#UKRAINERUSSIAWAR. UCRAINA: Irina Vereshchuk, ritratto di Vicepremier

291

Tra i volti noti della resistenza ucraina all’aggressione russa, quello del vice primo ministro ucraino Irina Vereshchuk. Famosa soprattutto per i suoi no ai corridoi umanitari, in particolar modo verso la Russia che lei definisce: “deportazioni”. Anche nella giornata del 28 marzo ha dichiarato: “Oggi non ci saranno corridoi umanitari in Ucraina”. Le deportazioni di massa, come le chiama Irina Andreevna Vereschuk sono in realtà dei profughi che scelgono di trovare salvezza dalla bombe entro i confini russi. Sono oltre 50 le città russe che si sono rese disponibili ad accogliere i cittadini ucraini, senza distinzione se siano del Donbass o di altre regioni ucraine, attualmente sono ospitati circa 400.000 ucraini nei confini russi.

Ma chi è il vicepremier ucraino? È nata il 30 novembre 1979 nella città di Rava-Russkaya, nel distretto di Zhovkovsky, nella regione di Leopoli. Anche lei dunque, come la maggior pare dei vertici attuali è originaria della Galizia, area più vicina alle istanze polacche che non a quelle ucraine, non conosce il Donbass da sempre considerata area di influenza russa. Ha frequentato l’Istituto militare presso l’Università Nazionale “Politecnico di Leopoli”, dove si è laureata con lode nella specialità “Informazione internazionale”, è ufficiale di comando, traduttore. All’Università Nazionale di Leopoli, Ivan Franko, ha studiato giurisprudenza come il ministro per la Difesa e il portavoce del Parlamento ucraino.

È la stessa Vereshchuk in una intervista a dire di aver prestato servizio nell’esercito per 10 anni e di essersi ritirata col grado di “tenete anziano” (grado intermedio tra tenente e capitano, tipico dell’est Europa, paragonabile al grado di tenente) ma nessuno sa in che ruolo e con che mansioni, lei stessa ha detto che sono segrete. È stata nelle forze armate dal 2002 al 2007. Nel 2007-2008 ha lavorato come avvocato per il Rava-Russian City Council. Nel 2010, per tre mesi, è stata indicata come vice capo dell’amministrazione statale regionale di Zhovkovsky per gli affari umanitari e la politica estera. Dal 2010-2015 è stato sindaco di Rava-Russkaya, distretto di Zhovkovsky, regione di Leopoli, sua città natale di 9.000 abitanti; il più giovane sindaco d’Ucraina. Nel febbraio 2015, Vereshchuk ha annunciato che si sarebbe dimessa. Dal 2016 è stata Capo del Centro internazionale per gli studi e le pratiche di consenso sul Mar Baltico-Nero: lo scopo e la strategia del Centro è identificare e formare nuove pratiche di consenso, forme costruttive e metodi di relazioni tra i paesi della regione del Baltico-Mar Nero basati sul dialogo, la fiducia, l’accordo e la comprensione reciproca su una moderna base scientifica e umanitaria interdisciplinare. L’obiettivo principale del Consiglio è sviluppare una strategia e tattiche per prevenire e risolvere i conflitti sistemici moderni. Nel 2016-2017 il Centro ha tenuto numerosi forum e presentazioni internazionali su varie piattaforme internazionali. Nel febbraio 2016 ha ricevuto un invito e ha partecipato a una colazione di preghiera con il Presidente degli Stati Uniti a Washington.

Nel 2015-2016 è stata Lane Kirkland Fellow della Polish-American Freedom Foundation. Durante il tirocinio, ha continuato a ricercare l’esperienza delle riforme del decentramento in Polonia. Ha discusso con successo la sua tesi presso il Center for Eastern European Studies dell’Università di Varsavia sul tema: “Partecipazione dei cittadini all’attuazione del potere rappresentativo in Polonia. Raccomandazioni per l’Ucraina” e ha ricevuto un diploma con lode. Nel luglio 2016 ha conseguito il diploma presso la Scuola Nazionale di Pubblica Amministrazione (polacca Krajowa Szkoła Administracji Publicznej). Dal 2017 è Professore Associato del Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università Pedagogica Nazionale. M. P. Dragomanova.

