RUSSIA. Il governo sosterrà l’industria petrolifera russa

44

Il presidente russo Vladimir Putin ha dato tempo al suo governo fino al 15 giugno per elaborare un piano di sostegno all’industria petrolifera del Paese, mentre la produzione viene tagliata in base all’accordo tra i principali produttori mondiali.

Putin ha ordinato ai ministri di elaborare “tariffe speciali” che l’operatore dell’oleodotto Transneft e le ferrovie russe applicheranno per il trasporto di greggio e prodotti petroliferi finché sarà in vigore l’accordo Opec+, secondo un documento pubblicato sul sito del Cremlino, ripreso da Bloomberg.

Igor Sechin, amministratore delegato di Rosneft, il più grande produttore di petrolio russo, ha chiesto che anche le grandi compagnie petrolifere di servizio ai giacimenti petroliferi possano essere incluse nella lista del governo delle compagnie di importanza sistemica, rendendole ammissibili al sostegno statale. Con il calo della produzione, gli ordini per le società di servizi possono diminuire anche del 40%, e in alcuni casi anche di più, ha detto il mese scorso il ministro dell’Energia Alexander Novak a Putin.

L’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio e altri produttori, tra cui la Russia, hanno concordato il mese scorso di tagliare la produzione globale di greggio di quasi un decimo nel tentativo di far alzare i prezzi del petrolio dai minimi di quasi 20 anni. La Russia e l’Arabia Saudita sopporteranno il peso delle restrizioni alla produzione, che dureranno circa due anni, anche se l’entità dei tagli si ridurrà nel tempo.

Novak aveva detto il 18 maggio che il Paese «procederà in piena linea con l’accordo» raggiunto sui tagli alla produzione. I suoi commenti hanno segnalato che la Russia probabilmente spingerà per una stretta aderenza ai termini dell’accordo quando i paesi produttori di petrolio si riuniranno il mese prossimo per discutere i progressi dei tagli.

Le compagnie petrolifere non dovrebbero essere sanzionate per il fatto di essere scese al di sotto degli obiettivi di produzione stabiliti nei piani di sviluppo dei campi petroliferi mentre l’accordo Opec+ è in vigore, secondo il documento del Cremlino, che prevede una lista di istruzioni a seguito di un incontro svoltosi alla fine del mese scorso sullo sviluppo del settore energetico.

Secondo i calcoli della Reuters, e Oilprice, la produzione russa di petrolio greggio, una rete di condensati, ha raggiunto una media di 8,72 milioni di bpd nei primi venti giorni di maggio. Questo è il più grande taglio di produzione che i produttori russi abbiano dovuto attuare da decenni, ed è probabilmente il motivo per cui il governo sta cercando di aiutarli a gestire la situazione che durerà fino alla fine di giugno, dopo di che i tagli di produzione combinati Opec+ passeranno dagli attuali 9,7 milioni di bpd a 7,7 milioni di bpd.

Anna Lotti