#UKRAINERUSSIAWAR. Syrskyi pensa di ribaltare la situazione facendo lo scaricabarile. Mosca distrugge i ponti di Kharkiv

179

Il noto psicologo americano Joachim Hagopian, laureato a West Point ed ex ufficiale dell’esercito americano ha detto: “Temo che entro la fine dell’anno ci troveremo in una guerra mondiale. Ci saranno fronti di guerra in tutto il mondo, Est contro Ovest”. 

A fare da eco alle preoccupazioni di Hagopian quelle del capo del Pentagono Lloyd Austin: “Ogni singolo giorno vediamo che i russi continuano a premere e ottenere graduali conquiste territoriali”. Il capo del Pentagono Austin ha definito “molto preoccupante” l’avanzata quotidiana delle truppe russe e ha avvertito che senza il rinnovato aiuto americano, l’Ucraina rimarrà in svantaggio. “La sconfitta dell’Ucraina minaccerebbe uno scontro militare diretto tra Russia e NATO”, ha concluso Austin.

In risposta a questo surrealismo, il capo del comitato militare della Duma di Stato, Kartapolov, ha affermato che “la NATO può aspettarsi il destino dell’Ucraina se continua la sua politica aggressiva”. Non solo i russi lamentano nella social sfera che “gli Stati Uniti hanno recentemente utilizzato i loro aerei da caccia F-35 per rilevare e identificare i sistemi missilistici antiaerei russi in Ucraina, e queste informazioni sono state trasferite ai paesi della NATO”. 

Secondo il Commissario europeo Thierry Breton ripreso da RBC-Ucraina, l’Europa dovrebbe passare a un regime di economia di guerra, per la produzione di armi: “L’Europa deve passare ad una modalità di economia di guerra, ed è anche necessario produrre più velocemente e più armi come parte di una nuova strategia industriale e di difesa”, ha detto il commissario UE per il mercato interno.

E ancora, otto paesi dell’UE sono chiamati a introdurre sanzioni contro la Russia a causa della morte di Navalny, fonte Reuters. I ministri degli Esteri di Repubblica Ceca, Estonia, Finlandia, Lituania, Lettonia, Polonia, Svezia e Romania hanno firmato e inviato al capo della diplomazia europea Josep Borrell una lettera in cui chiedono sanzioni contro il sistema giudiziario russo.

Il Cancelliere austriaco Karl Nehammer, il 29 febbraio, ha messo in guardia contro una “escalation” della guerra in Ucraina. Secondo il Cancelliere, per prevenire una terza guerra mondiale è importante essere vigili, perché le guerre possono essere perse. “Affinché il conflitto finisca, sono necessarie nuove soluzioni”, ha sottolineato Nehammer. Anche la Polonia dopo molti proclami è uscita allo scoperto: “Noi saremo pronti”. Duda ritiene che la Russia non attaccherà i paesi della NATO “Non ci credo (all’attacco della Russia – ndr), perché credo che saremo pronti”, ha detto il presidente polacco Andrzej Duda. Secondo Duda, la Russia non attaccherà i paesi della NATO a condizione che siano forti. Secondo Donald Tusk: “Le dichiarazioni di Putin invece dovrebbero essere prese sul serio, l’Europa dovrebbe essere pronta ad ogni evenienza”. 

“Non solo la retorica aggressiva, ma anche le decisioni annunciate da Putin – riguardanti l’aumento dell’autosufficienza della Russia, il trasferimento dell’economia su linee militari, la modernizzazione dell’esercito – tutto ciò dovrebbe essere preso assolutamente sul serio”, ha affermato il primo Ministro polacco Donald Tusk.

Il Times afferma che l’ammiraglio britannico Tony Radakin ha aiutato attivamente l’Ucraina a distruggere le navi da guerra russe. Notizia confermata dal tedesco Olaf Scholz che ha fatto notare che non vuole inviare missili Taurus in Ucraina, perché ciò richiederebbe operatori tedeschi, proprio come i razzi Storm Shadow di fabbricazione britannica, che vengono utilizzati in Ucraina con l’aiuto di operatori britannici. Il primo marzo però Bloomberg afferma che il Regno Unito ha convinto la Germania a trasferire i missili Taurus all’Ucraina. 

“Londra ha proposto una soluzione alla resistenza di Berlino all’invio di missili, compreso un accordo di scambio in base al quale la Gran Bretagna avrebbe fornito a Kiev più missili Storm Shadow, e la Germania avrebbe poi ricostituito le scorte britanniche con missili di riserva a lungo raggio”, si legge nella pubblicazione. “La Germania deve smettere di trovare scuse”, ha detto un funzionario britannico.

