COREA DEL NORD. Il nuovo ICBM può attaccare contemporaneamente Washington e New York

87

I militari della Corea del Sud possono “rispondere immediatamente e abbattere” l’artiglieria e i missili nordcoreani se vengono usati per attaccare il Sud, ha detto il 13 ottobre il ministero della Difesa sudcoreano, dopo che il Nord ha svelato nuove armi durante la parata militare avvenuta la settimana scorsa.

Il 10 ottobre, la Corea del Nord ha tenuto una imponente parata militare a Pyongyang per celebrare il 75° anniversario della fondazione del Partito dei lavoratori, svelando un nuovo missile intercontinentale, Icbm e un missile balistico sottomarino, Slbm, insieme a lanciarazzi multipli sviluppati di recente, riporta Yonhap.

La caratteristica che più colpisce della parata militare in occasione del 75° anniversario dell’istituzione del Partito dei lavoratori di Corea, è stato il missile balistico intercontinentale mostrato proprio alla fine della parata. La Corea del Nord lo ha descritto come «un’enorme arma nucleare strategica».

Questo nuovo missile è molto più grande dell’Hwasong-15. È stato difficile perdere di vista il veicolo lanciamissili a 11 assi, che ha reso piccolo il veicolo a 9 assi che trasportava l’Hwasong-15, fino a quel momento l’icvm più grande. Sulla base delle riprese video della parata, il nuovo missile sembra essere lungo circa 25-26 metri e con un diametro di 2,5-2,9 metri.

La dimensione maggiore non lascia dubbi sul fatto che il nuovo missile abbia una portata maggiore o porti un carico utile più pesante del suo predecessore. Ma considerando che l’Hwasong-15 è già in grado di colpire le città americane di New York e Washington, la portata in sé non sembra importante, a meno che la Corea del Nord non voglia portare il Sud America a portata di tiro, riporta Hankyoreh.

Questo ha portato gli esperti a ipotizzare che il missile sia dotato di tecnologia Mirv, riferendosi a un veicolo di rientro a più bersagli indipendenti. Ciò significherebbe che il missile potrebbe trasportare diverse testate.

Il giornale sudcoreano Chosun Ilbo ha persino ipotizzato, il 12 ottobre, che «il missile potrebbe probabilmente trasportare due o tre testate che potrebbero lanciare attacchi simultanei su Washington e New York».

Antonio Albanese