BIELORUSSIA. Lukashenko pronto a dimettersi, Mosca denuncia interferenze occidentali

142

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha detto il 27 novembre che avrebbe lasciato il suo posto dopo l’adozione di una nuova costituzione.

Stando a Belta e Reuters, Lukashenko ha detto che: «Non lavorerò con voi come presidente secondo la nuova costituzione» senza specificare quando quel giorno arriverà, ma ha sottolineato la necessità di emendamenti alla costituzione e di adeguamenti dei poteri presidenziali.

La Bielorussia è stata scossa da mesi di proteste anti-governative dopo che il vecchio leader Lukashenko ha rivendicato la vittoria alle elezioni presidenziali del 9 agosto che i suoi avversari dicono siano viziate da brogli diffusi, accusa che lui nega.

Stando a Rferl, il giorno precedente, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha accusato l’Occidente di aver interferito in Bielorussia quando ha incontrato il presidente bielorusso. Sergei Lavrov ha avuto colloqui il 26 novembre con Lukashenko e altri alti funzionari a Minsk, nell’ultima manifestazione di sostegno di Mosca al regime di Lukashenko.

Migliaia di manifestanti che chiedono le dimissioni di Lukashenko sono scesi in piazza a Minsk ogni fine settimana dopo le elezioni del 9 agosto che hanno visto il sessantaseienne uomo forte, al potere dal 1994, rivendicare un sesto mandato. I manifestanti ritengono che la 38enne candidata dell’opposizione Svyatlana Tsikhanouskaya, che ha preso il posto del marito imprigionato nella corsa presidenziale, sia stata la vera vincitrice.

Mosca ha continuato a sostenere Lukashenko da quando sono scoppiate le proteste, con diversi incontri tra alti funzionari di entrambe le parti negli ultimi mesi. Parlando in una conferenza stampa con il suo omologo bielorusso Uladzimer Makey, Lavrov ha accusato gli Stati Uniti e diversi Paesi europei di “grave interferenza” negli affari interni della Bielorussia: «Il saggio popolo bielorusso è in grado di risolvere le proprie questioni da solo senza alcuna offerta esterna di mediazione non richiesta», ha detto Lavrov.

Lukashenko ha affermato che i Paesi occidentali stanno orchestrando le manifestazioni e cospirando per farlo rimuovere. Lavrov ha detto che l’Occidente sta «usando metodi sporchi delle cosiddette rivoluzioni colorate, tra cui la manipolazione dell’opinione pubblica, il sostegno a forze apertamente anti-governative e la loro radicalizzazione».

Anna Lotti