran parte basata su dati africani ed è un indice considerato obsoleto. ADB ha scritto nel rapporto che prendendo in considerazione l’insicurezza alimentare e la vulnerabilità economica il numero dei poveri in Asia arriverebbe a 1,75 miliardi dagli attuali 733 milioni. Il doppio. 1,5 milioni di persone nelle filippine sono scivolate nella povertà. Inoltre, circa 4 milioni di persone che sono state sfollate a causa dal tifone rimangono a “alto rischio” di diventare poveri. Il rapporto afferma che la crisi finanziaria permette di rilevare la povertà anche attraverso un aumento della disoccupazione, riduzione orario di lavoro e stipendi, aumenti dei prezzi, e tagli alla spesa pubblica. La crisi finanziaria asiatica del 1997-1998 ha causato l’incidenza della povertà l’ha vista salire di 8,9 punti percentuali in Indonesia e di 9 punti percentuali nelle Filippine. La crisi finanziaria 2010 ha anche aumentato il tasso di povertà di 1,2 punti percentuali in Bangladesh e di 1,5 punti percentuali nelle Filippine. ADB ha detto che la sicurezza alimentare può essere migliorata aumentando la disponibilità di cibo attraverso un più rapido ciclo della produttività e dello sviluppo tecnologico, ampliando l’accessibilità e l’accesso attraverso aiuti alimentari mirati per le infrastrutture poveri e l’aggiornamento farm-to-fork. Per gestire l’aumento di vulnerabilità, i governi possono investire nella mappatura del rischio di catastrofi e gli sforzi di riduzione, come sistemi di allerta precoce e la diversificazione sostentamento.