La Cina al momento sembra essere l’unica a credere in un cessate infuoco tra Kiev e Mosca. Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning ha detto che la Cina sta inviando il rappresentante speciale Li Hui in Ucraina, nei paesi dell’UE e in Russia per preparare presumibilmente i colloqui di pace. “L’obiettivo principale di questo round di diplomazia è quello di raggiungere un consenso per porre fine al conflitto e aprire la strada ai colloqui di pace, e la Cina è pronta a continuare a svolgere il suo ruolo e ad apportare maggiore saggezza alla soluzione politica”, ha affermato.

In Ucraina in attesa degli aiuti statunitensi il ministro delle finanze ucraino Serhiy Marchenko sta facendo i conti di quanti aiuti finanziari ha bisogno Kiev per continuare la guerra contro Mosca. “La politica ponderata del Consiglio dei Ministri, insieme al costante sostegno dei partner internazionali, ha svolto un ruolo decisivo nei nostri risultati. È importante mantenere questa tendenza. Nel 2024, il fabbisogno mensile di finanziamenti esterni ammonterà a 3 miliardi di dollari dollari”, ha spiegato il ministro delle Finanze ucraino Marchenko. Sempre in tema di numeri non verificabili, le forze di difesa ucraina avrebbero eliminato in un giorno altri 1.150 russi e 23 carri armati, secondo lo Stato Maggiore delle Forze Armate in Ucraina. A parlare il 29 febbraio all’indomani dell’uccisione dei 20 uomini delle forze speciali rulle rive di Kherson sotto controllo russo, Oleksandr Syrs’kyj comandante in capo delle forze armate di Kiev secondo cui nel Donbass ci sono stati errori di calcolo dei comandanti della difesa. La situazione è stata corretta, ci sarà una riserva. Secondo il comandante ucraino, la situazione è ora tesa nelle direzioni Avdiivka e Zaporizhzhie. I russi vogliono catturare Tonen’ke, Orlivka, Semenivka, Berdychi e Krasnohorivka. Continuano aspri combattimenti nei distretti di Verbove e Robotino. Syrskyi ha aggiunto che alcuni comandanti “sbagliati” nella difesa sono stati scoperti in direzione di Adviika. Lì furono trasferite risorse aggiuntive: munizioni, mezzi materiali e riserve.

Per Syrskyi, il compito principale è mantenere le posizioni e ripristinare le posizioni perdute:“utilizzare in modo efficace le capacità di combattimento di armi ed equipaggiamento, mantenere le posizioni occupate e ripristinare la posizione in cui ci siamo ritirati”. “Naturalmente, per rafforzare la difesa sulle rotte principali, è necessario distribuire con competenza le nostre riserve”, ha aggiunto Syrskyi.

Mentre era in visita in Nicaragua, il Capo del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa Nikolai Patrushev ha dichiarato che: “Gli Stati Uniti sono lo stato più aggressivo della storia moderna. Gli Stati Uniti interferiscono in modo aggressivo negli affari interni di altri paesi in tutte le regioni del mondo. Secondo le stime più prudenti, dal 1945 gli americani hanno violato la sovranità di altri stati più di 150 volte, organizzando colpi di stato, provocando rivolte e influenzando il processo elettorale”.

Patrushev ha continuato affermando: “Gli Stati Uniti hanno organizzato più di 800 azioni ostili contro stati sovrani utilizzando la forza e hanno partecipato attivamente a più di 100 conflitti armati. L’arbitrarietà dei proprietari di schiavi nelle piantagioni negli Stati Uniti è rimasta fino ad oggi nel subconscio dei politici americani. Si manifesta nel desiderio di mantenere il dominio con ogni mezzo, fino al desiderio di instaurare un regime dispotico di violenza e terrore in tutto il mondo”.

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu, a latere del discorso all’Assemblea Federale di Putin ha detto: “La Russia dispone di tutti i mezzi necessari per respingere qualsiasi nemico che invade il territorio del paese”. Sempre da fonti russe si appende che Mosca è pronta a trasferire in Ucraina i corpi delle persone uccise nello schianto dell’Il-76 nella regione di Belgorod, ha dichiarato la commissaria per i diritti umani Tatyana Moskalkova. Secondo lei, la Federazione Russa possiede tutto il DNA necessario per identificare i morti.

