ENERGIA. Il prezzo del carbone australiano torna ai livelli preinvasione ucraina

342

Il prezzo di riferimento internazionale per il carbone utilizzato per la produzione di energia è sceso ai livelli visti per l’ultima volta, prima che l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia un anno fa facesse aumentare la domanda.

Il prezzo spot settimanale del carbone termico di alta qualità spedito dal porto australiano di Newcastle si è attestato a fine febbraio a circa 179,57 dollari per tonnellata, quasi il 60% in meno rispetto al suo massimo storico di settembre. Dopo l’invasione, il carbone è salito fino a metà gennaio, aggirandosi per lo più intorno ai 400 dollari, mentre gli acquirenti cercavano alternative al carbone russo e al costoso gas naturale, riporta Nikkei.

Questa tendenza potrebbe attenuare l’incombente impennata dei prezzi dell’elettricità in Giappone, che si affida all’energia del carbone più di molte altre economie avanzate. Il calo è avvenuto in concomitanza con l’attenuarsi dei timori di una carenza di gas in Europa. Un inverno caldo e record ha fatto sì che si consumasse meno gas per riscaldarsi, mantenendo le scorte alte per questo periodo dell’anno. I prezzi europei del gas naturale sono crollati dell’80% rispetto al loro picco.

Poiché il carbone è abbondante e non è concentrato in regioni specifiche come il petrolio o il gas, è stato relativamente economico e accessibile. L’impennata dei prezzi dello scorso anno ha eroso questo vantaggio economico.

Secondo le stime dell’Istituto di Economia dell’Energia del Giappone, nella seconda metà dello scorso anno i prezzi delle importazioni giapponesi di carbone, petrolio e gas naturale liquefatto erano circa pari a parità di contenuto termico.

L’offerta si è stabilizzata parallelamente al calo della domanda. Un’azienda carbonifera ha osservato che, mentre la produzione di carbone australiano solitamente cala durante la stagione delle piogge, quest’anno è rimasta stabile.

Un carbone australiano più economico potrebbe significare una riduzione dei prezzi dell’elettricità per il Giappone. Il Paese genera il 30% della sua energia dal carbone, secondo solo al gas, e si stima che nel 2022 il 65% di questo carbone provenga dall’Australia. La quota dovrebbe salire al 69% quest’anno a causa dell’embargo sul carbone russo.

Detto questo, ci vogliono dai tre ai cinque mesi prima che le modifiche apportate dal sistema di aggiustamento del costo del combustibile delle utility giapponesi, che riflette le fluttuazioni del prezzo del combustibile, si manifestino nelle tariffe elettriche.

Tutte le 10 principali compagnie elettriche giapponesi hanno raggiunto il limite per il trasferimento dei prezzi più alti del carburante ai clienti entro ottobre, costringendoli a sostenere da soli il resto dei costi. Sette hanno chiesto al governo l’autorizzazione ad aumentare direttamente le tariffe, tra il 30% e oltre il 40%.

Alcune delle richieste più consistenti provengono da aziende di servizi pubblici che dipendono dal carbone, come Okinawa Electric Power e Hokuriku Electric Power, probabilmente in parte perché il prezzo che pagano per il combustibile – solitamente acquistato con contratti di un anno – è strettamente correlato al mercato spot.

Non si può escludere un altra impennata del carbone. Le alternative al carbone russo rimangono limitate e le nuove preoccupazioni per la carenza di gas in Europa nel corso dell’anno, o un’impennata della domanda da parte della Cina con la ripresa dell’economia, potrebbero far salire i prezzi.

Maddalena Ingrao

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/