ALGERIA. ONU chiede di porre fine alla repressione contro il movimento per i diritti umani

245

«Gli atti di intimidazione, silenzio e repressione contro il movimento per i diritti umani in Algeria devono finire», ha sottolineato mercoledì 1° marzo il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla situazione, il difensore dei diritti umani, Mary Lawlor.

L’esperto indipendente delle Nazioni Unite ha espresso preoccupazione per la crescente repressione della società civile da parte delle autorità algerine, a seguito dello scioglimento della Lega algerina per la difesa dei diritti umani (LADDH) e del Rassemblement actions jeunesse (RAJ), due delle più importanti associazioni per la difesa dei diritti umani in Algeria.

«La decisione di sciogliere queste due rispettabili associazioni per i diritti umani dimostra un’allarmante repressione delle organizzazioni della società civile e mina seriamente lo spazio in cui i difensori dei diritti umani possono associarsi, esprimersi liberamente e svolgere le loro legittime attività per i diritti umani», ha affermato. «Le decisioni di sciogliere queste due rinomate organizzazioni per i diritti umani devono essere revocate», ha detto Lawlor al sito di notizie delle Nazioni Unite. Il procedimento contro il LADDH non ha rispettato i principi del diritto a un giusto processo, ha osservato, rilevando che l’associazione non è stata informata del processo destinato ad affrontarla dal Ministero dell’Interno nel maggio 2022, o della data del processo davanti al tribunale amministrativo nel giugno 2022, o addirittura la decisione di sciogliere.

«Il LADDH non ha avuto l’opportunità di esaminare le accuse mosse contro di esso e di presentare una difesa», ha lamentato l’esperto. Lo stesso vale per la RAJ, che è stata oggetto di una decisione di scioglimento da parte del tribunale amministrativo nell’ottobre 2021, in attesa dell’esito della loro udienza di appello, che si terrà il 23 febbraio 2023 presso il Consiglio di Stato.

«Condividiamo serie preoccupazioni riguardo a molte disposizioni della legge algerina sulle associazioni, che sono in contraddizione con il diritto internazionale dei diritti umani», ha insistito.

E per concludere che gli scioglimenti avvengono in un clima in cui i difensori dei diritti umani non si sentono sicuri di svolgere il loro lavoro ed esercitare i loro diritti alla libertà di espressione, di riunione pacifica e di associazione.

Redazione

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/