GIAPPONE. Le patate fritte scompaiono dagli scaffali

139

La carenza di container per le spedizioni internazionali negli ultimi mesi ha creato ritardi e sospensioni delle vendite nel settore alimentare asiatico.

Sembrerà strano ma la prima merce ad essersi rarefatta sono le patatine fritte: Mos Burger, gestito da Mos Food Services, è diventato l’ultimo ad essere colpito; il 9 febbraio ha annunciato che stava sospendendo la vendita di patatine fritte dal 10. La catena di fast-food subìto ritardi nelle spedizioni di patate a causa della carenza di rifornimento indotta dalla pandemia. L’azienda si aspetta che la carenza di patate colpisca 1.256 punti vendita fino a metà marzo, riporta Nikkei.

McDonald’s Holdings Japan ha ripreso le vendite di pacchetti di patatine fritte di medie e grandi dimensioni solo il 7 febbraio, dopo una sospensione di alcune settimane. McDonald’s ha detto che i suoi rifornimenti erano stati tagliati dalle cattive condizioni meteorologiche, dalle inondazioni in Canada e dalla carenza di container che ha paralizzato le operazioni nel porto di Vancouver.

Ma il Giappone non è l’unico paese che lotta con le forniture di patate.

Anche McDonald’s Malesia e Indonesia stanno lottando per vendere proprio le patatine. «Stiamo affrontando una crisi di fornitura di patatine fritte», ha detto McDonald’s Malesia il 24 gennaio. Ha fermato la vendita di patatine nelle confezioni grandi. Anche McDonald’s Indonesia ha preso una simile decisione, ma ha twittato il 31 gennaio che continuerà a vendere patatine medie.

La crisi dei container doveva essere risolta prima che lo squilibrio tra domanda e offerta potesse placarsi, ma era difficile prevedere quando ciò sarebbe accaduto, dipendendo molto dall’omicron e da qualsiasi onda post-omicron; si prevede che la volatilità potrebbe durare fino alla seconda metà del 2022.

Anche i venditori di vino sono nel stesse acque: «Non sappiamo quando il ritardo delle importazioni si ripeterà”, ha detto Mercian, il braccio di Kirin che produce vino, il 2 febbraio. Anche se la società l’8 febbraio ha ricominciato a vendere vino importato dopo aver sospeso le vendite per quasi cinque mesi a causa della mancanza di container, Nagabayashi ha detto che le interruzioni della catena di approvvigionamento sono ancora una preoccupazione.

La sospensione delle vendite di 10 vini californiani ha colpito le entrate dell’azienda. I vini importati, che rappresentano il 40,9% del volume totale delle vendite di Mercian, sono diminuiti del 20% nel 2021 rispetto all’anno precedente.

Anche la sua rivale, Suntory Holdings, ha interrotto le vendite di vini australiani dalla fine di gennaio. Oltre alla carenza globale di container, l’azienda ha anche affrontato un ritardo nella produzione nella sua cantina in Australia.

Nonostante questo la domanda di dicembre è aumentata del 40%, il doppio di quanto si aspettava. Suntory non ha potuto tenere il passo con la domanda che è balzata inaspettatamente dopo che il Giappone ha revocato lo stato di emergenza l’anno scorso. Suntory sta progettando di riavviare le vendite dei suoi vini australiani dopo aprile, ma l’offerta di container potrebbe ancora ostacolare le operazioni.

Anche l’industria alimentare sta affrontando problemi simili. Il produttore di cibo congelato Nichirei ha lottato per trovare lavoratori cambogiani per la sua filiale tailandese. L’utilizzo della fabbrica è diminuito, costringendo l’azienda a vendere una nuova linea di pollo fritto congelato a un numero minore di mercati l’anno scorso.

Lucia Giannini