IRAN. Aumentano le proteste per il caro vita: inflazione oltre il 50%

138

A un anno dall’ascesa alla presidenza del conservatore Ebrahim Raisi, le sue promesse in campagna elettorale di proteggere l’economia iraniana dalle sanzioni e di portarla a nuove vette sono rimaste del tutto inattuate. Mentre le proteste di piazza contro lo stato disastroso dell’economia si diffondono in tutto il Paese, la stabilità politica è messa a dura prova per il leader che si sta dimostrando politicamente inesperto.

Il potere d’acquisto iraniano ha recentemente toccato i minimi storici a causa di un’inflazione incontrollata, di salari stagnanti e di una valuta al collasso, galvanizzando un numero sempre maggiore di iraniani a scendere in piazza per protestare contro la loro condizione economica e la cattiva gestione percepita dal governo, riporta AT.

Nonostante le proteste che si moltiplicano in tutto il Paese, Raisi continua a minimizzare. La tabella di marcia di Raisi per questi tempi economici migliori è ambigua nel migliore dei casi e disperata nel peggiore, dato che la sua amministrazione fatica a generare le entrate necessarie per il funzionamento quotidiano del governo. Allo stesso tempo, il suo governo sta imponendo nuovi oneri fiscali a una popolazione già sofferente per colmare le voragini fiscali.

La quota delle tasse nel bilancio nazionale è aumentata in media del 61%, con un aumento del 41% delle imposte sul reddito dei dipendenti. Nel frattempo, l’amministrazione è impegnata a vendere le proprietà dello Stato per pagare i debiti e a spedire petrolio a prezzi scontatissimi alla Cina per tenere a galla i conti nazionali. Si prevede che il deficit di bilancio per l’anno solare che terminerà a marzo 2023 sarà di circa 21 miliardi di dollari.

In un momento in cui la crisi energetica globale precipitata dalla guerra in Ucraina e l’aumento della domanda potrebbero restituire all’Iran la posizione perduta di grande esportatore di petrolio e gas naturale, il suo greggio e i suoi prodotti petroliferi sono in gran parte bloccati nelle raffinerie a causa della mancanza di progressi nell’assicurare un nuovo accordo nucleare del Joint Comprehensive Plan of Action con gli Stati Uniti e con l’Occidente in generale.

Non c’è alcun segno che un nuovo accordo sia imminente, dato che i negoziatori iraniani restano fermi sulla necessità di garanzie economiche e di alleggerimento delle sanzioni.

I media statali iraniani fanno eco all’ottimismo di Raisi, che di recente ha sbandierato i rapporti del Fondo Monetario Internazionale di aprile, secondo i quali l’Iran è la 14esima economia mondiale con un prodotto interno lordo di 1,74 trilioni di dollari, superando di recente Messico, Svizzera e Arabia Saudita. I critici, tuttavia, hanno subito criticato questa valutazione positiva, notando che il calcolo si basava sul tasso di cambio ufficiale dell’Iran di 42.000 rial per dollaro, mentre il tasso di mercato non ufficiale aveva raggiunto i 300.000 rial per il biglietto verde a giugno.

L’aumento dei prezzi sta costringendo gli iraniani a prendere decisioni alimentari difficili. L’associazione iraniana delle industrie lattiero-casearie afferma che il consumo di prodotti caseari come latte, formaggio e yogurt è diminuito del 20% rispetto all’anno precedente. Il consumo di carne rossa, invece, si è ridotto del 50%, secondo i rapporti dell’industria.

A giugno, l’inflazione è balzata del 52,5% e il prezzo dei generi alimentari è aumentato dell’82,6% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

Nel frattempo, sporadiche proteste scatenate dalla sofferenza economica stanno mettendo alla prova la stabilità politica. Insegnanti, infermieri e lavoratori in prima linea della Covid-19, pensionati, autisti e lavoratori manuali sono scesi in piazza per chiedere salari dignitosi, e molte manifestazioni incolpano i funzionari corrotti della loro situazione.

I pessimi dati economici stanno sollevando interrogativi sulla competenza dei ministri economici di Raisi, per lo più inesperti.

Maddalena Ingrao