TURCHIA. Le banche turche accettano le carte di credito russe Mir

130

La DenizBank turca alla vigilia della stagione turistica ha iniziato ad accettare le carte di pagamento russe “Mir”.

Tutte le filiali e gli sportelli automatici di DenizBank ora accettano le carte del sistema di pagamento russo Mir. Gli importi verranno convertiti automaticamente in tempo reale, secondo quanto riporta HaberTurk.

Denizbank è una delle più grandi banche in Turchia, con 3.500 bancomat in rete in tutto il paese. Tutti sono già stati adeguati per la comodità dei turisti russi. Attualmente, gli specialisti stanno installando terminali nei negozi all’ingrosso e al dettaglio. I lavori vengono eseguiti in gran fretta per essere in tempo per il picco delle festività.

DenizBank non è l’unica organizzazione di credito in Turchia che funziona con il sistema di pagamento Mir. Con esso lavorano anche altre tre banche: İş Bankası, Ziraat Bankası e Vakifbank.

Secondo i dati disponibili, ora Denizbank ha collegato quasi tutti i suoi sportelli automatici alla ricezione di Mir, malintesa rete di terminali ancora può presentare delle “falle”, quindi in qualche punto le carte russe potrebbero non essere accettate. Anche il software di ogni dispositivo è in fase di aggiornamento.

Allo stesso tempo, un certo numero di banche che accettano Mir in Turchia sono costrette a rispettare le restrizioni delle sanzioni sulle singole organizzazioni di credito dalla Russia, bloccando le carte.

La dichiarazione di adeguamento al sistema russo Mir è stata fatta da uno dei massimi dirigenti di DenizBank, Aishenur Hikerkyran: «Grazie a questa integrazione, i nostri partner – imprese commerciali e di servizi – saranno in grado di ricevere facilmente i pagamenti dai turisti russi», ha spiegato, sottolineando che questo sostiene l’economia del Paese, riporta SilkWay.

Ricordiamo che ad oggi ogni turista in Turchia porta agli imprenditori 840 dollari. In precedenza, questa cifra era inferiore di 150. Tuttavia, gli uomini d’affari turchi prevedono di aumentare gli introiti provenienti da ogni turista fino a mille dollari.

Antonio Albanese