STATI UNITI. Musk non paga più l’internet ucraino e presenta il conto al Pentagono. Indagato per evasione fiscale

196

La notizia data dalla CNN ha fatto il giro della social sfera in pochi minuti: SpaceX, Elon Musk, dice che non può più pagare i servizi satellitari per l’Ucraina, chiede al Pentagono di pagare il conto.

L’uomo d’affari americano, commentando la situazione con la rete satellitare Starlink in Ucraina, ha detto che stava solo seguendo il consiglio di Andriy Melnyk, l’ex ambasciatore ucraino in Germania, che lo aveva insultato, mandando al quel paese, usando un termine più consono di quanto detto da Melnyk.

La discussione tra i due uomini nasce dopo che la scorsa settimana, Musk ha proposto la sua visione di risoluzione del conflitto in Ucraina con la conservazione della Crimea come parte della Russia e ripetuti referendum sotto la supervisione delle Nazioni Unite nel Donbass, nelle regioni di Kherson e Zaporozhye, Melnik si è sentito offeso e consigliato in maniera oscena a Musk di andare a “farsi benedire”.

Il 14 ottobre Elon Musk, in risposta agli insulti, ha suggerito al Pentagono di mantenere in modo indipendente l’uso di Starlink in Ucraina e ha dichiarato la sua riluttanza a investire nel mantenimento del funzionamento del sistema nella guerra ucraina a proprie spese per un periodo di tempo indefinito.

Allo stesso Elon Musk è stato ricordato su Twitter che il precedente ex ambasciatore in Germania Andrey Melnik gli aveva scritto in maniera colorita di “farsi benedire”, e ha chiosato «Stiamo seguendo questa raccomandazione».

In precedenza, Elon Musk ha confermato l’intenzione di ritirare i finanziamenti da Starlink in Ucraina: «SpaceX non reclama le spese passate, ma non può nemmeno finanziare il sistema attuale a tempo indeterminato e, per di più, inviare alcune migliaia di terminali in più che utilizzano 100 volte più dati rispetto alle normali famiglie. Questo è irragionevole», Musk twittato.

Gli Stati Uniti hanno risposto con una inchiesta federale sull’imprenditore americano Elon Musk in relazione al suo accordo per acquisire Twitter.

Ad aprile, Musk ha offerto 44 miliardi di dollari per Twitter, ma poi ha chiesto di controllare i dati per vedere se il numero di account falsi utilizzati, tra le altre cose, per inviare spam non superasse il 5%. Secondo il miliardario, il social network ha sottovalutato il numero di tali account. Musk in seguito ha informato Twitter che si sarebbe ritirato dall’acquisto. Il social è andato in tribunale.

A insorgere i media ucraini che hanno richiamato l’attenzione sul fatto che la decisione di Musk di non pagare più per il servizio Internet Starlink in Ucraina è seguita pochi giorni dopo che l’ex ambasciatore ucraino Melnyk aveva offeso l’imprenditore statunitense.

In realtà l’impresa con una lettera al Pentagono ha scritto: «Da febbraio ad agosto, la fornitura di 20mila terminali Starlink, che forniscono comunicazioni tra i militari ucraini sul campo di battaglia, è già costata a Musk 80 milioni di dollari, entro la fine del 2022 saranno spesi 124 milioni di dollari per l’invio attrezzature in Ucraina e nell’anno 2023 – circa $ 400 milioni».

Da una lettera inviata al Pentagono dal direttore vendite di SpaceX l’8 settembre, è emerso che circa l’85% delle stazioni operanti in Ucraina sono state in parte pagate da Regno Unito, Stati Uniti e Polonia. I paesi esteri hanno anche pagato circa il 30% del costo della connessione a Internet satellitare Starlink, che costa $ 4,5 mila al mese. Il restante 70% dell’importo è stato coperto dalla stessa SpaceX.

«Non siamo in grado di donare ulteriormente stazioni [satellitari] all’Ucraina e stazioni finanziarie già consegnate per un periodo di tempo indefinito», ha affermato la società in una lettera.

Tra i documenti inviati al Dipartimento della Difesa statunitense, c’è anche una richiesta del comandante in capo delle forze armate ucraine Valery Zaluzhny a Elon Musk per quasi 8.000 altri terminali Starlink. In una lettera separata al dipartimento, il consulente finanziario dell’azienda rileva che questa richiesta ha causato grandi difficoltà a Space X che, a suo avviso, non sarà in grado di soddisfarla.

Secondo il ​​primo vice capo del comitato internazionale del Consiglio della Federazione Dzhabarov, Senza Starlink, l’esercito ucraino non sarà in grado di puntare le armi alle coordinate dei satelliti, riporta RIA Novosti. Non solo la scorsa settimana i russi hanno mandato in orbita il nuovo satellite con il nuovo sistema Glonass, il GPS russo che di certo sosterrà i puntamenti russi.

Tommaso Dal Passo