RUSSIA. Mosca e Pechino salutano il dollaro USA

218

La Russia e la Cina svilupperanno strutture finanziarie condivise per consentirgli di approfondire i legami economici per evitare che stati stranieri possano influenzarli. Lo ha annunciato, il Cremlino a seguito di colloqui tra i leader dei paesi. Questo passaggio sembra essere una risposta a una serie di avvertimenti che le nazioni occidentali potrebbero spingere a disconnettere la Russia dal sistema finanziario Swift, come forma di sanzioni.

La piattaforma di pagamento è alla base della maggior parte delle transazioni internazionali. Durante i colloqui del 15 dicembre, il presidente russo Vladimir Putin e la sua controparte cinese Xi Jinping hanno chiesto di aumentare la quota delle valute nazionali nei regolamenti reciproci e di espandere la cooperazione per fornire agli investitori russi e cinesi l’accesso ai mercati azionari, riporta RT.

La testata russa riporta che «particolare attenzione è stata data alla necessità di intensificare gli sforzi per formare un’infrastruttura finanziaria indipendente per servire le operazioni commerciali tra Russia e Cina (…) si intende creare un’infrastruttura che non possa essere influenzata da paesi terzi». In vista del vertice video, il segretario stampa del Cremlino Dmitry Peskov aveva lasciato intendere che le discussioni economiche sarebbero state probabilmente all’ordine del giorno per i due capi di stato.

Si dice che sia la Russia che la Cina stiano sempre più cercando di allontanarsi dall’uso del dollaro come valuta principale del commercio internazionale, utilizzando invece le loro denominazioni per sostenere il volume in crescita del commercio Mosca-Pechino.

La settimana scorsa, il sottosegretario di Stato americano Victoria Nuland ha detto che la Casa Bianca, insieme a un certo numero di nazioni dell’Europa occidentale, stava pensando di isolare completamente Mosca dal sistema finanziario globale se le truppe russe avessero invaso l’Ucraina. Bloomberg aveva suggerito che Washington potrebbe prendere di mira le principali banche del paese e persino disconnettere Mosca dalla rete Swift.

Alla fine di novembre, il capo di Rosneft, Igor Sechin, ha accusato Washington di manipolare il dollaro per favorire i propri interessi e ha detto che la valuta sta perdendo il suo fascino a causa della politica di quantitative easing della Federal Reserve che inonda l’economia globale con un eccesso di offerta di denaro.

All’inizio di quest’anno, il ministro degli esteri russo Sergey Lavrov ha suggerito che Pechino e Washington «devono allontanarsi dall’uso dei sistemi di pagamento internazionali controllati dall’Occidente»; aggiungendo che gli Stati Uniti cercano «di limitare le opportunità di sviluppo tecnologico sia della Federazione Russa che della Repubblica Popolare Cinese».

Graziella Giangiulio