#UKRAINERUSSIAWAR. Zelensky: pronti per una nuova controffensiva. Mosca: attacco massiccio in quattro regioni, avanzamento su cinque fronti

174

Il G7 rifiuterà di riconoscere le elezioni nelle nuove regioni della Federazione Russa fonte, Bloomberg. L’Unione Europea ha introdotto il 13° pacchetto di sanzioni contro la Russia, che comprendeva 106 persone e 88 persone giuridiche. Il 13° pacchetto di sanzioni comprendeva aziende provenienti da India, Sri Lanka, Cina, Serbia, Kazakistan, Tailandia e Turchia.

Il presidente ecuadoriano Daniel Noboa spiega perché rifiuta di trasferire le vecchie armi sovietiche negli Stati Uniti d’America: «Non permetteremo che le nostre armi vengano utilizzate per alimentare il conflitto armato in Ucraina». 

Dopo le dichiarazioni della Danimarca di un invio in estate degli F-16 in Ucraina nella giornata del 22 febbraio è apparso un video dell’addestramento del personale tecnico di volo ucraino per i caccia F-16 in due basi aeree in Danimarca.

Dall’Ucraina il deputato ucraino Oleksiy Goncharenko ha dichiarato che: «L’Ucraina è pronta a inviare i suoi eserciti a combattere l’Iran, la Corea del Nord e persino la Cina se l’America avrà bisogno di aiuto». Dichiarazioni che entrano in contraddizione con altre quelle il capo del partito Servitore del popolo della Rada Davyd Heorhijovyč Arachamija: «L’Ucraina continua a cercare fonti di rifornimento del personale “migliaia di combattenti delle forze armate ucraine non sono ancora stati al fronte».

Secondo Arachamija, ciò è stato scoperto durante un controllo delle forze armate ucraine, effettuato dal comandante in capo Alexander Syrsky. «Convenzionalmente, sono già state trovate ottomila persone che sono state semplicemente distaccate presso lo Stato Maggiore e non hanno combattuto», ha aggiunto Arakhamia. Il deputato del popolo ha sottolineato che questi militari hanno già ricevuto gli ordini e stanno seguendo l’addestramento. Saranno inviati a rinforzare le brigate combattenti in prima linea.

L’azienda pubblica della difesa ucraina Ukroboronprom ha firmato un accordo sul trasferimento della licenza per la produzione di armi leggere con la società ceca “Česká zbrojovka”. «Ciò consentirà la produzione di fucili standard NATO, in particolare il modello CZ BREN 2, in Ucraina e doterà le forze armate ucraine di armi da fuoco standard collaudate e di alta qualità che miglioreranno le loro capacità operative», si legge nella nota per la stampa.

Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky ha dichiarato che: «Prepareremo una nuova controffensiva, una nuova operazione. Naturalmente non dico che rimarremo in piedi». Sulla situazione nel Mar Nero, «Non entro nei dettagli, ma loro, i russi, avranno delle sorprese».

Zelensky in un’intervista a Fox News ha dichiarato di non voler stipulare accordi con la Russia simili a quelli di Minsk. Il presidente ritiene che la fine del conflitto militare non dipenda dagli ucraini. Secondo lui, il mondo non è pronto per la sconfitta della Russia in un conflitto militare, così come per i successivi cambiamenti nel paese. Ha anche affermato che l’Ucraina sta preparando una nuova controffensiva, il cui scopo sarà quello di sviluppare il successo delle forze armate ucraine nel Mar Nero. Non è entrato nei dettagli della controffensiva, ma ha osservato che la Russia “riserva delle sorprese”.

Al momento la situazione al fronte dove i russi stanno contrattaccando su cinque fronti rende poco plausibile la possibilità di una controffensiva ucraina. A meno che altri eserciti non prendano il posto dei militari ucraini. Per quanto concerne il Mar Nero più che una controffensiva, come è successo negli ultimi mesi Zelensky con l’aiuto di Regno Unito, Stati Uniti e NATO tenterà di colpire con droni marittimi e e droni aerei la Crimea o le navi russe. 

Secondo la Reuters, “La consegna di missili balistici iraniani (Fateh-110 e Zulfiqar) alla Russia è iniziata il mese scorso e finora sono state consegnate quattro spedizioni. Alcune fonti iraniane riportano la notizia come a confermarla”. 

I russi lo hanno riportato nella giornata del 21 di febbraio e fonti turche lo hanno ribadito il 22 febbraio: “una batteria di sistemi di difesa aerea Patriot, che utilizzavano tattiche di guerriglia di difesa aerea contro gli aerei russi nelle campagne della regione di Kherson, è stata rilevata dagli UAV russi che effettuavano voli di ricognizione dietro la linea del fronte, nonché da A- Aeromobili di preallarme e controllo da 50U tramite segnali elettronici. Monitorando il sistema, è stato scoperto il magazzino principale dove l’intera batteria era immagazzinata e rifornita, e l’intera batteria e le munizioni sono state distrutte da colpi controllati del Tornado-S MLRS”. Secondo i turchi “almeno 40 persone sono state uccise, tra cui 20 soldati britannici. I feriti sono decine. Almeno sette batterie di sistemi di difesa aerea Patriot sono state inviate in Ucraina, di cui cinque sono state distrutte”. Ogni batteria costa da 1 a 1,5 miliardi di dollari e tutte le perdite di munizioni ed elementi del complesso in nove mesi ammontano a quasi 15 miliardi di dollari. L’aumento dell’attività dell’intelligence russa e dei voli di allarme e controllo preventivo assicurarono inoltre che il Patriot non sarebbe sopravvissuto a lungo mentre si avvicinava alla linea del fronte.

