Gas russo senza sconti per l’UE

83

RUSSIA – Mosca. 28/06/14. Gazprom non esclude la possibilità di limitare le forniture di gas alle imprese europee. Lo ha detto il presidente del gigante del gas, Alexei Miller, all’ITAR-TASS.

Secondo il numero uno di “Gazprom” l’iniezione di gas in stoccaggio del gas europeo sotterraneo (UGS) sarà di circa 5 miliardi di metri cubi. Lo stoccaggio normalmente è di 2,6 miliardi di metri cubi. «La Valutazione di estrazione giornaliera, che possiamo fornire di UGS in Europa è di circa 54-55 milioni di metri cubi al giorno» ha detto il capo della società. Miller ha osservato che «l’iniezione di gas in stoccaggio non risolve completamente i rischi di transito in Ucraina».

Inoltre, il capo dell’azienda del gas ha detto che Gazprom non ha alcun interesse a partecipare alle GTS ucraino. Secondo Miller GTS Ucraina non appartiene a “Naftogaz”. Miller ha espressamente chiesto all’Ucraina di ammodernare l’impianto normativo: «Prima l’Ucraina deve cambiare una dozzina di leggi per poter fare qualcosa con il CTA».

Egli ha sottolineato che il costo della GTS dell’Ucraina è “molto basso”. Per quanto riguarda il proseguimento dei negoziati con l’Ucraina, il numero uno di Gazprom ha detto: «Oggi non c’è oggetto di negoziati». E ha spiegato che prima l’Ucraina deve saldare i debiti poi si parlerà di tutto il resto.
In precedenza, l’Ucraina aveva proposto all’UE di lanciare gas “big inversa” in Slovacchia fino a 30 miliardi di metri cubi all’anno. Per il “Small inversa”, aveva già firmato un memorandum che prevede la fornitura di 22 milioni di metri cubi al giorno (circa 8 miliardi di metri cubi all’anno). Ma il 16 giugno da Gazprom è arrivato il no. Perché la Russia darà il gas all’Ucraina solo quando l’ucraina pagherà in modalità prepagata. Kiev, a sua volta, si è rifiutata di pagare, citando come ingiusta, la tariffa imposta da Mosca.

Dopo la cancellazione di tutti gli sconti in aprile 2014 il prezzo del gas per l’Ucraina è di 485 dollari per mille metri cubi. Durante il processo di negoziazione, la Russia ha accettato di ridurre il prezzo a 385 dollari, ma ancora insistito su Kiev gas più conveniente. Come risultato, i colloqui sono crollati e le forniture di gas russo verso l’Ucraina sono state interrotte a causa di un disaccordo sui prezzi e l’importo del debito.