Politicamente nasce nel 2011. Nel 2011, il presidente Viktor Yanukovich ha premiato Irina Vereshchuk con la medaglia “20 anni di indipendenza dell’Ucraina”. Nel 2014 si è candidata alla Rada dell’8a convocazione come autocandidata nel collegio elettorale 122 (distretti di Zhovkovsky e Yavorovsky). Poi ha vinto Vladimir Parasyuk, per lui ha votato il 56,6% dei residenti dei distretti (quasi 79mila persone). Irina Vereshchuk ha guadagnato poco più del 4%: 5.500 mila persone hanno votato per lei. Nel 2019 è entrata in parlamento nella lista dei Servi del Popolo al numero 29.

Tra le curiosità il 28 marzo 2019 ha comprato lo stesso giorno: 4 appartamenti. A Brovary ha una casa di 37,6 m2 e sua suocera Valentina Kukharenko di cui lei è comproprietaria. A Leopoli, Irina e sua sorella maggiore Olga Smyk hanno 53,2 m2 e un appartamento di 45,5 m2, che condivide con suo suocero Viktor Kukharenko. A Rava-Ruska, Vereshchuk possiede uno spazio abitativo di 38 m2. Dal 2017 la famiglia Vereshchuk affitta un appartamento a Kiev (95 m2). Ha due ettari di terreno nel villaggio di Soposhyn, 20 acri a Rava-Russkaya. E il compagno Mikhail Kukharenko ha quasi 9 acri a Lebedevka, nel distretto di Vyshgorodsky (sulle rive del bacino idrico di Kiev) e 8 acri nel distretto di Gorodotsky nella regione di Lviv.

Il vicepremier ha indicato di aver ricevuto compensi dalla società Systemtrade, che fa parte dell’orbita del proprietario della Meat Guild, il russo Armen Melikyan. Ha anche ricevuto uno stipendio part-time presso l’Istituto di Ecologia, Economia e Giurisprudenza. Secondo il ministero della Giustizia ucraino, il comproprietario dell’università privata è l’ex deputato del popolo del “Partito delle regioni” Oleksiy Zhuravko, ricercato dalla SBU dal 2015, è sospettato di rovesciare con la forza l’ordine costituzionale o di impossessarsi del potere statale (articolo 109 del codice penale ucraino).

Secondo il sito web Peacemaker, la SBU sospettava che le Regionali “finanziassero il terrorismo” cioè i separatisti. Ha preso parte alle manifestazioni anti-Maidan che si sono svolte a Mosca. Lì ha posato per fotografi e videocamere accanto a un altro ex parlamentare Oleg Tsarev e ai leader del gruppo dei Night Wolves, che hanno preso parte attiva all’annessione della Crimea.

La sua sfera di influenza comprende sei big della politica o del mondo economico dell’Ucraina, a partire da Zaika Mykola Mykolaiovych giudice della Corte Suprema. Nel 2016-2017, Vereshchuk è stato direttore della società Solnechnoye Craft Center, il cui campo di attività è “l’estrazione mineraria e estrattiva”. Il proprietario dell’azienda attraverso la cipriota Vitalstone Limited è Galina Vasilievna Simkha (Lemets), moglie del giudice Zaika. Nel 2015, la società è stata coinvolta in uno scandalo riguardante l’estrazione dell’ambra nella regione di Rivne. E le autorità fiscali sospettavano il Solar Craft Center di evasione fiscale.

Viktor Volodymyrovych Medvedchuk, avvocato e imprenditore ucraino, oligarca, il cui partito è stato bandito la scorsa settimana in quanto filo russo; è il proprietario di “112”, ZIK e NewsOne. Sul sito web del movimento Ukrainian Choice di Medvedchuk, spesso compaiono notizie con dichiarazioni della politica Irina Vereshchuk lei nega ogni legame.

Serhij Leonidovyč Tihipko, nativo della Moldovia, terzo classificato alle elezioni del 2010 con cui Irina è stata eletta a sindaco sotto la bandiera Strong Ukraine di Tigipko; Taras Romanovych Kozak, politico ucraino, funzionario statale, uomo d’affari, proprietario di media, anche lui conosciuto nel 2010 quando era nel Consiglio Regionale a Leopoli, ha sponsorizzato molte campagne elettorali. L’11 maggio 2021 il procuratore generale dell’Ucraina ha accusato Kozak di tradimento e tentato saccheggio di risorse nazionali in Crimea (annessa dalla Russia, ma riconosciuta a livello internazionale come ucraina); si ritiene che si trovi in ​​Bielorussia dal 20 maggio 2021.

