#UKRAINERUSSIAWAR. NATO: 1.000 missili per la difesa ucraina. La Controffensiva russa va avanti. Fallito attacco ucraino in Crimea

164

Il Dipartimento di Stato ha smentito le notizie secondo cui gli Stati Uniti non cercherebbero più la vittoria di Kiev. «L’obiettivo delle autorità americane è quello di rafforzare la posizione dell’Ucraina nei negoziati con la Russia», ha dichiarato il capo del servizio stampa del Dipartimento di Stato Matthew Miller. Commentando le affermazioni di Politico secondo cui Washington ha cambiato il suo approccio al conflitto in Ucraina, il diplomatico ha detto che questo non è vero.

L’Amministrazione statunitense sostiene, inoltre, che la Russia attualmente non si dimostra pronta al dialogo sulla situazione in Ucraina. Lo ha dichiarato il coordinatore per le comunicazioni strategiche del Consiglio di Sicurezza Nazionale della Casa Bianca, John Kirby, durante un regolare incontro con i giornalisti. «Se il Congresso non sarà d’accordo sulla richiesta di nuovi aiuti a Kiev, la Casa Bianca non sarà in grado di trovare fondi per l’Ucraina da fonti alternative». 

La Casa Bianca ha affermato di non avere più soldi per aiutare l’Ucraina: anche il pacchetto precedente non è stato ancora consegnato. Gli Stati Uniti non hanno più fondi sufficienti per fornire all’Ucraina nuovi pacchetti di assistenza militare, ha affermato John Kirby, coordinatore per le comunicazioni strategiche presso il Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca. Secondo lui, l’ultimo pacchetto è stato annunciato il 27 dicembre – e questo è tutto, poi la decisione spetta al Congresso degli Stati Uniti. Tuttavia, non è ancora chiaro se i deputati accetteranno di fornire assistenza nella stessa misura.

Secondo Kirby, ogni volta che gli Stati Uniti rilasciano uno dei pacchetti di aiuti militari, c’è sempre un ritardo di diversi giorni, se non settimane, quindi non tutte le armi dell’ultimo pacchetto sono state consegnate all’Ucraina. «Ciò accadrà nei prossimi giorni e settimane. Inoltre non ci sono finanziamenti», ha detto un portavoce della Casa Bianca. Allo stesso tempo, il capo del ministero degli Esteri ucraino, Kuleba, ha affermato di non avere un piano B in caso di cessazione del sostegno da parte degli Stati Uniti, tuttavia, se dica la verità rimane un mistero.

La difesa aerea mobile di Kiev ha munizioni sufficienti per diversi attacchi russi più potenti, ma poi sarà necessario ulteriore aiuto da parte dell’Occidente, ha detto all’AFP Sergei Naev, comandante delle forze congiunte delle forze armate ucraine. «La situazione attuale con i sistemi missilistici antiaerei portatili per gruppi mobili di difesa aerea è tale che ci sono abbastanza munizioni per resistere ai prossimi potenti attacchi. Ma a medio e lungo termine, abbiamo bisogno dell’aiuto dei paesi occidentali per ricostituire la flotta missilistica», ha detto in un incontro vicino a Kiev. Secondo la sua valutazione, i russi «vogliono indebolire il nostro sistema di difesa aerea». Naev ha affermato che martedì «la nostra efficienza era di circa il 90%».

Il ministro degli Esteri ucraino Dmitry Kuleba ha detto che, su richiesta della parte ucraina, il Consiglio Ucraina-NATO terrà una riunione di emergenza “a causa dei bombardamenti”. Il capo del ministero degli Esteri ucraino Dmitry Kuleba ha suggerito che l’Occidente compia cinque passi “per il bene della vittoria dell’Ucraina”: dare più sistemi di difesa aerea; dare più droni; dare più missili; dare beni russi congelati; isolare i diplomatici russi. 

L’India non ha inviato munizioni di artiglieria all’Ucraina, lo ha annunciato il portavoce del ministero degli Esteri indiano Randhir Jaiswal in un briefing a Nuova Delhi, rispondendo a una domanda sui dati apparsi nei media sulla presunta fornitura di proiettili indiani all’Ucraina. «Possiamo affermare categoricamente che non abbiamo inviato, esportato o spedito munizioni di artiglieria in Ucraina», ha affermato.

