COREA DEL NORD. Il 90% dello stipendio dei nordcoreani all’estero va nelle casse di Kim Jong un

136

Migliaia di lavoratori nordcoreani hanno organizzato violente proteste a Jilin il mese scorso, arrabbiati per anni di salari non pagati e persistenti blocchi pandemici che impediscono loro di tornare a casa, dicono i ricercatori. Secondo l’agenzia di intelligence della Corea del Sud, le cattive condizioni per i nordcoreani che lavorano all’estero hanno portato a “incidenti su incidenti”.

L’osservazione è arrivata dopo le notizie di rare proteste e disordini nel nord della Cina tra i lavoratori di una società commerciale nordcoreana legata all’esercito. Stufi dei salari non pagati e del persistente lockdown dovuto alla pandemia, il mese di gennaio circa 3.000 lavoratori nordcoreani in Cina hanno organizzato proteste, secondo due ricercatori affiliati al governo sudcoreano, tra cui un ex diplomatico nordcoreano.

La notizia delle proteste, che Reuters ha affermato di non poter confermare in modo indipendente, arriva in un momento in cui Pyongyang sembra aver posto fine a ogni cooperazione economica con la Corea del Sud.

L’agenzia di stampa statale della Corea del Nord ha riferito l’8febbraio che Pyongyang ha abolito le leggi sulla cooperazione economica intercoreana, inclusa la zona speciale per i tour internazionali del Monte Kumgang e altre per far rispettare oltre 100 accordi economici con il Sud, secondo un rapporto di Radio Asia libera.

La mossa arriva settimane dopo che Pyongyang ha deciso di abolire le agenzie che gestiscono gli affari intercoreani.

Un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha affermato di “non essere a conoscenza” delle proteste nordcoreane quando gli è stato chiesto in merito durante un briefing quotidiano l’8 febbraio. L’ambasciata nordcoreana a Pechino e il suo ufficio consolare nella città cinese di confine di Dandong non hanno risposto alle richieste di commenti.

Le proteste su larga scala da parte dei nordcoreani sono praticamente inaudite e, secondo i ricercatori, ciò suggerisce che questi lavoratori sono in disaccordo sul loro destino: la Cina vuole rimandarli a casa per conformarsi alle risoluzioni delle Nazioni Unite ed evitare defezioni, ma la Corea del Nord vuole mantenere il numero dei lavoratori presenti.

Pyongyang esercita uno stretto controllo sui suoi lavoratori all’estero, sequestrando fino al 90% dei loro salari per finanziamenti governativi, secondo il rapporto del Dipartimento di Stato americano sulla tratta di persone del 2023, in cui si afferma che spesso affrontano “condizioni equivalenti al lavoro forzato”.

Per alcuni lavoratori, i salari vengono trattenuti fino al loro ritorno in Corea del Nord, aumentando la loro vulnerabilità alla coercizione e allo sfruttamento da parte delle autorità, afferma il rapporto. I recenti spostamenti sembrano aver peggiorato le condizioni, dicono i ricercatori.

A Helong, provincia di Jilin ci sarebbero 10 fabbriche tessili in cui lavorano i nordcoreani e sarebbero proprio queste fabbriche ad aver inscenato gli scioperi importanti. I salari, secondo i ricercatori sudcoreani, ammontavano a circa 10 milioni di dollari per un periodo di quattro-sette anni, aggiungendo che i funzionari del governo nordcoreano hanno pagato diversi mesi di stipendio ai lavoratori scontenti per porre fine alla controversia.

Una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite del 2017, sostenuta dalla Cina, richiedeva che i paesi rimpatriassero tutti i lavoratori nordcoreani entro dicembre 2019, sulla base del fatto che il loro lavoro veniva sfruttato per guadagnare valuta estera per i programmi nucleari e missili balistici vietati dalla Corea del Nord.

All’epoca, Pechino aveva dichiarato di averne rimpatriati più della metà, ma non aveva specificato una cifra. Secondo il Dipartimento di Stato americano, ci sono circa 20.000-100.000 nordcoreani che lavorano in Cina, principalmente in ristoranti e fabbriche.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/