#UKRAINERUSSIAWAR. Kharkiv fallisce l’offensiva ucraina, Mosca punta a Odessa

277

La guerra russo ucraina mantiene aperti diversi fronti, al 01 giugno quasi l’80% di Severodonesk era liberato, secondo Ramzan Kadyrov la città è caduta, a Odessa manca la benzina e spesso si registrano scontri armati per beni di prima necessità per strada. Gli stessi militari ucraini spesso si scontrano con quelli dei battaglioni nazionalisti.

I russi  cercheranno di prendersi anche Odessa ma non di certo dal mare. Troppo rischioso, troppe mine, troppi occhi nel cielo. Si muoveranno via terra. Odessa è fondamentale è l’ultimo porto importante in mano agli ucraini e quando i russi lo prenderanno la gestione dei beni dall’Ucraina al resto del mondo sarà controllata da Mosca. A quel punto sedersi ad un tavolo con Putin sarà obbligatorio per l’Europa.

Severodonesk. Lo sviluppo residenziale è quasi completamente occupato. C’è una bonifica della zona industriale e combattimenti nell’area della centrale termica di Severodonetsk e della centrale di Azot. Nello stabilimento industriale si sarebbe rifugiato il battaglione Adier. Nei prossimi giorni sarà annunciata la completa liberazione di Severodonetsk e l’inizio dei combattimenti per Lisichansk.

Ad Avdiivka si registrano combattimenti a nord. Le truppe dell’area di Novoselki-2 stanno premendo verso ovest. Ci sono combattimenti in direzione di Krasnogorovka. L’autostrada Avdiivka-Orlovka permette agli ucraini di ricevere rifornimenti. Combattimenti nella periferia sud di Neu York.

Svetlodarsk. Si registrano combattimenti a Novolugansk, Uglegorsk TPP e nella zona di Vozdvizhenka.

Bakhmut. Battaglie a Pilipchatino. Gli ucraini stanno fortificando a Pokrovsky. Le riserve vengono trasferite attraverso la città, che si precipita in battaglia per l’autostrada Bakhmut-Lysichansk. Gli accumuli di apparecchiature APU vengono colpiti dai russi costantemente.

Soledar. Battaglie vicino a Novaya Kamenka e Stryapovka. Gli ucraini, portando in battaglia forze fino a due BTG, continuano a cercare di respingere le truppe russe dall’autostrada Bakhmut-Lysichansk nell’area Belogorovka-Berestovoe, ma il percorso è ancora sotto stretto controllo del fuoco delle truppe russe.

Zolote. Combattimenti alla periferia sud di Zolote. I russi hanno preso fino a all’80% di Kamyshevakhi. Combattimenti nell’area dell’installazione e a ovest di Toshkovka. Gli ucraini stanno cercando di mantenere la strada Lisichansk-Gorskoye, così come Vrubovka, sotto il suo controllo per poter difendere Gorskoye e Zolote.

Lyman Krasny. Le foreste a sud del Krasny Liman sono state quasi completamente disboscate e i villaggi vicino al fiume sono stati presi. Il 31 maggio è stato preso anche Yarovaya in direzione di Svyatogorsk. Le posizioni delle Forze armate ucraine vicino a Raygorodok subiscono pesanti colpi.

Izium. Nessun cambiamento importante. Battaglie posizionali a Bolshaya Kamyshevakha, Kurulka e Dolgenyoky.

Kharkiv. Le forze armate ucraine sono state costrette a lasciare una serie di posizioni vicino a Tsupovka e ritirarsi a Kharkov dopo una serie di attacchi senza successo e una sconfitta a lungo termine delle forze armate della RF, che detengono con sicurezza il cosacco Lopan-Liptsy-Ternovoye-Rubezhnoye linea. In generale, la “controffensiva delle forze armate ucraine” nella direzione di Kharkov non ha avuto grande successo, a costo di pesanti perdite, sono stati catturati solo alcuni villaggi direttamente alla periferia di Kharkov, ma i tentativi di basarsi sul successo per raggiungere il confine è fallito. Allo stesso modo, i tentativi di creare un serio punto d’appoggio dall’altra parte dei Seversky Donet e di sforzare il fianco del gruppo Izyum sono falliti.

Kherston. I tentativi delle forze armate ucraine di avanzare nell’area di Snegirevka e Davydov Brod si sono conclusi per le forze armate ucraine con pesanti perdite in assenza di risultati significativi. Tuttavia, possiamo aspettarci la ripresa dell’attività di combattimento da parte ucraina nelle direzioni Nikopol e Krivoy Rog.

A Odessa, Nikolaev, Marinka, Zaporizhia, Ugledar non ci sono  modifiche significative.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here