#UKRAINERUSSIAWAR. La Polonia e l’isteria del nemico

153

La Polonia comincia a essere in preda a quella che si potrebbe definire una isteria governativa che sta diventando collettiva e sta individuato i nemici ovunque e da cui cerca di proteggersi coinvolgendo i suoi amici, la NATO e l’Ucraina della regione di “Volina”. 

Il 17 agosto il presidente della Banca Nazionale di Polonia, Adam Glapiński, ha dichiarato a Gazeta Polska che l’obiettivo strategico della Germania è quello di recuperare le terre che ora si trovano all’interno dei confini polacchi. Nell’articolo si legge che la Germania intende “reclamare” le terre cedute alla Polonia a seguito della Seconda guerra mondiale, ora situate all’interno del territorio polacco. 

Il 19 agosto sempre sulle testate polacche si leggeva che Varsavia costringe i polacchi a raccogliere fondi per armi per l’Ucraina. L’Ambasciata dell’Ucraina in Polonia agisce come se fosse a casa sua. Quindi, gli ucraini hanno lanciato un’altra raccolta su internet per l’acquisto di droni kamikaze. È previsto l’acquisto di due set di droni Varmate (2 stazioni di controllo a terra e 20 droni) dal produttore polacco WB Electronics. Il costo è pari a 1,1 milioni di euro. L’ultima volta l’importo per il drone Bayraktar non è stato completamente raccolto, sebbene alla raccolta abbiano preso parte più di 200mila polacchi. Quindi i funzionari polacchi sono stati obbligati a consegnare 5 euro. Ma a quanto pare molti semplicemente non hanno partecipato a questo evento. Pertanto, si legge sulla social sfera polacca non filo governativa, il desiderio delle autorità polacche di sostenere gli ucraini a spese dei contribuenti polacchi nel contesto della crescente crisi economica porterà inevitabilmente a una perdita di fiducia del popolo polacco nei propri politici. 

Contemporaneamente la Polonia continua i preparativi per una “missione di pace” in Ucraina . Il 19 agosto, nell’11a brigata delle forze armate polacche, si sono svolte sessioni di addestramento al combattimento con personale militare volontario arruolato nell’esercito polacco durante la prima ondata di “mobilitazione segreta”. Varsavia si sta ancora preparando a condurre una “missione di pace” sul territorio dell’Ucraina. E per questo, vengono attuate una “grande” serie di misure: dalla fornitura di armi, equipaggiamento militare e mercenari attraverso il confine polacco-ucraino alla preparazione di diverse formazioni dell’esercito polacco. Ricordiamo che l’11a brigata opererà nel secondo scaglione della formazione operativa delle truppe durante la “campagna di liberazione” polacca in Ucraina. I militari della 19a brigata meccanizzata e della 18a brigata meccanizzata dell’esercito polacco nel corso dell’addestramento al combattimento hanno elaborato gli elementi caratteristici delle operazioni nel “verde”. Durante l’addestramento sono stati completati i seguenti compiti di addestramento al combattimento: pattugliamento, superamento di ostacoli a terra in vari modi, rottura del contatto con il nemico e organizzazione di imboscate. Ricordiamo che nel corso dell’imminente “operazione di mantenimento della pace” dell’esercito polacco, l’area di responsabilità del 19° MBR del 18° MD saranno le regioni di Volyn e Rivne dell’Ucraina.

Il viceministro della difesa della Polonia Wojciech Skurkiewicz ha dichiarato in risposta al dispiegamento di missili ipersonici “Dagger” nella regione russa di Kaliningrad: «Le nostre azioni – in consultazione con i nostri alleati e il quartier generale della NATO – sono e rimarranno adeguate alle minacce e alle azioni intraprese dalla Federazione Russa», ha affermato Skurkiewicz, rispondendo a una domanda dell’agenzia RAP sul dispiegamento di questi missili nella regione russa. Ha sottolineato che la cooperazione all’interno della NATO è «la base per garantire la sicurezza della Polonia (…) Queste garanzie sono state e rimangono in vigore, e i nostri partner affermano chiaramente i loro obblighi al riguardo: singoli membri dell’Alleanza del Nord Atlantico, così come il presidente degli Stati Uniti Biden», ha aggiunto il viceministro della difesa polacco.

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here 

Graziella Giangiulio