VIETNAM. Hanoi fortifica i suoi avamposti nel Mar Cinese Meridionale

77

Il Vietnam ha continuato a rafforzare i suoi avamposti nel Mar Cinese Meridionale con fortificazioni e infrastrutture migliorate in funzione anti cinese, anche se la portata delle sue attività è modesta rispetto a quella svolta dalla Cina.

Secondo Defense News, le postazioni per la difesa antiaerea e costiera sono state costruite su terreni bonificati a West Reef e Sin Cowe Island, secondo il rapporto dell’Asia Maritime Transparency Initiative, o Amti, che fa parte del Center for Strategic and International Studies di Washington. Amti ha fatto le sue valutazioni basate sull’analisi delle immagini satellitari in collaborazione con Simularity, società che «analizza automaticamente immagini e dati geospaziali per trovare e classificare automaticamente i cambiamenti insoliti».

Il rapporto Amti ha aggiunto che negli ultimi due anni, «West Reef e Sin Cowe Island hanno visto i cambiamenti più drastici» di tutti gli avamposti del Vietnam nel gruppo delle isole Spratly contese, notando che la maggior parte dei 70 acri di terraferma a West Reef è terra bonificata, con altri 26 acri a Sin Cowe Island che sono stati bonificati in modo simile.

I cambiamenti includono la costruzione di «diverse installazioni di difesa costiera, edifici amministrativi, piattaforme di cemento e bunker, e una grande struttura a torre presumibilmente per le comunicazioni di intelligence dei segnali» a West Reef negli ultimi due anni, il rapporto ha detto. Nel frattempo, Sin Cowe Island ha visto la costruzione di una serie di installazioni sulla sua costa settentrionale, tra cui tunnel, fortificazioni costiere e bunker. Questi sono sotto forma di cuscinetti di cemento circolari o semicircolari collegati da una breve strada a un bunker, e sono simili ai tipi di installazioni precedentemente costruite su altre isole e scogliere controllate dal Vietnam nella zona.

Si ritiene che le installazioni siano per sistemi mobili di artiglieria di difesa costiera, anche se in teoria potrebbero anche contenere sistemi a più lunga gittata, come il sistema di razzi Extended Range Artillery della Imi Systems o sistemi missilistici antinave basati sulla terraferma, che potrebbero colpire le basi della Cina sulle sue isole bonificate.

Amti ha anche notato che il Vietnam ha fatto piccoli aggiornamenti ad altre isole sotto il suo controllo negli ultimi due anni, compresi nuovi edifici e una cupola che si credeva ospitasse un «sistema di rilevamento o comunicazione sconosciuto» a Pearson Reef, Namyit e le isole Spratly.

Tommaso Dal Passo