REGNO UNITO. Nuovi tagli per la Difesa di Sua Maestà

74

Un discorso tenuto dal Segretario della Difesa britannico Ben Wallace l’11 dicembre lascia presagire nuovi tagli alla difesa britannica. «Le forze armate britanniche devono affrontare alcune difficili decisioni per decidere se distruggere le capacità e tagliare i programmi ereditati come parte di uno sforzo di trasformazione reso possibile da un recente annuncio di un importante aumento pluriennale del budget del ministero della Difesa», ha detto Wallace in un evento virtuale del Royal United Services Institute.

«Alcune scelte difficili dovranno ancora essere fatte. Ma queste scelte ci permetteranno di investire in nuovi settori, nuove attrezzature e nuovi modi di lavorare (…) A volte significherà qualità rispetto alla quantità o il bene piuttosto che il perfetto. O semplicemente lasciar andare alcune capacità. Troppo spesso ci aggrappiamo al sentimentalismo quando dobbiamo esplorare alternative», ha detto il Ministro, riportano Rusi e Defense News.

Il segretario permanente del ministero della Difesa britannico, Sir Stephen Lovegrove, ha usato un linguaggio simile all’inizio di questa settimana.

In audizione alla commissione parlamentare della Difesa, ha segnalato che il ministero della Difesa avrebbe dovuto tagliare i programmi ereditati se avesse voluto puntare a capacità più rilevanti nei settori cyber, spaziale, subacqueo e non presidiato e in altri settori ad alta tecnologia.

Ulteriori dettagli su ciò che va e ciò che rimane sul fronte delle capacità dovrebbero emergere nelle prossime settimane prima della pubblicazione di una revisione del governo che integrerà la politica di difesa, estera, di sicurezza e di sviluppo prevista per la fine di gennaio.

L’aumento del budget rivelato dal Primo Ministro Boris Johnson il mese scorso aggiunge oltre 16 miliardi di sterline alle casse del ministero della Difesa. Si tratta di un aumento del 18% nei prossimi quattro anni, una scala di crescita che non si vedeva da decenni. Il budget oggi è di circa 41,5 miliardi di sterline, o 55 miliardi di dollari.

Wallace ha sottolineato, tuttavia, che l’accordo di bilancio, che entrerà in vigore nell’anno finanziario 2021/22, non ha fatto nulla per sollevare le pressioni intorno alla spesa degli anni correnti: «L’accordo di domani non allevia le nostre pressioni finanziarie più immediate. Non si esce da un decennio di rinvii e sottofinanziamenti da un giorno all’altro», ha osservato.

Wallace ha detto che gli inglesi e gli altri hanno dovuto adattare il loro approccio per sviluppare esattamente il modo in cui rispondono a un quadro di sicurezza globale in evoluzione, in cui i potenziali avversari stanno manovrando contro l’Occidente su attrezzature e su altri fronti.

“Loro sono fluidi, noi siamo statici. Loro usano la prontezza, l’innovazione e la presenza, mentre noi rimaniamo del tutto prevedibili nei nostri processi e nella nostra postura», ha avvertito Wallace.

Wallace ha detto di avere tre priorità per il ministero della Difesa britannico: «Voglio vedere una politica di difesa che dia al dipartimento le mie tre priorità, diventando attenta alle minacce, attiva e sostenibile». Il primo passo della riforma della Difesa britannica sarà l’istituzione di un organo di valutazione, il Secretary of State’s Office of Net Assessment and Challenge, Sonac, che comprenderà addestramento, dottrina, red teaming e analisi accademica esterna, lavorando a stretto contatto con l’intelligence.

Tommaso dal Passo