CINEMA. Le stelle del nuovo cinema da Gaza a Mosca

71

Il mondo del cinema da circa un decennio ha spiccato il volo in alcune aree del mondo mentre è entrato in grande sofferenza in altre.

Per esempio il 17 ottobre per la prima volta si è svolto un festival cinematografico nella città palestinese di Gaza. Circa 40 film sono stati proiettati al Red Carpet Human Rights Film Festival, che si è tenuto in un centro culturale recentemente rinnovato a Gaza, come riporta Reuters.

Circa la metà dei film si concentra sul lungo conflitto con Israele, mentre il resto riguarda questioni di diritti umani in tutto il mondo. Prima dell’inizio del festival sono stati presentati agli organizzatori circa 300 film provenienti da 60 Paesi e anche alcuni giovani registi di Gaza hanno proposto i loro lavori, dando loro l’opportunità di mostrare i loro film al pubblico locale.

Il direttore esecutivo del festival, Montaser al-Sabe, si è detto orgoglioso che l’evento abbia potuto svolgersi a Gaza e ha auspicato la riapertura dei cinema distrutti in futuro. I cinema di Gaza sono stati bruciati a causa dei conflitti militari e dei disordini interni.

Un altro paese in cui il cinema è un mercato fiorente è la Russia anche se ora, con il conflitto russo-ucraino rischia il collasso per via delle sanzioni. Il 27 agosto in Russia si celebra la Giornata del Cinema.

La scorsa estate la regione di Kuban ha ospitato numerose kermesse. La regione, per via dei suoi paesaggi è utilizzata spesso come set cinematografico. Ad oggi, nella regione di Kuban sono stati girati più di 300 film e serie. Questi sono i famosi film sovietici Kuban Cossacks, The Diamond Hand, The Cook e un numero enorme di nuovi progetti. Come Coach, Bitter, Vacation, Snoop, Family Budget.

Due anni nella regione, l’amministrazione locale ha introdotto un meccanismo che permette di compensare parte dei costi sostenuti dai registi della regione. Questo è un buon supporto per l’industria cinematografica, la divulgazione della nostra regione e la sua componente turistica.

Il 9 giugno lo stato è comunque dovuto intervenire nel settore per salvare il settore che in Russia conta: 19.000 dipendenti, centinaia di cinema e miliardi di rubli di incassi. Molti cinema sono ora a rischio di chiusura perché le compagnie straniere hanno abbandonato le prime russe per via della guerra in corso e delle sanzioni.

Il governo della Federazione Russa e il governo della città di Mosca stanno attuando un programma sistematico per sostenere l’industria della produzione e della distribuzione cinematografica. Il pacchetto di supporto di Mosca comprende: Pagamenti diretti alle reti cinematografiche dal bilancio comunale; Sovvenzioni per la promozione; Creazione di una distribuzione cinematografica urbana; Rimborso parziale per le riprese nelle strade e nelle piazze di Mosca; Aumento delle sovvenzioni per le riprese cinematografiche in città.

Lucia Giannini