Vasiyl Bertash, ingegnere civile nel 2006 è stato eletto deputato popolare dell’Ucraina dal Partito delle Regioni. Il 18 marzo 2010, con decreto presidenziale, è stato nominato capo dell’Amministrazione statale di Rivne. Il 2 marzo 2014 con ordinanza di delibera Il presidente Oleksandr Turchynov è stato licenziato e sostituito da Serhiy Rybachko. Costruttore edile ha diversi interessi negli Stati Uniti anche lui nella sfera dell’ex presidente Viktor Yanukovich. Politico, nel 2010-2014 è stato capo dell’Amministrazione Statale Regionale di Rivne e membro del Partito delle Regioni. Nel 2016-2019 è stato a capo della sezione regionale di Rivne della Piattaforma di opposizione per la vita. Nel 2017-2019, insieme a Irina Vereshchuk, è stato elencato come co-fondatore di Ukraine Amber Exchange LLC.

Fino ad arrivare ai giorni nostri a Razumkov Dmitriy Aleksandrovich Portavoce della Verkhovna Rada che l’ha sponsorizzata nell’attuale ruolo. Il 3 novembre 2021, la fazione del partito al governo Servo del popolo ha nominato Irina Vereshchuk alla carica di vice primo ministro – ministro per la reintegrazione dei territori temporaneamente occupati dell’Ucraina.

Prima ancora, lo stesso la voleva sindaco di Kiev, dove sapeva che non avrebbe vinto contro l’attuale sindaco ma dove comunque si è fatta notare, soprattutto con diverse uscite mediatiche tra cui il 09 marzo appare in uno spot in cui vola a casa – a Rava-Ruska vestita da Mary Poppins. La sua candidatura è stata ufficializzata il 16 luglio 2020. In quei giorni i rumors dicevano che: «Il partito presidenziale “Servo del popolo” fino a poco tempo non sapeva chi nominare a nome di Zelensky per la “battaglia di Kiev” poi spunta il nome di Irina Vereshchuk. Tutto è stato deciso in una riunione della fazione dei “servitori” nel complesso alla moda del Parkovy (ristoranti, un eliporto non funzionante, sushi bar) alla presenza del presidente. La nomina arriva abbastanza inaspettatamente, dal momento che c’erano altri candidati molto più quotati nei “servitori”. Ad esempio, Alexander Dubinsky, che può contare sul supporto di Igor Kolomoisky, media compresi (canale TV 1+1). Ma, in effetti, lo “scrigno” si apre dall’altra parte. Vereshchuk originaria della regione di Leopoli, ha una relazione con il proprietario della controversa compagnia del gas Burizma, Nikolai Zlochevsky, e, attraverso comuni lobbisti con lui, con il Partito Democratico degli Stati Uniti e la squadra della campagna elettorale di Joe Biden. Il figlio di Biden, Hunter, ha servito a lungo nel consiglio di amministrazione di Burizma con uno stipendio di $ 83.000 al mese. Senza contare i bonus multimilionari. Gli stessi riferivano che l’attuale sindaco di Kiev, Vitalij Klitschko, era invece molto amato in ambienti repubblicani vicini a Donald Trump».

La sua nomina a vicepremier, 1 novembre 2021, è stata preceduta da settimane di dibattito perché Razumkov la voleva come ministro per la Difesa dove poi arrivò invece Reznikov. Lei si era detta pronta ad accettare l’incarico anche se i generali avevano tutti storto il naso di fronte alla proposta.

Tra le sue dichiarazioni più famose il 15/10/19: l’Ucraina intende rivolgersi alle Nazioni Unite per dispiegare forze di pace lungo il confine con la Russia, affermava l’allora parlamentare Irina Vereshchuk della fazione Servant of the People. «Il presidente e il team che è attualmente nel processo negoziale stanno valutando una delle opzioni: contattare le Nazioni Unite, le piattaforme e le istituzioni pertinenti con una proposta per schierare un contingente comune di mantenimento della pace al confine tra l’Ucraina e la Federazione Russa».