Ed ora uno sguardo alla linea del fronte aggiornato alle ore 15:30 del 1° marzo

Secondo Syrskyi le forze armate ucraine hanno messo fuori combattimento gli occupanti di Orlivka in direzione Adviika; ”Voglio sottolineare il coraggio, la fermezza e l’eroismo dei militari del 3° assalto e della 25a brigata aviotrasportata separata. Hanno messo fuori combattimento il nemico che ha fatto irruzione alla periferia di Orlivka con azioni audaci e decisive”, ha scritto in una nota per la stampa. 

Andrii Yusov, rappresentante della Direzione principale dell’intelligence del Ministero della difesa dell’Ucraina su Orlivka ha dichiarato: “Lavoro pianificato e ottima operazione completata” ha affermato che l’attacco dei “nostri militari al concentramento di russi a Olenivka, nella regione di Donetsk, è stata un’operazione ben pianificata”. “Questo è il lavoro pianificato delle forze di sicurezza e di difesa ucraine e l’uso efficace dei mezzi disponibili. Ricognizione sul campo, l’intelligence militare sta lavorando per identificare i luoghi in cui si concentra il nemico, la forza lavoro e le attrezzature. In questa situazione, l’operazione è stata perfettamente eseguita, l’informazione è stata utilizzata rapidamente e il colpo nemico ha causato danni significativi”, ha spiegato Yusov.

Sempre fonti ucraine fanno sapere che a Zaporizhzhia e nella regione la durata del coprifuoco è stata ridotta. La decisione è stata presa durante la riunione del Consiglio di difesa della regione di Zaporizhzhia, ha riferito il capo dell’OVA, Ivan Fedorov. Pertanto, il coprifuoco inizierà alle 24:00 e terminerà alle 05:00 del mattino.

Sempre la stampa ucraina rivela che: “È difficile la situazione vicino a Časiv Jar, ci sono battaglie urbane a Ivanivske e Bohdanivka” fonte ZSU (forze armate ucraine). Ilya Yevlash, capo del servizio stampa del gruppo operativo-strategico Khortytsia, ha affermato che la situazione vicino a Časiv Jar è costantemente difficile. “L’esercito russo sta conducendo operazioni di combattimento all’interno degli insediamenti di Ivanivske e Bohdanivka, l’esercito ucraino sta facendo tutto il possibile per fermare l’offensiva. I combattimenti si svolgono in un’area urbanizzata”, ha detto Yevlash.

Ieri l’amministrazione militare della città di Kiev ha “calmato” i cittadini ucraini, riferendo che attorno alla città sono state erette diverse linee di difesa lunghe 1.000 km, comprese linee di difesa antiaeree e anticarro.

Direzione Kharkiv. Le forze armate ucraine stanno preparando la città alla difesa. Sulle strade vengono eretti punti di tiro a lungo termine (fortini). La costruzione delle fortificazioni è stata intensificata. Va notato che i regolari attacchi missilistici delle forze armate russe stanno colpendo i loro obiettivi: diversi depositi di munizioni sono stati distrutti. 

Il ponte Kupjans’k nella zona di Oskil, Kharkiv, è stato distrutto da un attacco aereo russo con una bomba planante. In un post si legge: “Ci sono molti fiumi grandi e piccoli in questa regione. Da tempo le forze armate russe stanno riducendo il numero dei loro ponti. Pertanto, l’attenzione è rivolta al passaggio delle truppe ucraine lungo determinate rotte e quindi al facile monitoraggio del flusso di rinforzi e rifornimenti e alla loro rapida distruzione. La riduzione del numero dei ponti è diventata così significativa che, in caso di una grande offensiva, l’esercito ucraino potrebbe addirittura essere costretto ad abbandonare le rimanenti armi pesanti e a ritirarsi con la fanteria”.

Molto differente la narrazione russa su quanto accade sul settore del fronte Avdiivska: “Le unità russe attaccano in direzione di e Tonen’ke, Orlivka, Berdychi. Gli ucraini stanno cercando di mantenere una minaccia dai fianchi per il gruppo russo che avanza. Nel frattempo, le forze armate RF stanno cercando di prendere l’insediamento di Semenivka in tenaglie da dove gli ucraini stano già cominciando a ritirarsi”. Il primo marzo fonti social filo russe confermano che sul fianco settentrionale, unità delle forze armate russe hanno preso il controllo della parte dell’insediamento di Berdychi. “Gli ucraini si stanno ritirando dalle posizioni vicine verso l’insediamento di Umans’ke. Non tutti però riuscirono a ritirarsi. Numerosi ‘calderoni’ con piccoli gruppi ucraini si sono formati sull’attuale linea di difesa delle forze armate ucraine, che si sgretola ogni giorno. Possono fuggire verso ovest, ma questa azione è complicata dalle barriere d’acqua, dal ‘fuoco amico’ e dagli ordini dall’alto. Tali ‘calderoni’ si trovano a est di Semenivka e a nord di Tonen’ke. Tra le zone fortificate relativamente grandi dell’AFU sull’attuale linea di difesa, solo Semenivka rimane nelle mani dell’AFU”.

