RUSSIA. Mosca non ha alcun rapporto con l’UE. Pechino si accoda

87

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha detto che la Russia «non ha relazioni con l’Unione europea», mentre Pechino ha fatto pubblicamente serrato i ranghi con Mosca in opposizione alla politica di sanzioni degli Stati Uniti il 23 marzo. Lavrov ha accusato i leader dell’UE di “distruggere” le relazioni con Mosca: «Non ci sono relazioni con l’Unione europea come organizzazione. L’intera infrastruttura di queste relazioni è stata distrutta dalle decisioni unilaterali di Bruxelles», ha detto Lavrov durante una conferenza stampa congiunta con il suo omologo cinese Wang Yi, riporta la Tass.

La Russia e l’Occidente si sono scontrati ripetutamente sulla politica delle sanzioni, ma Mosca ha inasprito significativamente la sua linea a febbraio, quando Lavrov ha stabilito nuove regole del gioco durante una conferenza stampa congiunta con Josep Borrell, Alto rappresentante per la politica estera Ue, umiliandolo deliberatamente espellendo tre diplomatici mentre era al leggio per tenere la conferenza, riporta Bne Intellinews.

Lavrov ha detto che la Russia non tollererà più sanzioni che danneggiano l’economia russa e ha promesso azioni di ritorsione in caso di applicazione di altre sanzioni che includono la rottura delle relazioni diplomatiche con l’Europa. Anche la Cina si oppone alla politica di sanzioni degli Stati Uniti e teme di essere la prossima, quando anche le relazioni tra Pechino e Washington decadranno. Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha definito sia la Russia che la Cina un problema importante nel suo primo grande discorso di politica estera all’inizio di questo mese, chiamando la Russia la «minaccia numero uno», mentre la Cina è stata menzionata solo come un «rivale commerciale».

Mentre la disputa finora è stata in gran parte tra Mosca, Bruxelles e Washington, la Cina è entrata nella mischia il 23 marzo, tenendo una conferenza stampa congiunta di Lavrov e Wang per mostrare chiaramente la solidarietà tra le due potenze sulla loro opposizione alla politica di sanzioni guidata dagli Stati Uniti. L’Ue ha recentemente imposto sanzioni alla Cina per il suo trattamento della minoranza uigura e la politica di tenerne un gran numero in centri simili a campi di concentramento nell’interno del paese.

La Cina nega le accuse occidentali, dicendo che i campi sono strutture di “rieducazione” utilizzate per combattere il terrorismo. La Cina ha risposto lo stesso giorno con proprie sanzioni ai funzionari europei. Lavrov ha detto che lui e Wang hanno concordato che le sanzioni sono “inaccettabili” come modo di condurre le relazioni internazionali.

Wang ha detto che i paesi potenti «non dovrebbero immischiarsi negli affari interni degli altri secondo i loro standard, o usare la bandiera della democrazia e dei diritti umani per costruire il loro potere».

La conferenza stampa congiunta rappresenta un’escalation della resa dei conti, in quanto la Cina si schiera pubblicamente dietro la Russia. Lavrov ha detto tuttavia che Mosca e Pechino non si stanno unendo contro nessuno: «Se l’Europa ha interrotto queste relazioni – distruggendo semplicemente tutti i meccanismi che erano stati costruiti in molti anni – e abbiamo solo singoli paesi europei che vogliono essere guidati dai loro interessi nazionali, allora questo probabilmente porta oggettivamente al fatto che le nostre relazioni con la Cina si stanno sviluppando più velocemente di ciò che è rimasto delle relazioni con i paesi europei», ha detto Lavrov durante una conferenza nella città cinese di Guilin.

Lavrov ha anche teso un ramo d’ulivo dicendo che la Russia è ancora disposta a lavorare con l’Europa, ma solo alle sue condizioni: «Se e quando gli europei troveranno opportuno eliminare questa anomalia nei contatti con il loro più grande vicino, saremo naturalmente pronti a costruire queste relazioni sulla base della parità, sulla base della ricerca di interessi equilibrati (…) Il nostro paese si trova geograficamente sulla vasta distesa del continente eurasiatico. Abbiamo sia la Cina, un buon vicino, e anche l’Unione europea è un nostro vicino. E siamo sempre stati interessati a promuovere le nostre relazioni in tutti i settori», ha detto.

La dura presa di posizione della Russia sembra aver già avuto un effetto su Bruxelles, che ha adottato una risposta molto mite e ci sono diversi inviti a smorzare la retorica e ad impegnarsi con Mosca a Bruxelles nelle ultime settimane. La Russia è il più grande mercato di consumo in Europa e molte delle migliori aziende europee hanno pesantemente investito nel paese. Germania e diversi altri stati membri stanno negoziando con Mosca l’acquisto e la produzione del vaccino Sputnik V in Europa per alleviare la crisi della mancanza di vaccini che si sta verificando nell’Ue.

Graziella Giangiulio