Malta-Libia, accordo in vista sul petrolio

57

LIBIA – Tripoli. 25/06/13. Visita ufficiale, la prima del premier di Malta Joseph Muscat in Libia dove a Tripoli, ha incontrato il primo ministro libico dottor Ali Zidan. L’incontro è stato definito da entrambe le parti come cordiale tra due Paesi nel Mediterraneo. Al centro del dibattito: petrolio, migrazioni, investimenti, permessi di soggiorno.

Uno dei principali punti all’ordine del giorno discussi è stato quello settore petrolifero. Entrambi i leader hanno spiegato che i colloqui hanno portato a un potenziale accordo per l’importazione di carburante. A questo punto, l’obiettivo è stato quello di concentrarsi su ciò che unisce le due parti, ha riferito il dottor Muscat. Come tale, la “prima priorità” del governo maltese è stato l’accordo per l’acquisto di prodotti petroliferi correlati dalla Libia. «L’esplorazione del petrolio è nelle nostre intenzioni, ma prima dobbiamo trovare un accordo su l’acquisto di petrolio», ha ribadito il premier maltese aggiungendo che un accordo dovrebbe essere raggiunto tra i paesi vicini e il buon senso dovrebbe prevalere. Al momento questo è tutto ciò che ho da dire », quando si parla di ricerca di idrocarburi.

Dr Zidan ha spiegato che l’accordo di acquisto di carburante è possibile tra i due paesi ed ha affermato che la Libia è pronta a fornire il materiale richiesto a Malta. Ha detto che la Libia intende fornire di petrolio Malta. La Libia è pronta ad «Offrire le quantità di petrolio richieste da Malta» ma alcuni dettagli dovevano ancora essere chiariti prima che un accordo venga siglato, ha detto. Poco invece è stato detto circa la questione dei confini marittimi che per anni ha ostacolato gli sforzi di esplorazione di petrolio di Malta. Ma il dottor Muscat si è detto ottimista circa la via da seguire. «Non voglio dire che abbiamo raggiunto un accordo, ma posso certamente dire che oggi è stato un buon inizio», ha detto il Primo Ministro maltese, aggiungendo che è stato positivo anche il fatto che il dottor Zidan era accompagnato dal ministro per il petrolio della Libia e il Ministro Gas Abdulbari Arousi al colloqui Un altro tema importante all’ordine del giorno è stato semplificando il rilascio dei visti di viaggio sia da Libia e Malta. Entrambi i governi concordano sul fatto che il processo deve essere accelerato il più possibile. Nonostante tutti gli sforzi da parte di Malta sono limitati dalla necessità di aderire alle regole dell’area Schengen, dove è imposta la necessità di un visto per i cittadini libici, il primo ministro maltese ha dichiarato che sotto il cappello di Malta si è impegnata a rivedere il regime dei visti per garantire che i visti sono rilasciati «nel più breve tempo possibile». 

Malta ha ricordato, Muscat, attualmente l’unico paese dell’Unione europea con un consolato pienamente funzionale a Bengasi. E ha promesso il suo impegno per agevolare i viaggi per i cittadini libici.

Zidan ha osservato, che durante il regime di Gheddafi la reputazione dei libici era stat offuscata, mentre il dottor Muscat ha detto che sarebbe stato felice di rivedere più libici che visitano Malta. La questione della migrazione è stato inoltre citato con il dottor Zidan sminuire la portata della migrazione. Ha insistito sulla necessità di assistenza straniera.

I giornalisti libici hanno espresso preoccupazione per i rapporti con il vicino Ciad e Niger, dove il numero di migranti e richiedenti asilo arrivano in Libia per salpare per l’Europa

Zida ha spiegato che i negoziati con gli Stati vicini Ciad e Niger sono in corso, nel tentativo di limitare i flussi migratori. Ed ha espresso la sua preoccupazione per l’emergenza umanitaria ai confini meridionali del paese, nelle zone desertiche. 

Zidan ha accettato un invito a visitare Malta nel prossimo futuro. Mentre Muscat ha promesso che una delegazione economica lo avrebbe accompagnato nella sua prossima visita per aprire la strada a ulteriori investimenti maltesi in Libia, mentre Zidan ha menzionato il turismo e le costruzioni, come le possibili opportunità di investimento.