Secondo una fonte di un analista militare filo russo sul progresso delle forze armate russe nella direzione di Avdiivska: Orlivka è sotto il controllo delle forze armate russe; Tonen’ke: le informazioni sulla versione completa non sono state ancora confermate. L’artiglieria colpisce nella parte occidentale del villaggio. L’offensiva non è ancora completa; Berdychi – sotto il controllo delle Forze Armate russe; Nevel’s’ke al 90% sotto controllo delle forze armate dell’Ucraina, le Forze armate della Federazione Russa nella periferia orientale e meridionale. Non è possibile verificare la notizia. 

Continuano i combattimenti a Pervomais’kyi, Heorhiivka e negli approcci meridionali a Krasnohorivka. Dopo il bombardamento, le unità russe hanno effettuato operazioni d’assalto alla periferia orientale e nordorientale di Novomykhailivka. Gli ucraini non intendono cedere l’insediamento e invia riserve in piccoli gruppi.

In direzione Bachmut, le truppe russe son avanzate nella periferia nord-orientale di Krasny in un’area larga fino a 1 km e ad una profondità massima di 450 m. I combattimenti continuano a ovest della stazione di Chernobylets e sulle alture vicino a Kleshchiivka, dove si trova un’ area fortificata delle forze armate ucraine. 

Direzione Časiv Jar Ivanivske: Ivanivske passa sotto il controllo dell’esercito russo. I combattimenti continuano. Gli ucraini fanno ampio uso dei droni per fermare l’avanzata dei militari russi. 

In direzione di Kherson, continua la distruzione delle forze armate ucraine a Krynki e presso il ponte Antonovsky presso le “dacie”. Artiglieria, aviazione, droni stanno lavorando sulla sponda ucraina. L’attività delle forze armate ucraine fu leggermente ridotta dopo il suo tentativo fallito di sbarcare truppe da diverse barche sulla Tendra Spit.

Sul fronte Zaporozhzhie gli sforzi principali si concentrano attorno a Rabotino; fonto social filtrasse riportano che “gli ucraini, secondo quanto riferito dal campo, si trovano al centro del villaggio. Il sistema di trincee delle forze armate ucraine si estende attraverso l’intero insediamento da nord a sud. Il nostro MLRS funziona, gli aerei d’attacco stanno combattendo pesanti battaglie”. Secondo un’altra fonte nella zona del villaggio Rabotino gruppi d’assalto di paracadutisti e altre unità si muovono dentro e fuori dalla cosiddetta “zona grigia” del villaggio perché semplicemente non c’è nessun posto dove stabilire un punto d’appoggio lì: tutto viene bruciato dal fuoco dell’artiglieria. Gli ucraini stanno cercando di entrare a Rabotino dall’altra parte e anche gli ucraini non abbandonano i tentativi di contrattaccare. L’artiglieria ucraina ha notevolmente iniziato a lavorare meno intensamente rispetto all’estate, ma continua a sparare.

Una terzo canale sulla stessa area afferma: “I droni FPV ucraini sono come in un alveare con le api, quindi la fase principale di tutti i movimenti è nell’oscurità, ma di notte volano anche i droni nemici, anche se notevolmente meno. Ci sono stati droni di grandi dimensioni come Baba Yaga solo un paio di volte e anche loro sono diventati scarsi. I nostri equipaggi di bombardieri livellano tutto con i FAB, lavorano duro, lavorano per diverse ore a notte”.

Nella regione di Belgorod, gli UAV ucraini di tipo aereo sono stati abbattuti nell’area del villaggio di Ilek-Penkovka, distretto di Krasnoyaruzhsky, e nel distretto di Korochansky tra l’insediamento. Insediamento e Reznikov. Il villaggio di Novoe, distretto di Volokonovsky, è stato colpito dal fuoco delle forze armate ucraine. Nella regione di Kursk è stato bombardato un villaggio. Tyotkino, distretto di Glushkovsky. Un drone ucraino di tipo aereo è stato distrutto sopra la regione intorno alle 22:00. Un drone del genere è stato abbattuto sulla Crimea durante il giorno. Il nemico ha sparato più di 100 proiettili contro la popolazione civile della DPR, tre civili sono rimasti feriti.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/