#UKRAINERUSSIAWAR. Operai nordcoreani ricostruiranno il Donbas

144

La Corea del Nord ha completato il processo di selezione dei lavoratori che prenderanno parte alla ricostruzione nelle zone occupate dalla Russia nell’Ucraina orientale, con l’intenzione di inviare i lavoratori nella regione all’inizio di novembre.

Stando al Daily NK , le autorità hanno effettuato la selezione a Pyongyang a partire da luglio e sono stati reclutati da 800 a 1.000 lavoratori. Ad agosto, la Corea del Nord aveva pianificato di inviare nel Donbas alcuni lavoratori nordcoreani già presenti in Russia e che le autorità nordcoreane avevano anche selezionato lavoratori in Corea del Nord da inviare nella regione.

I nuovi lavoratori selezionati in Corea del Nord sarebbero stati inviati a turno in piccole squadre di 30-60 persone: «Non è stata scelta una data precisa, ma si prevede di inviare i lavoratori selezionati all’inizio di novembre, mentre si selezionano nuovi lavoratori».

La Corea del Nord, dopo aver valutato quando inviare i lavoratori osservando attentamente l’andamento della guerra, si starebbe preparando a inviare il personale all’inizio di novembre e intenderebbe anche condurre una seconda tornata di selezioni di lavoratori da inviare nel Donbas.

Per quanto riguarda il modo in cui i lavoratori arriveranno a destinazione, i funzionari stanno discutendo i piani per inviarli in treno dalla città nord-orientale di Rason, o in aereo a bordo di un volo Air Koryo per Vladivostok. Si starebbe discutendo anche di un piano per inviarli a Mosca o a San Pietroburgo via Pechino.

La Cina avrebbe «deciso di fingere di non sapere», poiché i lavoratori stanno solo transitando nel Paese, senza mettervi piede. «La Corea del Nord, la Cina e la Russia hanno concordato che l’invio di lavoratori nordcoreani nelle aree occupate dalla Russia non costituisce una violazione delle sanzioni», prosegue Daily NK.

Poiché l’invio dei lavoratori in Russia attraverso Pechino costerebbe più o meno come l’invio attraverso Vladivostok, i funzionari nordcoreani stanno considerando l’invio dei lavoratori attraverso la città russa.

Adottata nel dicembre 2017, la risoluzione 2397 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite vieta l’invio di lavoratori nordcoreani all’estero. La Corea del Nord ha preso in considerazione dei modi per aggirare queste sanzioni e ora sta valutando fortemente l’idea di inviare direttamente i lavoratori in Russia.

La decisione della Corea del Nord di inviare i lavoratori in diverse rotazioni piuttosto che tutti insieme è stata probabilmente presa anche in considerazione delle sanzioni. Il Dipartimento degli Affari Economici del Comitato Centrale del Partito dei Lavoratori ha gestito la selezione dei lavoratori da inviare nel Donbas.

In particolare, la fonte ha detto che la maggior parte delle persone che si sono offerte volontarie per lavorare nel Donbas provengono da aree esterne a Pyongyang. Poiché le persone di provincia sono allo stremo, si sono offerte volontarie.

Ciò significa che i residenti della provincia che soffrono di difficoltà economiche si sono offerti volontari per andare all’estero e fare soldi, anche di fronte al pericolo fisico e ai pagamenti eccessivi del “fondo fedeltà”.

D’altra parte, la maggior parte dei residenti della capitale Pyongyang e di altre grandi città ha evitato di candidarsi a causa dei pericoli in quella che è una zona di conflitto, per quanto i russi affermino di “occuparla”.

Antonio Albanese