CINA. Dimezzati i prestiti bancari 

58

La Cina ha dimezzato i prestiti bancari nel mese di dicembre, da quando il governo ha continuato la sua campagna per frenare i rischi del sistema finanziario. Stando a Scmp, le banche cinesi hanno esteso 584,4 miliardi di yuan nel mese di dicembre, secondo i dati dalla Banca popolare della Cina, Pboc, ben al di sotto delle aspettative che erano di 1 trilione di yuan e in forte calo dal dato di novembre pari a 1,12 trilioni di yuan, ma hanno anche registrato il record di 13,53 trilioni di yuan relativi ai nuovi prestiti nel 2017.

Le autorità cinesi stanno contenendo i tipi di finanziamento più rischiosi e rallentando l’esplosione del debito senza arrestare la crescita economica. I nuovi prestiti bancari, l’anno scorso, hanno superato il dato del 2016 di 12,65 trilioni di yuan, in concomitanza di una stretta sui prestiti più rischiosi, che ha costretto le banche a registrare simili prestiti sui loro libri contabili. Dall’inizio del 2018, le autorità di regolamentazione cinesi hanno preso una serie di misure per costringere le istituzioni finanziarie a ridurre la leva finanziaria dal trading obbligazionario all’emissione di debito Ncd delle banche fino ai prestiti affidati.

«La crescita cinese, riporta il giornale di Hong Kong, ha iniziato a soffrire a causa del rallentamento della crescita del credito; è prevista un’ulteriore debolezza nei prossimi mesi»; i prestiti alle famiglie, soprattutto mutui ipotecari, sono scesi a 329,4 miliardi di yuan nel mese di dicembre dai 620,5 miliardi di yuan nel mese di novembre. A dicembre le famiglie hanno assorbito il 56% del totale dei nuovi prestiti in dicembre, contro il 55% di novembre.

I prestiti aziendali sono scesi a 243,2 miliardi di yuan nel mese di dicembre rispetto ai 522,6 miliardi di yuan di un mese prima. L’offerta di moneta nel mese di dicembre è cresciuta dell’8,2 per cento rispetto all’anno precedente; la Cina dovrebbe manterrà il suo obiettivo di crescita economica a “circa il 6,5 per cento” nel 2018, invariato rispetto all’anno scorso, fonti politiche hanno detto a Reuters la settimana scorsa.

Secondo la banca centrale, il controllo sull’offerta di moneta quest’anno resterà in linea con la sua politica “prudente e neutrale”, ma non si prevedono aumenti dei tassi di interesse di riferimento, dopo il recente aumento dei costi di finanziamento delle imprese.

Lucia Giannini