OCEANO PACIFICO. Alla RIMPAC 2022 presente il QUAD e l’AUKUS, Pechino insorge

100

L’edizione 2022 delle più grandi manovre militari navali del mondo, le esercitazioni Rim of the Pacific-Rimpac, vedrà la partecipazione dei principali partner statunitensi di tutto il mondo, tra cui India, Giappone e Australia, il gruppo Quad; l’intero Aukus, e cinque nazioni che si affacciano sul Mar Cinese Meridionale, una delle aree più turbolente al mondo per le tensioni militari.

In totale, le esercitazioni, con base a Honolulu e San Diego, vedranno la partecipazione di unità militari di 26 Paesi dal 29 giugno al 4 agosto, con l’impiego di 38 navi di superficie, quattro sottomarini e 170 aerei, ha dichiarato la 3ª Flotta della Marina statunitense in un comunicato, ripreso da Cnn.

È importante notare che Pechino, la sua marina militare, ha partecipato alle scorse edizioni della Rimpac. I cinesi anno fatto parte delle esercitazioni biennali Rimpac negli anni 2014, 2016 e 2018. la loro postura aggressiva nel Mar Cinese Meridionale e Orientale, oltre che in altre zona del Pacifico ha creato le condizioni per toglierli dalla lista dei paesi partecipanti, riporta Sofrep.

Alle manovre parteciperanno circa 25.000 militari, tra cui truppe di terra provenienti da nove Paesi.

Un “Indo-Pacifico libero e aperto” è stato un mantra degli Stati Uniti, mentre la Cina ha aumentato le sue forze e ampliato il suo raggio d’azione nella regione, compresa la militarizzazione delle isole nel Mar Cinese Meridionale, che rivendica quasi tutte come suo territorio sovrano.

Tre nazioni con rivendicazioni concorrenti a quelle della Cina, Filippine, Malesia e Brunei, parteciperanno alla Rimpac 2022. Parteciperanno anche l’Indonesia, che confina con il Mar Cinese Meridionale e che ha registrato recenti tensioni marittime con la Cina, e Singapore, che si trova all’ingresso sud-occidentale di questo mare di 1,3 milioni di chilometri quadrati.

Le manovre comprenderanno esercitazioni incentrate su «operazioni anfibie, esercitazioni di artiglieria, missilistiche, antisommergibile e di difesa aerea, nonché operazioni di antipirateria, operazioni di sminamento, smaltimento di ordigni esplosivi e operazioni di immersione e salvataggio», ha dichiarato la Marina statunitense.

Tommaso Dal Passo