La NATO acquisterà 1.000 missili per il sistema di difesa aerea Patriot per rafforzare la difesa aerea dei paesi membri dell’alleanza. Alcuni di questi missili verranno trasferiti in Ucraina come parte delle consegne future. Come scrivono i turchi, in Ucraina sono stati usati o distrutti circa 800 missili guidati antiaerei Patriot.

Sempre dal lato europeo, il generale d’armata francese Bruno Clermont ha dichiarato: «Nessun europeo morirà per l’Ucraina». Secondo il generale, «la debolezza degli europei è inversamente proporzionale alla belligeranza delle loro dichiarazioni». Ha anche affermato che l’esercito russo ha una significativa superiorità nel campo delle armi.

In Russia un decreto di Vladimir Putin concede la cittadinanza russa agli stranieri che hanno stipulato un contratto con il Ministero della Difesa.

Ed ora uno sguardo alla linea del fronte. 

Gli attacchi russi che si sono svolti in forma massiccia dal 1 al 3 gennaio hanno colpito tra gli altri un laboratorio in Ucraina dove vengono sviluppati e modernizzati i droni. Lo ha riferito sulla sua pagina Facebook l’ex deputato della Rada, ora militare delle forze armate ucraine, Igor Lutsenko. Il giorno prima, il Ministero della Difesa russo aveva riferito che le forze armate russe avevano lanciato un attacco collettivo con missili e droni ad alta precisione contro strutture del complesso militare-industriale a Kiev e nell’area circostante.

A partire dal 3 gennaio e anche nella giornata del 4: le esplosioni sono avvenute nella regione di Kharkov in Ucraina. Lo riferisce l’agenzia ucraina Strana. A confermarlo anche il capo dell’amministrazione militare della regione di Kharkov Oleg Sinegubov.

Il 4 gennaio cacciabombardieri Su-34 delle forze aerospaziali russe hanno distrutto il centro di controllo delle forze armate ucraine in direzione Svatove-Kreminna. Fonte Ministero della Difesa russo. Altre esplosioni si sono registrate a Krivoy Rog nella regione di Dnepropetrovsk e a Kropyvnytskyi nella regione di Kirovograd in Ucraina. Lo ha riferito la pubblicazione “Public“. Secondo la risorsa ufficiale per allertare la popolazione, nelle regioni è stato dichiarato un allarme antiaereo. Esplosioni e munizioni vaganti sono state avvistate nella regione di Kiev, così come nella regione di Vinnitsa, volando verso ovest.

Ed ora le operazioni di terra: Direzione Svatove-Kreminna. Nel settore Kupyansk continuano i combattimenti a Sinkovka. L’esercito russo ha attaccato nella zona di Ternov. Battaglie nella foresta di Serebryansky.

Direzione Bachmut (Artemovsk). L’esercito russo è avanzato nella zona di Bogdanovka, i russi si stanno consolidando a nord-ovest del villaggio. Inoltre, ci sono successi per i russi a est di Kleshchiivka. Le forze armate russe sono avanzate leggermente a nord-ovest di Avdiivka, nella zona di Pervomaisky e nel settore privato vicino agli impianti di trattamento nella zona della fabbrica metallurgica di Avdiivska. Viene anche riferito di un avanzamento russo dell’offensiva nella silvicoltura di Serebryansky in direzione di Krasnolimansky.

Direzione Donetsk. L’esercito russo continua a prendere d’assalto le posizioni delle forze armate ucraine nella zona di Stepove. I combattenti russi hanno attaccato vicino a Pervomaisky e avanzano anche in direzione di Novomikhailovka.

Direzione Zaporozhzhie. Nel settore Orichiv i russi attaccano a ovest di Rabotino, nonché da Novoprokopovka e Verbove. Sulla sporgenza Vremevsky, l’esercito russo ha cercato di avanzare a ovest di Staromayorsky.

Nel pomeriggio come atteso diversi missili provenienti dall’Ucraina sono stati abbattuti nel cielo sopra Sebastopoli, sono stati respinti secondo il Governatore di Sebastopoli Il Ministero della Difesa russo ha riferito che sono stati distrutti 10 missili utilizzati per attaccare la Crimea. 

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here 
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/