CINA. Hong Kong è un affare interno di Pechino, dice Trump

55

Il presidente Donald Trump ha definito le recenti proteste a Hong Kong come “rivolte”, usando lo stesso termine usato dalle autorità cinesi e suggerendo che gli Stati Uniti resterebbero fuori da una questione che era «tra Hong Kong e la Cina». «Qualcosa sta probabilmente accadendo con Hong Kong, perché quando si guarda, si sa cosa sta succedendo, hanno avuto rivolte per un lungo periodo di tempo», ha detto Trump ai giornalisti alla Casa Bianca il 1 agosto, riporta Bloomberg.

Trump ha detto che non sapeva quale fosse l’atteggiamento della Cina nei confronti dei disordini nell’ex colonia britannica, che ospita decine di migliaia di americani. «Qualcuno ha detto che a un certo punto si dovrà fermare tutto questo», ha detto Trump. «Ma è una questione tra Hong Kong e la Cina, perché Hong Kong fa parte della Cina». I commenti di Trump sulle proteste di Hong Kong potrebbero rafforzare il governo della città, sostenuto da Pechino, per reprimere, nonostante gli sforzi ufficiali del Dipartimento di Stato americano per difendere la libertà di espressione dei manifestanti. Lo scenario da incubo di Hong Kong è quello delle truppe cinesi per le strade.

Il Global Times ha segnalato l’”approvazione” del presidente Usa con un articolo intitolato “Trump dice ls verità sulle sommosse di Hong Kong”. Il partito comunista cinese ha a lungo usato tali accuse per giustificare l’uso della forza contro i dissidenti, definendo le proteste del 1989 in piazza Tienanmen una “sommossa controrivoluzionaria”. Nelle sue osservazioni, quindi, Trump ha segnalato di considerare la questione interna della Cina da risolvere.

Nell’incontro a latere dell’Asean tra Wang Yi e Mike Pompeo a Bangkok, «Wang Yi ha chiarito le posizioni della Cina sul Mar Cinese Meridionale, Xinjiang e Hong Kong e ha esortato la parte statunitense a scegliere le sue parole per rispettare gli interessi fondamentali e le principali preoccupazioni della parte cinese», riporta Xinhua.

Gli Stati Uniti non hanno alcun desiderio di contenere la Cina, ma sono ansiosi di vedere “progressi regolari” nei loro negoziati commerciali, ha detto il segretario di Stato americano Mike Pompeo, secondo quanto detto dal ministro degli Esteri cinese. Wang ha detto ai giornalisti nella capitale thailandese che Pompeo ha detto che gli Stati Uniti non hanno intenzione di contenere la Cina e non vogliono limitare gli scambi tra i cittadini dei rispettivi paesi, riporta Scmp.

Antonio Albanese