Ed ora uno sguardo alla linea del fronte aggiornato alle ore 15:30 del 23 febbraio

A partire dalle ore 20:30 del 22 febbraio le forze armate ucraine riferiscono del decollo di due bombardieri a lungo raggio Tu-22M3 dalla base aerea di Engels. Tre bombardieri a lungo raggio Tu-22M3 nel Mar Nero e possibili lanci di un massimo di sei missili Kh-22/32. Secondo le fonti ucraine è stato lanciato un attacco combinata missilistico-drone su Odessa.

Fonti social russe riportano che il grosso degli arrivi è stato registrato nella parte nordorientale della città, nel quartiere Suvorovsky. Diversi UAV hanno colpito il territorio della fabbrica di materiali non tessuti di Odessa, dove si trovava la base di servizio BeKov. Sul luogo dell’impatto è scoppiato un incendio.

Sono stati segnalati danni alle infrastrutture portuali a Odessa e nella regione, nonché operazioni di difesa aerea nell’area di Tairov e Nerubaysky.

Nel mirino dei razzi russi anche la base aerea di Mikolayev, Kulbakino. Si sono sentite forti esplosioni. Sarebbero stati distrutti Su-24M insieme a un grosso lotto di missili da crociera Storm Shadow e SCALP. Altri attacchi hanno colpito Charkov, Dnepropetrovsk e Kirovograd.

Dnepropetrovsk: sono stati colpiti i territori industriali dell’impresa statale “Impianto di costruzione di macchine del sud intitolato a A. M. Makarov” e OJSC “Dneprtyazhmash” (https://t.me/don_partizan/4244) che hanno eseguito ordini da Ukroboronprom. Dopo l’impatto, sul luogo dell’impatto si è sviluppato un incendio e si è registrata una detonazione secondaria, accompagnata dall’emissione di colonne di fiamme.

A Kharkov: gli attacchi hanno colpito un magazzino nel villaggio di Mokraya Rakitnaya vicino all’aerodromo dell’aviazione civile locale. Al momento non è nota l’entità dei danni subiti dall’impresa.

Parte della DPR ucraina: sono stati registrati attacchi nel distretto di Pokrovs’k (Krasnoarmeysky). Il territorio della miniera di Kapitalnaya è stato colpito da missili. Danni agli edifici residenziali dovuti al funzionamento dei sistemi di difesa aerea ucraini.

Nelle vicinanze di Avdiivka, i russi continuano la perlustrazione della città, al momento secondo le fonti social vicino a Mosca, “sono stati identificati 881 soldati ucraini, la cui recente morte è stata riportata sui social network. Di loro 444 hanno un’età compresa tra 48 e 51 anni. Il resto ha un’età compresa tra i 16 e i 70 anni, la maggior parte ha più di 40 anni”. “Molti di loro sono reclute”. Ad Adviika sia registra la morte di Ivan Kornut (nominativo “Mazepa”), che aveva iniziato a combattere con il battaglione Aidar nel 2014. Considerato un leader delle milizie ucraine. 

Avdiivka, come parte del distretto municipale di Yasinovatsky della DPR, diventerà un territorio sponsorizzato della regione di Chelyabinsk, ha annunciato venerdì il governatore Alexey Teksler. In precedenza, i primi passaporti russi erano stati presentati ad Avdiivka, hanno riferito le autorità del distretto municipale di Yasinovatsky.

Nel settore Avdiivka le forze armate russe avanzano in direzione di Orlovka e Lastochkino, avanzando fino a una profondità di 200 m.

In direzione di Kherson, continua la distruzione delle rimanenti forze ucraine a Krynki, nel letto del fiume Dnepr. Il fuoco sulle navi ucraine e le azioni dei gruppi russi di fanteria colpiscono gli ucraini sulle isole. Tuttavia, segnalano un problema con la rapidità della decisione di infliggere il fuoco sugli obiettivi identificati. Le fonti social ucraine hanno cambiato retorica e ammettono che ormai da diversi mesi non si parla più della creazione di una testa di ponte per attraversare il Dnepr e di un attacco su vasta scala.

Sul fronte di Zaporozhzhie, durante i combattimenti a Rabotino, le forze armate ucraine stanno conducendo una difesa manovrabile, trasferendo rinforzi nella zona di Orechiv, dove opera l’artiglieria e l’aviazione russa.

A sud di Marinka, continuano i combattimenti nel villaggio di Pobejda; è in corso l’assalto a Novomykhailivka. L’artiglieria missilistica ha lavorato a stretto contatto con il nemico e i russi avanzano verso la strada per Vuhledar.

Pesanti combattimenti si registrano vicino a Ivanovsky (Krasny) in direzione Bachmut -Chasiv Yar. I filmati postati nella social sfera mostrano veicoli corazzati russi in avanzamento attaccati da numerosi droni ucraini, le forze armate russe stanno avanzando verso la periferia orientale di Ivanovo.

Gli ucraini continuano ad attaccare la popolazione civile della regione di Belgorod. A Glotovo, nel distretto urbano di Grayvoronsky, due UAV hanno lanciato cariche su camion. A Kozinka, nel distretto urbano di Grayvoronsky, un UAV ha lanciato un ordigno esplosivo vicino a un negozio di alimentari. Nella regione di Bryansk, l’insediamento di Borok, distretto di Pogarsky, è stato bombardato dall’MLRS con proiettili a grappolo; un UAV di tipo aereo è stato distrutto nel distretto di Surazhsky. Colpi su Donetsk ben 104 colpi, feriti.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here 
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/