BIELORUSSIA. Lukashenko non vuole l’unione con la Russia

381

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko pensa che la fusione di Bielorussia e Russia per creare organi di governo integrati non sia fattibile, riporta l’agenzia bielorusso BelTA. «Siamo uno stato sovrano e indipendente.

Oggi il mondo è cambiato così tanto che i discorsi che la Bielorussia dovrebbe diventare parte della Russia o che la Russia dovrebbe diventare parte della Bielorussia, o che qualsiasi altra fusione sotto singoli organi di governo dovrebbe avere luogo (…) Il mondo è cambiato così tanto che sarebbe semplicemente stupido anche lavorare in questa direzione. E, secondo, non è assolutamente necessario», ha detto durante un incontro con il primo Ministro Roman Golovchenko.

Il presidente bielorusso ha spiegato che «i bielorussi vivono a casa loro (…) Essendo uno stato sovrano indipendente, possiamo costruire un sistema di relazioni che sarà più potente delle relazioni dei territori separati nella stessa Federazione Russa», ha aggiunto Lukashenko riporta la Tass.

Secondo Lukashenko, la Bielorussia e la Russia hanno praticamente lo stesso livello di sviluppo in varie direzioni, e se i due paesi lo desiderano saranno in grado di costruire un tale sistema di interazione. «E noi abbiamo fatto molto perché questo accada. Semplicemente non ne parliamo. La nostra gente ha pari opportunità. Non importa quanto possa essere difficile, le entità economiche si capiscono a vicenda nei negoziati e hanno ottenuto molto», ha sottolineato il presidente bielorusso.

Lukashenko ha dichiarato ripetutamente che il sistema esistente degli organi dello Stato dell’Unione di Russia e Bielorussia non ha esaurito il suo potenziale fino ad oggi e si è opposto alla creazione di nuove strutture. L’organo supremo dello Stato dell’Unione è il Consiglio Supremo di Stato che comprende i capi di stato e di governo di Russia e Bielorussia, nonché i presidenti delle camere dei loro parlamenti. L’organo esecutivo è il Consiglio dei ministri che comprende i capi di governo e un certo numero di rappresentanti dei ministeri dei due paesi. Anche l’Assemblea parlamentare dello Stato dell’Unione è operativa.

Inoltre, i ministeri della Difesa russo e bielorusso hanno firmato per la prima volta, il 2 marzo, un programma di partenariato strategico per i prossimi cinque anni. È prevista la collaborazione tra le unità delle truppe di terra, le forze aeree e di difesa aerea, le forze delle operazioni speciali e le forze aviotrasportate dei due paesi.

Anna Lotti