COREA DEL NORD. Intensificata la cooperazione con Mosca

91

La Corea del Nord e la Russia hanno concordato di rafforzare ulteriormente la loro cooperazione in vari settori, tra cui l’economia, la scienza e la tecnologia; uno sviluppo che potrebbe creare potenziali scappatoie nelle sanzioni delle Nazioni Unite volte a frenare il programma nucleare di Pyongyang.

I funzionari di Pyongyang e Mosca hanno firmato mercoledì scorso un protocollo che promette l’espansione della cooperazione bilaterale nella capitale della Corea del Nord, riportano Kcna e Rfa: «È stato firmato il protocollo del decimo incontro della commissione per la cooperazione commerciale, economica e scientifica tra il governo della Repubblica popolare democratica di Corea e il governo della Federazione Russa».

Dal 14 novembre, la Russia ha inviato una delegazione a Pyongyang, guidata dal ministro delle Risorse naturali Alexander Kozlov, per partecipare all’incontro bilaterale.

«Sono state discusse specificamente una serie di questioni, comprese le misure per rivitalizzare ed espandere gli scambi bilaterali e i progetti di cooperazione», riporta Kcna, aggiungendo che i campi di discussione comprendevano commercio, economia, scienza e tecnologia senza però dare ulteriori dettagli. 

Ma i media statali hanno spiegato che l’accordo era in linea con il consenso generale raggiunto durante il vertice tra il leader nordcoreano Kim Jong Un e il suo omologo russo Vladimir Putin a settembre.

Due mesi fa i due leader hanno concluso un accordo reciproco per rafforzare le loro relazioni bilaterali nell’Estremo Oriente della Russia. Nello specifico, hanno acconsentito a cooperare in molteplici settori, come la tecnologia e l’economia.

Al centro di questa cooperazione c’è la possibilità che la Russia fornisca tecnologia missilistica in cambio di forniture di munizioni, essenziali per le sue operazioni in Ucraina.

I segnali di questa cooperazione sono già evidenti. Il 15 novembre, Kcna ha riferito del test riuscito di un nuovo motore a combustibile solido per un missile balistico a raggio intermedio, Irmb.

La complessità tecnica coinvolta nel testare i motori Irbm suggerisce che il supporto tecnico russo avrebbe potuto aiutare la Corea del Nord ad acquisire motori a combustibile solido ad alta spinta sviluppati per il loro nuovo tipo di Irmb. L’Irmb nordcoreano ha una portata di circa 4.000 chilometri, in grado di colpire i territori degli Stati Uniti nel Pacifico occidentale, inclusa Guam.

Il servizio di intelligence nazionale della Corea del Sud ha dichiarato ai suoi parlamentari nell’Assemblea nazionale all’inizio di questo mese che la Russia ha già acquisito oltre 1 milione di proiettili di artiglieria dalla Corea del Nord da agosto.

La portata dello scambio di tecnologia e munizioni tra la Corea del Nord e la Russia rimane poco chiara. Tuttavia, lo sviluppo bilaterale, che implica una maggiore cooperazione dall’economia alla tecnologia militare, potrebbe portare all’inefficacia degli attuali regimi sanzionatori delle Nazioni Unite progettati per frenare le ambizioni nucleari di Pyongyang.

In particolare, l’assistenza economica della Russia al regime di Kim Jong Un potrebbe fornire a Pyongyang un mezzo alternativo e la capacità di resilienza per superare le sanzioni economiche multilaterali. Inoltre, gli aiuti tecnologici di Mosca potrebbero aiutare il Nord ad aggirare le restrizioni internazionali sul freno al progresso della tecnologia missilistica.

Per rispondere a queste nuove minacce geopolitiche, gli Stati Uniti e i loro alleati asiatici, tra cui Corea del Sud e Giappone, probabilmente rafforzeranno ulteriormente la loro cooperazione in materia di sicurezza.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken, il suo omologo sudcoreano Park Jin e il ministro degli Esteri giapponese Yoko Kamikawa si sono incontrati il 14 novembre a San Francisco, definendo la cooperazione militare tra Russia e Corea del Nord una «seria minaccia alla pace e alla stabilità internazionale» una dichiarazione del ministero degli Esteri della Corea del Sud, riporta Rfa.

Luigi Medici 

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/