COREA DEL NORD. Inizia il ricambio dei lavoratori in Cina

197

Le autorità nordcoreane hanno iniziato i preparativi per usa rientrare i lavoratori che si trovano attualmente in Cina e a inviarne di nuovi, per sostituirli.

Stando a Daily NK, la Corea del Nord e la Cina sembrano essere d’accordo anche sul rafforzamento della sorveglianza e del controllo sui lavoratori.

Un consolato nordcoreano in Cina ha recentemente incaricato le aziende cinesi che impiegano lavoratori nordcoreani e le società commerciali nordcoreane che gestiscono tali lavoratori che le fabbriche e le aziende cinesi che desiderano assumere lavoratori nordcoreani dovranno ricevere un permesso e spostare la loro sede di lavoro in una zona economica zona di sviluppo d’ora in poi.

Attualmente, la maggior parte dei lavoratori nordcoreani è impiegata nelle fabbriche della Dandong Bianjing Economy Cooperation Unit, della Shanghai Lingang Industrial Area e della Donggang Economic Development Zone, dove vivono insieme in dormitori.

Ma alcuni gruppi di 20 o 30 lavoratori nordcoreani sono stati assegnati a lavorare e vivere in fabbriche alla periferia delle grandi città o in piccoli centri, piuttosto che nelle zone di sviluppo economico consentite.

Era consuetudine per le società commerciali nordcoreane che gestiscono lavoratori nordcoreani in Cina assegnare alcuni dei lavoratori già nel paese a lavorare in quelle piccole fabbriche quando richiesto dalle società cinesi.

Ma i piccoli gruppi di lavoratori che vivono insieme nelle città non sono facili da gestire o controllare. A differenza dei lavoratori che si spostano solo tra dormitori e fabbriche in una zona di sviluppo economico, i lavoratori nelle città hanno più libertà di viaggiare al di fuori dei loro alloggi.

Ciò a volte porta a problemi con i lavoratori che abbandonano i loro alloggi o addirittura disertano. Un altro problema è che le informazioni interne, comprese le condizioni di lavoro dei lavoratori nordcoreani, diventano note al mondo esterno, creando grossi problemi al regime che bloccando questa possibilità intende evitare.

Ma poiché le zone di sviluppo economico in Cina sono gestite dai governi locali cinesi, le linee guida in questione non erano qualcosa che le autorità nordcoreane avrebbero potuto decidere da sole; cioè ci voleva l’assenso dell’ente locale cinese.

In mezzo a questi sviluppi, il richiamo dei lavoratori nordcoreani attualmente in Cina dovrebbe avvenire già a marzo. La rotta via terra tra la città nordcoreana di Sinuiju e la città cinese di Dandong potrebbe addirittura essere riaperta intorno a metà marzo per consentire il rimpatrio dei lavoratori in autobus.

In particolare, secondo quanto riferito, le autorità nordcoreane stanno pianificando di riportare a casa tutti i lavoratori nordcoreani che si trovano attualmente in Cina. Le normative nordcoreane generalmente limitano il distacco all’estero per i lavoratori a tre anni, ma molti di loro sono stati fuori dal paese per più di sei anni a causa della chiusura del confine durante la pandemia.

Mentre le aziende cinesi dovranno investire più tempo e capitale nella formazione dei lavoratori in sostituzione di quelli qualificati che vengono mandati a casa, i costi del lavoro per i lavoratori nordcoreani sono così bassi che la maggior parte delle aziende vede i benefici superiori ai costi.

La Corea del Nord e la Cina intenderebbero «cambiare rapidamente i lavoratori perché le loro esigenze si allineano su questo problema (…) Sebbene i tempi non siano stati fissati esattamente a causa del problema Covid-19, i lavoratori verranno turnati non appena si verificheranno le giuste circostanze», prosegue Daily NK.

Maddalena Ingroia

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/