INDIA. Riscaldamento globale e industria agroalimentare

80

Il ministero dell’Agricoltura indiano ha pubblicato i dati sulla produzione dei prodotti di origine animale più importanti, tra cui latte e carne, per il periodo luglio-ottobre del 2016. Secondo i dati, riporta Times of India, il risultato finora è indice del conseguimento per raggiungere l’obiettivo annuo del 2016 – 2017.

Il Ministero ha sostenuto che la produzione totale di latte, uova e carne è aumentata nei mesi di luglio-ottobre dello scorso anno, rispetto al corrispondente periodo del 2015. La produzione di lana, tuttavia, è diminuita nel 2016 rispetto all’anno precedente.
Il ministero ha tratta questi dati da un sondaggio condotto all’interno dell’Unione nel corso di tre stagioni ogni anno. La stima riguarda il periodo luglio – ottobre.
Le prestazioni finali del periodo 2016-17 saranno note solo dopo il risultato della stagione invernale.
I risultati delle prime due stagioni, secondo il ministero, sono stati molto incoraggianti, e dimostrano che il paese può centrare il suo obiettivo in termini di produzione di latte, uova e carne.
Secondo la stima, la produzione di latte in India ha toccato i 105,42 milioni di tonnellate in otto mesi, mentre la produzione prevista era di 163,74 milioni di tonnellate nel 2016-17.

A questi dati ufficiali devono essere aggiunte le preoccupazioni degli allevatori legate al riscaldamento globale. Il fenomeno, riporta Sarkaritel, fa presagire male per il settore lattiero-caseario in India, che rischia di perdere tre milioni di tonnellate di latte nei prossimi tre anni, poiché aumenteranno le temperature medie.

L’allarme è stato lanciato durante la 45^ Dairy Industry Conference a Mumbai, dedicata alla relazione tra “Cambiamenti climatici e allevamento”. Tema centrale sono le ripercussioni per il settore del riscaldamento globale che colpendo l’industria lattiero-casearia del paese che impiega oltre 16 milioni di agricoltori, tra cui 4,60 milioni di donne.
L’India è autosufficiente nel latte ed si è classificata il più grande produttore al mondo con una produzione annua di 156 milioni di tonnellate nel 2015-2016.

Maddalena Ingrao