MYANMAR. “Non ci arrenderemo mai ai militari”, dice l’opposizione

50

La giunta del Myanmar ha dichiarato la legge marziale in alcune parti della più grande città del paese, mentre le forze di sicurezza hanno ucciso più manifestanti in una spirale sempre più letale sulla resistenza al colpo di stato militare del mese scorso. Almeno 38 persone sono state uccise domenica e decine sono state ferite in uno dei giorni più letali della repressione, secondo l’Associazione di assistenza per i prigionieri politici, gruppo indipendente che traccia il bilancio della violenza, riporta Ap.

La maggior parte delle persone uccise, 34, erano a Yangon, area in cui due sobborghi, Hlaing Thar Yar e la vicina Shwepyitha sono stati posti sotto legge marziale. Hlaing Thar Yar è stato il luogo che ha registrato 22 civili uccisi il 124 marzo, più di una dozzina di civili sono stati feriti e il sobborgo è stato circondato da un gran numero di forze militari.

Dalla presa di potere di sei settimane fa, il Myanmar è sotto uno stato di emergenza nazionale, con i suoi leader civili estromessi e detenuti e i leader militari incaricati di tutto il governo. La televisione statale Mrtv alla fine di domenica ha usato per la prima volta l’espressione legge marziale dal colpo di stato e suggeriva un controllo militare più diretto della sicurezza, invece che della polizia locale. Il Consiglio amministrativo statale ha agito per aumentare la sicurezza e ripristinare la legge e l’ordine e ha detto che al comandante regionale di Yangon sono stati affidati poteri amministrativi, giudiziari e militari nell’area sotto il suo comando.

Altri quattro morti sono stati segnalati a Bago, Mandalay e nella città settentrionale di Hpakant nello stato di Kachin. A Yangon, un video postato sui social media ha mostrato folle di persone, alcune con elmetti e maschere antigas, correre lungo una strada tra suoni di spari. I manifestanti hanno rapidamente spruzzato vapore dagli estintori mentre si ritiravano – una tattica ampiamente utilizzata per soffocare il gas lacrimogeno e creare uno schermo di vapore che rende più difficile per la polizia inseguire o sparare ai manifestanti.

Come una nuova tattica, i manifestanti hanno usato l’oscurità per tenere veglie di massa a lume di candela sabato e domenica sera in un’area commerciale di Yangon che di solito era la scena delle loro proteste diurne. Manifestazioni dopo il tramonto si sono tenute anche a Mandalay e altrove.

Sabato, il leader del governo di Myanmar in clandestinità, Mahn Win Khaing Than ha giurato di continuare a sostenere una “rivoluzione” per spodestare i militari che hanno preso il potere il 1 febbraio. Khaing che è stato nominato vice presidente ad interim dai parlamentari spodestati del Myanmar ed è un membro del partito politico di Aung San Suu Kyi, si è rivolto al pubblico per la prima volta dopo il colpo di stato: «Questo è il momento più buio della nazione e il momento in cui l’alba è vicina (…) Al fine di formare una democrazia federale, che tutti i fratelli etnici che hanno sofferto vari tipi di oppressioni dalla dittatura per decenni desideravano veramente, questa rivoluzione è la possibilità per noi di mettere insieme i nostri sforzi (…) Non ci arrenderemo mai ai militari, ma scolpiremo il nostro futuro insieme con il nostro potere unito. La nostra missione deve essere compiuta». Alla fine del messaggio, ha mostrato il saluto a tre dita che è diventato un simbolo di resistenza ai governanti militari.

Antonio Albanese