MAR CINESE MERIDIONALE. Un mese di esercitazioni per la marina militare cinese

359

La Cina ha annunciato che terrà esercitazioni militari nel Mar Cinese Meridionale per tutto il mese di marzo, in un momento in cui l’esercito statunitense ha inviato sempre più frequentemente aerei e navi da ricognizione nella regione ed è in arrivo un gruppo di navi da guerra francesi.

Il Mar Cinese Meridionale rimarrà probabilmente un punto critico con la nuova amministrazione statunitense che dovrebbe continuare a fare pressione sulla Cina con mosse sia militari che politiche.

Stando a quanto riporta Global Times, le esercitazioni militari si terranno in una zona circolare con un raggio di cinque chilometri nel Mar Cinese Meridionale, a ovest della penisola di Leizhou, dal 1 al 31 marzo, e in quell’area l’ingresso di altre navi è vietato, si legge in un avviso di restrizione della navigazione pubblicato dall’amministrazione cinese per la sicurezza marittima.

Non sono stati forniti dettagli sulla tipologia delle manovre che terrà la marina militare cinese. Dal luglio 2020, la Cina ha tenuto diversi cicli di esercitazioni militari nella regione, indicandola come un luogo di routine per le esercitazioni.

Queste esercitazioni arrivano in un momento in cui gli Stati Uniti hanno iniziato a condurre di nuovo frequentemente operazioni di ricognizione ravvicinata sulle regioni costiere della Cina, nonché sugli ambienti idrologici nel Mar Cinese Meridionale. Secondo i dati di monitoraggio rilasciati dalla cinese South China Sea Strategic Situation Probing Initiative, Scspi, gli Stati Uniti hanno inviato aerei da ricognizione di diversi tipi, tra cui un drone da ricognizione marittima MQ-4C, un aereo spia EP-3E e un aereo da ricognizione strategica RC-135U, nel Mar Cinese meridionale nelle giornate di mercoledì, giovedì e sabato della scorsa settimana e la nave di sorveglianza oceanica Usns Impeccable il venerdì.

Secondo gli esperti militari cinesi, persegue Global Times, questo tipo di operazioni hanno un significato militare perché permettono agli Stati Uniti di raccogliere informazioni militari sull’Esercito Popolare di Liberazione e sugli ambienti idrologici del mare, comprese le intercettazioni delle comunicazioni Pla, i segnali elettromagnetici delle attrezzature cinesi e l’installazione di dispositivi sonar subacquei per tracciare i sottomarini di Pechino.

Il francese Navalnews, riporta che la Francia ha inviato una nave d’assalto anfibio e una fregata che dovrebbero effettuare due passaggi nel Mar Cinese Meridionale; le navi da guerra francesi dovrebbero navigare attraverso lo stretto di Qiongzhou, un mare interno della Cina tra la penisola di Leizhou e la provincia insulare di Hainan.

Antonio Albanese