MOZAMBICO. Le forze speciali USA addestrano i Marines di Maputo contro Daesh

98

La componente marina delle Forze Armate per la Difesa del Mozambico, Fadm, sta ricevendo l’addestramento delle Forze per le Operazioni Speciali degli Stati Uniti, secondo una dichiarazione rilasciata dall’Ambasciata degli Stati Uniti a Maputo il 15 marzo. L’ambasciata Usa ha detto che il programma di due mesi Joint Combined Exchange Training, Jcet, vedrà i marines mozambicani beneficiare dell’esperienza e della conoscenza delle forze speciali statunitensi per aumentare le capacità operative antiterrorismo.

Il Mozambico è coinvolto nei combattimenti nella sua provincia di Cabo Delgado, dove gli estremisti islamici hanno fatto sfollare 670.000 e ucciso altre 2.000 persone. Gli islamisti hanno anche preso il controllo di villaggi e città, compreso il porto di Mocimboa da Praia. Cabo Delgado è sede di importanti sviluppi di petrolio e gas da ritrovamenti in mare aperto.

La dichiarazione Usa dice che: «Gli Stati Uniti danno priorità al rispetto dei diritti umani, alla protezione dei civili e all’impegno con la società civile in tutta l’assistenza alla sicurezza. Gli Stati Uniti sono impegnati a sostenere il Mozambico con un approccio sfaccettato e olistico per contrastare e prevenire la diffusione del terrorismo e dell’estremismo violento. Questo approccio affronta questioni di sviluppo socio-economico e la situazione della sicurezza. La protezione dei civili, i diritti umani e l’impegno della comunità sono centrali per la cooperazione statunitense e fondamentali per contrastare efficacemente lo Stato Islamico in Mozambico«, riporta Defence Web. Oltre alla formazione, il governo degli Stati Uniti sta fornendo attrezzature mediche e di comunicazione al Fadm.

La settimana scorsa gli Stati Uniti hanno messo nella lista nera dei gruppi estremisti islamici della Repubblica Democratica del Congo e del Mozambico come organizzazioni terroristiche straniere per gli apparenti legami con lo Stato Islamico; gli Usa chiamano questi gruppi ISIS-DRC e ISID-Mozambico.

Le Allied Democratic Forces e il suo leader Seka Musa Baluku e Ahlu Sunnah Wa-Jama del Mozambico e il leader Abu Yasir Hassan sono stati nominati «terroristi globali». Le designazioni impediscono i viaggi negli Stati Uniti, congelano i beni legati agli Stati Uniti, vietano agli americani di fare affari con loro e rendono un crimine fornire supporto o risorse ai movimenti.

Ahlu Sunnah Wa-Jama, conosciuto in Mozambico come Al-Shabaab, ha messo in scena il suo primo attacco nel 2017. Inizialmente noti per le decapitazioni, i combattenti hanno dichiarato fedeltà allo Stato Islamico nel 2019 e hanno aumentato gli attacchi in scala e frequenza.

Maddalena Ingroia