HONG KONG. Sotto ispezione i conti di Evergrande 2020

101

L’ente di controllo economico di Hong Kong, il Financial Reporting Council, ha detto il 15 ottobre che stava indagando sui conti 2020 del gruppo China Evergrande e sulla loro revisione da parte di PwC perché aveva preoccupazioni circa l’adeguatezza della segnalazione sul fatto che potesse continuare a essere in attività. Evergrande, a corto di liquidità, ha cercato di cedere alcune attività per ripagare i creditori che bussano alle sue porte. Con più di 300 miliardi di dollari di passività, ha già mancato tre cicli di pagamenti di interessi sulle sue obbligazioni internazionali.

Il Financial Reporting Council ha detto di aver avviato un’indagine sui conti di Evergrande per l’intero anno 2020 e la prima metà del 2021, e un’indagine sulla revisione contabile di PwC dei conti 2020 di Evergrande. L’Frc ha detto che Evergrande, alla fine del 2020, ha riportato una liquidità di 159 miliardi di yuan, che non copriva le sue passività correnti di 1,5 trilioni di yuan, e aveva ulteriori prestiti di 167 miliardi di yuan con scadenza nel 2022.

Tuttavia, non veniva fatta alcuna dichiarazione esplicita circa l’esistenza di incertezze di continuità materiale prima o dopo gli effetti dell’implementazione dei piani che Evergrande ha detto di avere per mitigare gli impatti potenziali sul flusso di cassa.

PwC ha espresso un parere di revisione non modificato nella sua relazione del revisore sui conti annuali 2020, ma non ha fatto alcun riferimento alle incertezze materiali per quanto riguarda la continuità aziendale di Evergrande.

Nel frattempo, l’impresa statale cinese Yuexiu Propertysi è tirata fuori da una proposta di accordo da 1,7 miliardi di dollari per acquistare l’edificio del quartier generale di Hong Kong del China Evergrande Group per le preoccupazioni sulla situazione finanziaria dello sviluppatore, riporta Reuters.

Il crollo delle trattative per la vendita dell’edificio è un’altra battuta d’arresto per Evergrande, che ha dovuto cedere alcune attività per ripagare i creditori. Yuexiu, con sede a Guangzhou, era vicina a concludere un accordo in agosto per acquisire il China Evergrande Centre di 26 piani nel quartiere Wan Chai di Hong Kong, sede locale di Evergrande.

L’affare, tuttavia, ha vacillato dopo che il consiglio di Yuexiu si è opposto alla mossa per le preoccupazioni che l’indebitamento irrisolto di Evergrande avrebbe creato potenziali complicazioni nel completare la transazione senza problemi.

Evergrande aveva comprato l’edificio sul porto, che si trova nel quartiere commerciale e della vita notturna di Hong Kong, dalla Chinese Estates Holdings per 1,61 miliardi di dollari nel 2015. Quell’affare ha stabilito un record per una singola transazione di un edificio commerciale nell’hub finanziario asiatico con il più alto prezzo all’epoca. Ha anche reso la proprietà il più grande bene di Evergrande in città.

Antonio Albanese