AGRICOLTURA. Nasce La Federazione sudamericana della Yerba Mate

21

Coltivatori di Argentina, Brasile e Paraguay hanno lanciato la Federazione sudamericana dei produttori di yerba mate “per proteggere e promuovere” la loro attività e lavorare per la sua “diffusione mondiale”, è stato annunciato a Buenos Aires. I fondatori della nuova corporazione hanno sottolineato il valore del mate come alimento naturale e sano nel mercato globale.

Il 19 marzo, è stato concordato che l’Argentina deterrà i primi tre anni di presidenza di turno del gruppo, con Nelson Dalcolmo dell’Istituto Nazionale dell’Erba Mate (INYM) alla guida dell’entità, riporta MercoPress.

“Ognuno di questi tre paesi ha un prodotto emblematico particolare a base di yerba mate; per i brasiliani è chimarrão; in Paraguay loro hanno tereré e noi argentini abbiamo mate”, ha spiegato Claudio Marcelo Hacklander, membro del consiglio dell’INYM.

A rappresentare l’INYM alla convention di martedì c’erano Dalcolmo, Hacklander e Jonas Petterson. L’Istituto Brasiliano dell’Erva Mate (IBRAMATE) ha inviato Alberto Tomelero, Cleomar Henrique Konzen e Ismael Rosset, mentre a nome del Centro Paraguaiano Yerba Mate erano presenti Eduardo Oswald, Naida Alderete, Héctor Sauer e il consulente legale Alejandro Úbeda.

“La prima presidenza era responsabile della rappresentanza argentina. Ma sarà itinerante e il presidente cambierà ogni tre anni. Con sede permanente in Paraguay, nel centro paraguaiano Yerba Mate, e poi sedi secondarie in Argentina e Brasile”, ha aggiunto.

“L’agenda principale è lavorare per raggiungere l’innovazione del prodotto e la promozione mondiale dell’erba mate per poter entrare in nuovi mercati e lasciare da parte un po’ di quell’egoismo e di quella competizione per cui pensiamo sempre che dove entriamo noi, entrino i paraguaiani o i brasiliani e portarci via il mercato. Non è così, possiamo lavorare insieme e lasciare da parte quell’egoismo particolare. Vogliamo che il mondo conosca le virtù dell’erba mate e possiamo coprire più spazi che oggi non rientrano esattamente nel business dell’erba mate”, ha anche sottolineato.

“La nostra Federazione vuole evidenziare un’eredità condivisa dai tre paesi: quella di essere gli unici produttori di yerba mate al mondo, con più di 500 anni di storia, cultura e radici nelle nostre comunità, dando energia all’intera regione”, Dalcolmo ha notato.

“Siamo fratelli, condividiamo non solo mate, chimarrão e tereré, ma anche la storia di questa regione. Abbiamo un enorme potenziale per espandere le frontiere del nostro prodotto in un mondo che ricerca cibi sani e naturali come il nostro”, ha proseguito.

“È un giorno storico per noi”, ha ammesso il brasiliano Tomelero. “Siamo riusciti a unire i tre paesi produttori di yerba mate e ora lavoreremo allo sviluppo e alla crescita dell’attività. Inizieremo concentrandoci sui produttori, molti dei quali sono agricoltori a conduzione familiare, e cercheremo alternative di sviluppo. Il nostro obiettivo è diffondere i benefici per la salute della nostra yerba mate, attirare nuovi consumatori e raggiungere un equilibrio di redditività per tutti coloro che sono coinvolti nella catena della yerba mate”, ha inoltre osservato.

Nel frattempo, Oswald del Paraguay ha sottolineato che “abbiamo realizzato un sogno; lavoriamo da più di un anno per raggiungere questo obiettivo, e oggi concludiamo la parte organizzativa, con statuto e consiglio di amministrazione. Definiremo il lavoro congiunto in base alle priorità di ciascun Paese”.

“Il desiderio è l’integrazione; parliamo molto e a volte non usciamo da quelle parole, e oggi andiamo avanti. Questo è importante se si tiene conto di come si sta delineando il mondo, con la globalizzazione, e noi, i tre paesi, abbiamo deciso insieme di unire gli sforzi affinché il nostro prodotto continui a guadagnare quote di mercato”, ha aggiunto il rappresentante del Paraguay, il cui paese ospiterà l’evento. sede della nuova entità.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/