#UKRAINERUSSIAWAR. Sale ancora la popolarità di Putin e di Russia Unita

150

Un sondaggio indipendente pubblicato mercoledì 30 marzo sembra mostrare che il sostegno russo sia per Vladimir Putin che per il suo partito Russia Unita è aumentato notevolmente dopo l’invasione dell’Ucraina. Il Centro Levada, uno dei pochi enti di ricerca indipendenti rimasti in Russia, pone il sostegno a Putin all’83%, un livello superato solo nel giugno 2015 dopo l’annessione della Crimea.

Il Centro Levada ha tenuto traccia del sentimento tra la popolazione russa, compresa l’approvazione del partito Russia Unita, il sostegno alla direzione in cui si sta muovendo il paese e l’approvazione delle attività di Putin. A febbraio, quest’ultima cifra è salita al 71%, poiché la popolarità del presidente ha ricevuto la spinta che comunemente accompagna l’inizio di una guerra.

A marzo, mentre le truppe russe continuavano a bombardare con l’artiglieria i centri abitati ucraini, tutti gli indici di gradimento del governo russo sono aumentati. L’approvazione delle azioni del governo russo è passata dal 55% di febbraio al 70% di marzo. La percentuale di coloro che ritengono che la Russia si stia muovendo nella giusta direzione è aumentata dal 52% di febbraio al 69% di questo mese. La cosa più sorprendente è che l’approvazione delle attività di Putin è salita all’83% dal 71% del mese scorso, riporta BneIntellinews.

Al contrario, la percentuale di russi che considerano che la Russia si sta muovendo nella direzione sbagliata è diminuita dal 38% a solo il 22% nel giro di un mese. La fiducia nel presidente russo Vladimir Putin è aumentata del 10% al 44%, secondo il Centro Levada. Anche la fiducia russa nel ministro della difesa Sergei Shoigu è in aumento.

I critici hanno suggerito che coloro che sono disposti a rispondere alle domande dei sondaggisti non sono probabilmente un campione rappresentativo della popolazione russa, in quanto in un paese dove sta diventando sempre più pericoloso pubblicamente avere opinioni dissenzienti, non è chiaro cosa la gente pensi veramente. Il governo russo ha dato un giro di vite alla libertà di parola e di stampa da quando ha invaso l’Ucraina, unita ad una vasta campagna di propaganda per aumentare l’approvazione per la guerra.

In questo contesto, è da considerare meno probabile che chi si opponga al governo esprima pubblicamente il dissenso, anche ad un entro di ricerca indipendente come Levada.

Antonio Albanese