RUSSIA. Petrolio, salvataggio di stato e pandemia

56

Le compagnie petrolifere e del gas russe stanno soffrendo a causa della depressione del mercato causata dalla pandemia di coronavirus. La maggior parte delle compagnie sono state direttamente esposte ai rischi derivati dal blocco per Covid-19. Rosneft, Gazprom Neft, Novatek, Lukoil sono state colpite in eguale modo e ha portato a cambiamenti imprevisti alle regole di esplorazione e produzione del petrolio, riporta OilPrice.

Fino ad ora solo l’amministratore delegato Rosneft Igor Sechin ha potuto incontrare personalmente il presidente russo Vladimir Putin; l’incontro Sechin-Putin del 12 maggio è stato considerato come una piattaforma per prefigurare sviluppi futuri come le esenzioni fiscali, una prassi già utilizzata proprio per Rosneft. Sechin, uno dei più accesi sostenitori dell’uscita della Russia dall’accordo di riduzione della produzione dell’OPEC+, ha suggerito che lo Stato russo dovrebbe adottare misure che sostengano il settore petrolifero russo duramente colpito, sostenendo le attività di esplorazione e estendendo la portata dei sistemi di prestito preferenziali dello Stato. 

Il Ceo di Rosneft ha suggerito di rendere gli appaltatori e i subappaltatori petroliferi ammissibili al prestito preferenziale e di aumentare i limiti di prestito. L’aiuto alla prospezione comporterebbe il rinvio di tutti i pagamenti fiscali derivanti dai lavori di prospezione a una data successiva, con prezzi del petrolio più alti. Tuttavia, c’è stata un’altra richiesta da parte di Rosneft: ulteriori esenzioni dal pagamento della tassa sull’estrazione dei minerali.

Rosneft sta cercando ulteriori agevolazioni fiscali per produrre gas naturale da riserve difficili da recuperare nella formazione Berezovskaya nella Siberia occidentale. Con un presunto conteggio delle riserve di 1,3 TCm, la formazione Berezovskaya racchiude gli strati cenomani e turoniani della produzione di giacimenti come Samotlor, Vanyegan o Ay-Yaunskoye. Tuttavia, il punto principale è il campo di Kharampurskoye, co-proprietà di Bp dall’aprile 2018, quando Rosneft ha accettato di vendere il 49% dell’attività al suo partner britannico. Una volta messo in produzione, Kharampurskoye dovrebbe raggiungere un livello di produzione di 25 Bcm all’anno, ma l’avvio del campo è già stato più volte ritardato a causa di una “congiuntura sfavorevole”.

Lo sviluppo del settore è stato ostacolato dalla sottoperformance complessiva del portafoglio gas di Rosneft, ora la nuova scadenza è fissata per il 2022, ma sono forti ancora le note pessimistiche sul raggiungimento dell’obiettivo.

Rosneft non può ancora mettere in dubbio il monopolio dei gasdotti di Gazprom ed è quindi costretta a commercializzare il suo sul mercato interno. Il principale cliente di Rosneft è Inter Rao, la principale società russa di produzione di energia elettrica e calore; tuttavia, è improbabile che la domanda russa di gas aumenti in modo sostanziale, collegando di fatto l’aumento della produzione di gas di Rosneft all’esistenza di condotti per l’esportazione. 

L’amministratore delegato di Rosneft ha affermato che una delle sfide principali della società è quella di portare le tariffe del gas in conformità con i prezzi correnti.

Anna Lotti