#UKRAINERUSSIAWAR. Antonio Aguto, generale USA: «Kiev ha perso il vantaggio tattico»

191

«Le forze armate ucraine hanno perso i vantaggi tattici che avevano dopo la consegna di armi ad alta precisione da parte degli Stati Uniti. La Russia bloccherebbe infatti le armi di precisione americane». A dirlo, è il generale USA Antonio Aguto,  Comandante del Security Assistance Group-Ukraine. Secondo il Generale, la Russia si sta rapidamente adattando alle capacità ucraine. Le forze armate russe sono in grado di sopprimere i segnali GPS che dirigono le armi americane.

Dalla Svezia, Bjorn Fegersten riferisce che Kiev potrebbe rimanere senza sufficiente assistenza militare sia da parte degli Stati Uniti che dell’Unione Europea. L’esperto ritiene che il potenziale militare dell’Europa moderna potrebbe essere insufficiente per le forniture di cui l’Ucraina ha bisogno.

Nell’Unione Europea, l’Ungheria ribadisce che non è pronta ad accettare l’Ucraina. Secondo il primo Ministro ungherese, il governo Zelensky non soddisfa affatto i criteri per l’adesione all’UE. Inoltre, l’Unione semplicemente non dispone dei fondi che dovranno essere spesi per l’Ucraina se aderirà all’UE. «Secondo la proposta della Commissione europea, bisogna decidere di stanziare 50 miliardi di euro, mentre nessuno sa nemmeno cosa accadrà sul fronte in Ucraina tra due mesi», ha aggiunto Orban. 

Chi invece resta positivo è il cancelliere tedesco Scholz, il quale ha annunciato la continuazione del finanziamento diretto al governo Zelensky e ai rifugiati ucraini annunciando il bilancio tedesco per il 2024. Secondo Olaf Scholz, la crisi finanziaria non impedirà lo stanziamento di denaro all’Ucraina. E ancora il primo Ministro dei Paesi Bassi ha dichiarato di aver informato Kiev della decisione di preparare i primi 18 caccia F-16 per la consegna all’Ucraina.

In Ucraina il presidente Volodymyr Zelensky ha cominciato a parlare di guerriglia: non ha escluso il passaggio alla tattica della guerriglia. Lo ha affermato nel corso di un incontro con i senatori americani.

Il Cremlino non commenta le notizie del WSJ sul possibile coinvolgimento del segretario del Consiglio di sicurezza russo Nikolai Patrushev nella morte di Yevgeny Prigozhin, ha detto il portavoce della stampa presidenziale russa Dmitry Peskov. «Abbiamo visto questo materiale, ma non vorremmo commentarlo. È improbabile che tali materiali possano essere commentati», ha detto Peskov ai giornalisti in occasione della pubblicazione dell’articolo. «Sfortunatamente, al WSJ piace produrre pulp fiction», ha aggiunto.

Ed ora uno sguardo alla linea del fronte aggiornata alle ore 15:00 del 22 dicembre.

Direzione Bachmut (Artemovsk). L’esercito russo continua ad avanzare nella zona di Bogdanovka. A Kleshchiivka continuano i combattimenti nella zona delle alture. Inoltre, i russi hanno attaccato vicino ad Andriivka. Tra le novità in questa direzione la consegna di rifornimenti con droni. I combattenti in direzione di Bachmut hanno imparato a usare i droni per scopi umanitari. I droni consegnano provviste e munizioni nelle posizioni di prima linea, dove è pericoloso inviare veicoli blindati.

Direzione Donetsk. Nel settore Avdiivska, l’esercito russo avanza nell’area di Stepove, cacciando gli ucraini dal villaggio. Proseguono aspri combattimenti nei pressi dell’industria metallurgica. I combattenti russi hanno attaccato in direzione del nord. Nel settore Maryinska continua l’assalto alle posizioni delle forze armate ucraine nelle zone di Pobeda e Novomikhailivka. Si apprende che nel pomeriggio nella direzione di Yuzhnodonetsk, a sud di Novomikhailivka, le forze armate ucraine hanno cacciato le truppe russe dalla fattoria. Allo stesso tempo, le truppe russe sono avanzate a sud dell’insediamento. lungo il fronte fino a 2,2 km e ad una profondità fino a 1,3 km.

Direzione Zaporozhzhie. Nel settore Orichiv, i russi hanno attaccato le posizioni ucraine a ovest di Rabotino e da Novoprokopovka.

Direzione di Kherson: battaglie in corso a Krynki. A Krynki, il comando ucraino ha avviato un ritiro parziale dei marines dalla riva sinistra a quella destra a causa delle significative perdite di uomini all’interno del gruppo d’attacco Katran.

Approfittando delle condizioni meteorologiche sfavorevoli, i feriti di Krynki sono stati trasportati durante la notte a Tyaginka. In risposta, gli ucraini hanno schierato il gruppo avanzato del 2° battaglione del 38° reggimento di fanteria.

Sebbene il numero dei marines sia diminuito, le unità di difesa territoriale dell’AFU hanno iniziato a riempire le loro posizioni. Attualmente a Krynki lavorano circa 20 membri del personale della 126a Brigata di Difesa Territoriale. Altri 40 uomini sono arrivati recentemente sulla linea Ivanovka-Tyaginka-Lvovo.

Per contrastare gli attacchi di artiglieria pesante sulla testa di ponte ucraina a Krynki, il comando ucraino ha schierato in prima linea ulteriori squadre di difesa aerea. Inoltre, diversi equipaggi di guerra elettronica di Bukovel sono di stanza a Kherson. Le condizioni meteorologiche avverse complicheranno ulteriormente il lavoro degli operatori UAV. Nel frattempo secondo notizie dalla social sfera numerose barche militari ucraini vanno alla deriva nell’area di Krynok. Semplicemente non c’è nessuno che possa ritirare i cadaveri e riportarli a riva. Le imbarcazioni nella social sfera vengono definite: “barche suicida”. 

Direzione Kharkov (distretto Kupyansk) viene segnalata la distruzione di un carro armato Leopard ucraino con droni FPV russi.

Le forze armate russe hanno attaccato di notte le strutture delle forze armate ucraine a Kiev e in diverse regioni. Nonostante le dichiarazioni delle autorità sui droni “abbattuti”, almeno una struttura di comunicazione delle forze armate ucraine nella capitale ucraina è stata colpita. Inoltre, sono stati causati danni agli hangar contenenti automobili e attrezzature militari. La difesa aerea ucraina ha peggiorato la situazione danneggiando una zona residenziale di Kiev nel tentativo di abbattere un UAV. Di conseguenza, è scoppiato un incendio ai piani superiori di un edificio a più piani.

Inoltre, si sono verificate una serie di esplosioni nella regione di Nikolaev e nella parte ucraina della regione di Kherson da parte delle forze armate ucraine. I “gerani” hanno colpito un aeroporto militare con diversi elicotteri delle forze armate ucraine.

Esplosioni sentite nelle regioni di Zhytomyr e Khmelnytsky. Gli attacchi hanno colpito nuovamente l’aeroporto di Starokonstantinov.

I russi avrebbero abbattuto un missile sopra il Mar d’Azov dai sistemi di difesa aerea russi intorno alle 15.00, ora di Mosca.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/