Samsung vs Apple

41

USA – Cupertino. Il peggior incubo di Steve Jobs si è fatto realtà.

La Samsung Electronics Co Ltd, che utilizza il software Android di Google Inc., crea smartphone e tablet che ricordano da vicino l’iPhone e l’iPad. La Samsung inizia a guadagnare quote di mercato, a danno di Apple scatenando una  guerra legale “termo-nucleare”. Eppure, quasi due anni dopo la prima causa contro Samsung e sei mesi dopo la sua vittoria legale che darebbe ad Apple la possibilità di bloccarne la vendita, la vendita di prodotti Samsung è in crescita.

Lo stalle legale di questo periodo, però, può inaugurare una nuova fase nella complessa relazione tra le due società dominanti nel settore in crescita del mobile computing. 

Apple ha, infatti, comprato circa 8 miliardi di dollari di componenti da Samsung lo scorso anno.

Samsung, nel frattempo, ha tratto grandi vantaggi dalla conoscenza del mercato grazie al rapporto con Apple.

Le due società in forte concorrenza nel settore high-end business smartphone, in cui insieme controllano la metà delle vendite e la quasi totalità dei profitti, possiedono punti di forza e di debolezza complementari. 

Nonostante la guerra di bolli, è sempre più chiaro che Apple e Samsung hanno molti interessi comuni che le portano a lavorare per respingere altri potenziali sfidanti, come BlackBerry o Microsoft.

La partnership Apple-Samsung risale al 2005, quando il gigante di Cupertino in California, era alla ricerca di un fornitore stabile di memoria flash. Apple aveva deciso di eliminare l’unità disco rigido nel creare iPod shuffle, iPod nano e iPhone, e aveva bisogno di enormi volumi di chip di memoria flash per l’archiviazione di dispositivi.

Il mercato delle memorie nel 2005 era estremamente instabile, e Apple ha voluto un fornitore che fosse solido finanziariamente, Samsung aveva circa il 50 per cento del mercato di settore in quel momento.

Il successo di tale accordo ha portato la Samsung a fornire i processori per applicazioni cruciali per iPhone e iPad. Inizialmente, le due società congiuntamente hanno sviluppato i processori, ma Apple ha progressivamente assunto il pieno controllo sullo sviluppo del chip. Ora Samsung costruisce solo i componenti in una fabbrica del Texas.

Le aziende costruito un rapporto stretto: nel 2005, Jay Y. Lee, il cui nonno ha fondato il gruppo Samsung, ha visitato Jobs a Palo Alto, in California, in cui i due hanno firmato l’accordo sulla fornitura di memoria flash.

La partnership ha dato ad Apple e Samsung la condivisione di strategie e operazioni. In particolare, la posizione di Samsung come fornitore unico di processori per iPhone ha fornito ad Apple dati importanti su quanto grandesarebbe stato il mercato degli smartphone.

Samsung ha investito 21 miliardi di dollari nel 2012 nello sviluppo del settore e prevede di spendere una quantità simile di quest’anno.

In confronto, Intel Corp ne ha spesi circa 11 miliardi nel 2012, e Taiwan Semiconductor Manufacturing Co Ltd (Tsmc) prevede di spenderne 9 nel 2013.

Apple ha speso circa 10 miliardi di dollari nel 2012 per investimenti, e prevede di spenderne ulteriori 10 quest’anno. 

Nel 2010, però, Samsung ha lanciato il Galaxy S, con il sistema operativo Android e un look and feel molto simile a iPhone di Apple.

I peggiori timori di Apple sono stati confermati all’inizio del 2011 con l’uscita del Galaxy Tab, che Jobs e altri considerarono come un chiaro clone dell’iPad. fu l’inizio della guerra legale che si estese ben presto alle corti in Europa, Asia e Australia. Quando Apple ha vinto contro Samsung nell’agosto 2012, è emerso che potrebbe essere in grado di vietare il commercio dei prodotti incriminati, alterando la concorrenza nel settore smartphone.

Ma Apple non è riuscita a convincere i giudici degli Stati Uniti a mantenere simili divieti di vendita, in gran parte perché la redditività straordinaria e il potere di mercato di iPhone ha reso quasi impossibile per Apple dimostrare che stava soffrendo un danno irreparabile.

Oggi, Apple e Samsung hanno strategie molto diverse. Apple ha un solo smartphone e solo quattro linee di prodotto in totale, e cerca di mantenere le variazioni al minimo mentre si concentra sulla fascia alta del mercato.

Samsung, invece, dispone di 37 prodotti di telefonia che sono ottimizzati per i gusti regionali e hanno un ventaglio di prezzi che vanno da molto a buon mercato a molto costoso, L’azienda produce anche patatine, televisori, elettrodomestici e una miriade di altri prodotti (nel gruppo Samsung vendono di tutto, dalle navi alle polizze assicurative).

I dispositivi Apple sono molto popolari negli Stati Uniti; Samsung gode di supremazia nei paesi in via di sviluppo come l’India e la Cina. Apple mantiene il suo personale a solo 60.000 dipendenti in tutto il mondo – e si affida a partner per la produzione e altre funzioni. Samsung Electronics, parte di un tentacolare “chaebol” o conglomerato, comprende circa 80 aziende che impiegano 369.000 persone in tutto il mondo.