25 Luglio 2021: «l’Ucraina sta facendo di più per aderire alla NATO rispetto agli attuali membri dell’Alleanza». È davvero difficile discutere con questo: per entrare a far parte della NATO, gli attuali membri della NATO non fanno assolutamente nulla, poiché sono già entrati in questa sostanza.

04 Novembre 2021: Si potrà parlare dell’attuazione della formula Steinmeier nella legislazione ucraina solo dopo aver assicurato le condizioni di sicurezza nel territorio del Donbas non controllato da Kiev –candidato alla carica di Vice Primo Ministro – Ministro per la Reintegrazione dei Territori Occupati Temporaneamente dell’Ucraina Irina Vereshchuk

09 Novembre 2021: L’importo delle sanzioni non pagate ai residenti situati nei territori della DPR e della LPR ha raggiunto negli ultimi anni 5,32 miliardi di grivna (quasi 14,5 miliardi di rubli). Lo ha annunciato il vice primo ministro – ministro per la reintegrazione Irina Vereshchuk. Ha assicurato che i soldi si stanno accumulando sui conti delle carte dei pensionati nel Donbass e, a parte loro, presumibilmente, nessuno sarà in grado di ricevere fondi. Il funzionario ucraino ha osservato che c’è un problema con il pagamento dei debiti per periodi precedenti. E questo è un eufemismo.

11 Novembre 2021: Il debito verso i pensionati che sono rifugiati e vivono nel territorio controllato da Kiev è di oltre 12 miliardi di UAH (più di 460 milioni di dollari) – Il vice primo ministro ucraino Iryna Vereshchuk. Questo è solo di fronte a coloro che sono fuggiti / vivono nel territorio controllato da Kiev.

19 Novembre 2021: Donbass e Israele: senti la differenza. Kiev paga le pensioni ai cittadini israeliani, ma rifiuta ai residenti della DPR e della LPR. Sebbene, per legge, l’Ucraina sia obbligata a pagare le pensioni a tutti (https://t.me/donbassr/7779), indipendentemente da dove si trovino e quali opinioni politiche professino. Lo ha annunciato in onda sul canale televisivo ucraino il direttore dell’organizzazione per i diritti umani di Kharkov Evgeny Zakharov. “Chiunque ha maturato una pensione dovrebbe riceverla. Inoltre, l’Ucraina, per legge, deve pagare le pensioni ai suoi ex cittadini che si sono recati in altri paesi per la residenza permanente. Non lo fa solo perché non è stata costretta a farlo”, ha spiegato. Zakharov ha affermato che i cittadini israeliani vincono tutte le cause contro l’Ucraina, ma l’Ucraina si rifiuta di pagare i suoi cittadini nella DPR e nella LPR.

23 Novembre 2021: non ci sarà acqua in Crimea. L’Ucraina non fornirà acqua alla Crimea russa. Ciò è vietato da tutti i possibili atti normativi. Lo ha annunciato il ministro per la reintegrazione dei territori occupati Irina Vereshchuk durante una visita nella regione di Kherson. «Questo è proibito dalla legge e da tutti i possibili atti normativi. È impossibile», ha sottolineato Vereshchuk. Secondo lei, l’Ucraina sta completando la costruzione di una diga per contenere l’acqua nel canale della Crimea settentrionale, la costruzione è completata al 90%.

11 dicembre 2021: Oschadbank estende la validità delle carte per pensionati della LDNR fino al 1 aprile 2022. «Ci siamo incontrati con la direzione di Oschadbank. C’è stato un incontro ieri. Ci siamo trovati d’accordo: fino al 1 aprile si continua (la validità delle carte, – ndr), perché capiamo che questo è un problema. E se c’è un problema , dobbiamo risolverlo. Il Ministero della Giustizia, Oschadbank e il Ministero della Reintegrazione si sono impegnati a risolvere questo problema», ha affermato Irina Vereshchuk, Ministro della Reintegrazione dei Territori Occupati Temporaneamente dell’Ucraina.

