RUSSIA. Navalny lancia proteste di piazza antiguerra tutti i giorni

188

I leader dell’opposizione russa hanno invitato la popolazione a scendere in strada per una protesta di massa contro la guerra il 6 marzo. L’attivista anticorruzione e politico dell’opposizione Alexei Navalny, in carcere, ha anche lanciato proteste quotidiane in tutto il paese alle 7 della sera di ogni giorno. Nel suo primo riconoscimento di perdite significative, il 3 marzo, il ministero della Difesa russo ha annunciato che 498 soldati russi sono state uccisi e 1.597 feriti.

L’Ucraina ha affermato che le sue forze hanno ucciso più di 5.300 soldati russi, un numero ritenuto da più parti una esagerazione. Nessuna delle due cifre è stata verificata in modo indipendente, né ci sono fonti indipendenti sul terreno per offrire stime alternative, riporta BneIntellinews.

L’esponente dell’opposizione in esilio ed ex oligarca Mikhail Khodorkovsky ha dato il suo appoggio alle richieste di pace in un’intervista a France24 il 3 marzo: «Appoggio pienamente questa iniziativa (…) Il popolo deve far capire che è contro questa guerra», ha detto Khodovkovsky, che ha trascorso un decennio in un carcere russo dopo essersi scontrato con il presidente Vladimir Putin ed è stato arrestato con l’accusa di frode fiscale.

In un messaggio portato di nascosto fuori dalla sua cella dove sta scontando una condanna a 2,8 anni per appropriazione indebita, Navalny è andato oltre, invitando la gente a protestare ogni giorno alle 19, dipingendo il presidente Vladimir Putin come uno «zar ovviamente pazzo». «Non possiamo aspettare nemmeno un giorno di più. Ovunque voi siate. In Russia, Bielorussia o dall’altra parte del pianeta. Uscite sulla piazza principale della vostra città ogni giorno feriale alle 19.00 e alle 14.00 nei fine settimana e nei giorni festivi», ha detto in una dichiarazione pubblicata su Twitter dal suo portavoce.

Navalny ha detto che la Russia voleva essere una nazione di pace, ma pochi la chiamerebbero così ora: «Almeno non diventiamo una nazione di persone silenziose e spaventate. Di codardi che fingono di non accorgersi della guerra aggressiva contro l’Ucraina scatenata dal nostro zar evidentemente pazzo (…) Io vengo dall’Urss. Sono nato lì. E la frase principale di lì – della mia infanzia – era ‘lotta per la pace’. Invito tutti a scendere in strada e a combattere per la pace… Putin non è la Russia», riporta Reuters.

La guerra di Putin contro l’Ucraina non è chiaramente molto popolare tra la popolazione. Lo stesso giorno dell’attacco all’Ucraina, il 24 febbraio, decine di migliaia di persone si sono presentate per proteste spontanee in circa 50 città del paese. La polizia è intervenuta rapidamente e più di 1.700 persone sono state arrestate.

Le autorità hanno cercato di reprimere le proteste nel tentativo di impedire che si diffondano. Le applicazioni dei social media come Twitter, Telegram e Instagram sono state rallentate, bloccando soprattutto la capacità di condividere video. Anche i principali media liberali Ekho Moscow e TV Dozhd, che stavano riportando obiettivamente la guerra in Ucraina, sono stati chiusi.

Graziella Giangiulio