La Cina si espande in Bolivia

61

Bolivia e Cina hanno firmato un memorandum d’intesa, dove Hydrochina Corporation azienda di proprietà dello Stato di condurre uno studio gratuito di fattibilità per la costruzione di una centrale idroelettrica nella provincia orientale di Santa Cruz, la regione più ricca della nazione andina, ha riferirlo il ministro per l’Energia e idrocarburi. 

Il memorandum è stato firmato venerdì scorso dal ministro per l’Energia e gli idrocarburi e Juan Jose Sosa e Hydrochina rappresentanti Corporation, alla presenza dell’Ambasciatore cinese in Bolivia, Li Dong. Il documento chiede a Hydrochina di fornire lo studio di fattibilità per il governo boliviano sul progetto di energia idroelettrica Rositas a Santa Cruz, entro 90 giorni «senza alcun costo». Se Bolivia accetta lo studio, sarebbe Hydrochina progettare e costruire la centrale elettrica, che il governo boliviano ha detto avrebbe avuto una capacità di generazione installata di 400 MW. La mancata presentazione dello studio di fattibilità entro i termini stabiliti nel memorandum comporterebbe l’annullamento del contratto, ha detto il ministero. Il presidente Evo Morales ha affermato che la centrale idroelettrica Rositas permetterebbe alla Bolivia di soddisfare le sue esigenze di alimentazione, specialmente nelle zone rurali, ed esportare energia elettrica ai paesi vicini.