16 Dicembre 2021: Kiev non intende abbandonare la legge sul periodo di transizione per il Donbass. Il disegno di legge sul periodo di transizione, che in realtà significa il ritiro dell’Ucraina dagli accordi di Minsk, non dovrebbe essere ritirato dalla Verkhovna Rada. Lo ha affermato il vice primo ministro ucraino Irina Vereshchuk. Secondo lei, i meccanismi parlamentari sono sufficienti per finalizzare il disegno di legge, tenendo conto delle raccomandazioni della Commissione di Venezia, che lo ha generalmente approvato. In precedenza, Sergei Lavrov aveva affermato che la legge sul periodo di transizione avrebbe proclamato il ritiro dell’Ucraina dagli accordi di Minsk. La legge di transizione annulla gli accordi di Minsk. Lo ha affermato il Rappresentante Permanente della Russia presso l’OSCE Alexander Lukashevich. «Vieta espressamente ai funzionari ucraini di rispettare le disposizioni di Minsk», ha affermato. In precedenza, il ministero degli Esteri russo ha dichiarato che un regime legale speciale mira a ripulire il Donbass dalle forze sleali a Kiev.

29 Dicembre 2021: «Kiev non riconoscerà la vaccinazione dei residenti della LPR e della DPR contro COVID-19 con il vaccino russo “Sputnik V”» – Vice Primo Ministro dell’Ucraina Irina Vereshchuk

25 gennaio 2022: Ieri è stato ritirato d’urgenza il disegno di legge sul periodo transitorio per il Donbass. Ieri i ministri ucraini in una riunione fuori programma hanno deciso di annullare il disegno di legge del ministero del Reinserimento. Il disegno di legge, secondo il quale, al momento del trasferimento del confine tra Donbass e Russia sotto il controllo dell’Ucraina, tutte le istituzioni statali e le forze dell’ordine avrebbero dovuto essere sotto il controllo di Kiev, è stato respinto dalla Commissione di Vienna. Va notato che questo disegno di legge ha interferito con l’attuazione della formula Steinmeier e ha anche contraddetto gli accordi di Minsk. A sua volta, il ministro del ministero della Reintegrazione, Irina Vereshchuk, ha promesso di “umanizzarlo” e di sottoporlo nuovamente all’esame.

02 Febbraio 2022: Kiev bloccherà le carte pensionistiche per i residenti della LDNR. Il Ministero dei Territori Occupati dell’Ucraina ha affermato che è giunto il momento di interrompere l’estensione della validità delle carte pensioni. Dal 1 aprile tutte le carte del piano tariffario My Account saranno bloccate. «Durante questi due anni, i titolari di tali carte, la cui validità è scaduta il 31 marzo 2021, potrebbero arrivare presso la filiale di Oschadbank e riceverne una nuova. Ma non hanno approfittato di questa opportunità. Pertanto, riteniamo che sia giunto il momento di interrompere l’estensione delle carte del piano tariffario My Account», ha affermato Iryna Vereshchuk, vice primo ministro per la reintegrazione dei territori occupati.

18 Febbraio 2022: Dichiarazione del partito presidenziale Servo del popolo è apparsa sulla situazione nel Donbass, pubblicata dal capo del partito e parlamentare Olena Shulyak. La Russia è accusata di provocazione, e l’evacuazione annunciata dalla “LDNR” si chiama “deportazione”. E affermano che questa è «una violazione delle norme fondamentali del diritto internazionale umanitario, in particolare della Convenzione di Ginevra del 1949 per la protezione delle persone civili». Questo, diceva Klymenko Time, è un punto degno di nota molto importante. Perché molto probabilmente sarà la posizione ufficiale delle autorità. E sentiremo molto spesso la parola “deportazione” nei prossimi giorni, è possibile che solo dalle autorità ucraine. Cioè, ci sarà “Deportazione” VS “Evacuazione”. Lo scopo di tutto ciò che sta accadendo nella dichiarazione è chiamato la creazione artificiale di un pretesto per «un’aggressione su vasta scala della Federazione Russa contro l’Ucraina». In conclusione, si sottolinea tradizionalmente che l’Ucraina è favorevole ai negoziati di pace e alla diplomazia. La dichiarazione si conclude con un appello a condannare le azioni della “LDNR” e della Russia. E un appello ai residenti del Donbass incontrollato: dicono che l’Ucraina non è il tuo nemico. Con tutte le conseguenze. E ripetendo l’invito a Vereshchuk a recarsi nel territorio controllato dall’Ucraina. In generale, è già chiaro che il pool di tesi per un nuovo round di guerra dell’informazione è stato formato dalla parte ucraina.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here