GIAPPONE. Finita l’emergenza COVID resta quella economica

181

Se in Giappone l’emergenza pandemica è finita non sembra esserlo quella economica: la ripresa economica stenta a decollare mentre le interruzioni della catena di approvvigionamento e le carenze di manodopera si trascinano.

L’industria automobilistica è stata una fonte di preoccupazione. La carenza di chip che si estende ai fornitori del sud-est asiatico colpiti dal coronavirus si fa ancora sentire: Toyota Motor taglierà la produzione globale del 40% dai piani precedenti questo mese e fermerà temporaneamente tutti gli impianti di veicoli in Giappone; Honda diminuirà la produzione giapponese del 30% rispetto ai precedenti piani di ottobre, riporta Nikkei.

L’ultimo sondaggio “tankan” della Banca del Giappone sul sentimento delle imprese, pubblicato lo scorso venerdì, sottolinea le ansie del settore. L’indice per le grandi aziende automobilistiche a settembre è sceso di 10 punti da giugno a meno 7. Le piccole e medie imprese del settore, che consistono in gran parte di produttori di parti, sono scese di 4 punti a 7.

Fumio Kishida, il neoeletto leader del partito liberaldemocratico al potere e primo Ministro, ha detto di essere favorevole a un pacchetto di stimoli economici quest’anno del valore di diverse centinaia di miliardi di dollari.

I ritardi nella produzione di auto hanno colpito duramente i concessionari. Le vendite di nuovi veicoli in Giappone sono crollate del 32% il mese scorso al livello più basso di settembre in 53 anni.

Poiché le automobili richiedono materiali provenienti da una vasta gamma di altre industrie, le acciaierie, i produttori di macchinari elettrici e altre imprese stanno ora subendo una flessione conseguente.

Un rallentamento dell’economia globale incombe anche sui produttori giapponesi, che sono diventati sempre più dipendenti dai mercati esteri. Il benchmark Purchasing Manager’s Index della Cina è sceso a 49,6 a settembre, scivolando sotto la linea del boom di 50, a causa della crescente crisi energetica che comprime le operazioni di fabbrica.

I problemi di produzione si estendono oltre l’industria automobilistica. L’operatore di Uniqlo Fast Retailing a settembre ha posticipato il lancio di alcuni nuovi articoli in Giappone di un mese, dopo che i fornitori in Vietnam hanno chiuso o ridotto la produzione a causa delle restrizioni Covid. Anche altre grandi aziende di abbigliamento potrebbero rivedere i loro programmi.

I non-manifatturieri, come i ristoranti e le altre imprese guidate dalla domanda interna, sembrano tendere verso una ripresa con lo stato di emergenza revocato. L’indice tankan per i grandi non-manifatturieri è arrivato a più 2, ed è visto salire a più 3 in dicembre.

L’allentamento delle restrizioni legate al coronavirus genererà una spinta economica di 20 miliardi di yen al giorno in ottobre e oltre, o oltre 7 trilioni di yen su base annua, secondo il Dai-ichi Life Research Institute.

Ma le aziende focalizzate sulla domanda interna sono anche vulnerabili ai problemi dell’offerta, in particolare in termini di manodopera. Le aziende di logistica stanno lottando per assicurarsi abbastanza lavoratori per gestire l’aumento dei volumi dei pacchi.

La domanda di shopping online alimentata dalla pandemia non si è ancora attenuata, e l’affollata stagione dei saldi di fine anno incombe. Con la crescente concorrenza per i lavoratori della logistica, il salario medio nel settore si è attestato a 1.190 yen all’ora a settembre, con un aumento di 17 yen.

Anche con l’aumento dei salari, l’indice tankan per le condizioni di impiego si attesta a meno 17 per tutti i settori e tutte le dimensioni delle aziende, indicando una persistente carenza di manodopera.

Nel frattempo, i ristoranti che hanno rispettato i limiti raccomandati sulle operazioni hanno perso dipendenti a favore di minimarket e altri posti. Ora stanno lottando per riassumere le persone, al punto che alcune sedi non sono in grado di riaprire completamente.

Graziella Giangiulio